Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Salmo 42:1-11

Al direttore. Maschil* per i figli di Cora.+ 42  Come la cerva anela ai corsi d’acqua,Così la mia medesima anima anela a te, o Dio.*+   La mia anima in realtà ha sete di Dio,+ dell’Iddio vivente.*+Quando verrò e apparirò dinanzi a* Dio?+   Le mie lacrime mi son divenute cibo giorno e notte,+Mentre mi dicono* tutto il giorno: “Dov’è il tuo Dio?”+   Queste cose certamente ricorderò, e di sicuro verserò la mia anima dentro di me.+Poiché passavo con la folla,Camminavo lentamente davanti a loro verso la casa di Dio,*+Con la voce di un grido di gioia e di rendimento di grazie,+Di folla che celebrava una festa.+   Perché ti disperi, o anima mia,+E perché sei tumultuosa dentro di me?+Aspetta Dio,+Poiché ancora lo loderò come la grande salvezza* della mia persona.*+   O mio Dio,* dentro di me la mia medesima anima si dispera.+Perciò mi ricordo di te,+Dal paese del Giordano e dalle vette dell’Ermon,*+Dal piccolo monte.*+   Acque dell’abisso chiamano acque dell’abisso*Al suono dei tuoi getti (d’acqua).*Tutti i tuoi flutti e le tue onde,+Sono passati sopra di me.+   Di giorno Geova comanderà alla sua amorevole benignità,*+E di notte il suo canto sarà con me;+Vi sarà preghiera all’Iddio della mia vita.*+   Certamente dirò a Dio mia rupe:+“Perché mi hai dimenticato?+Perché me ne vado con tristezza a causa dell’oppressione del nemico?”+ 10  Con assassinio contro le mie ossa mi hanno biasimato quelli che mi mostrano ostilità,+Mentre mi dicono tutto il giorno: “Dov’è il tuo Dio?”+ 11  Perché ti disperi, o anima mia,+E perché sei tumultuosa dentro di me?+Aspetta Dio,+Poiché ancora lo loderò come la grande salvezza della mia persona* e come il mio Dio.*+

Note in calce

Vedi nt. a 32:sopr.
“O Dio”, MLXXVg; TSy, “O Geova”.
“Dell’Iddio vivente”: ebr. leʼÈl chai. Vedi App. 1J per altri termini e titoli descrittivi riferiti a Geova.
“Apparirò dinanzi a”, MLXXVg; TSy, “vedrò la faccia di”.
“Dicono”, Sy e quattro mss. ebr.
“Dio”: ebr. ʼElohìm.
Lett. “le salvezze”. Ebr. yeshuʽòhth, pl. di maestà.
“Della mia faccia”, LXXSyVg e v. 11; MT, “della sua faccia”. Vedi nt. a 2Sa 17:11, “persona”.
“O mio Dio”: ebr. ʼElohài.
O, “e dai luoghi sacri (dalle vette sacre)”.
Lett. “dal monte della piccolezza”. Ebr. mehàr mitsʽàr; con una correzione, “Sion”.
O, “Ondeggianti acque chiamano ondeggianti acque”, M; LXXVg, “Abisso chiama abisso”.
“Delle tue cateratte”, LXXVg.
O, “amore leale”.
“All’Iddio della mia vita”, M(ebr. leʼÈl chaiyài)TLXXVg; Sy e molti mss. ebr., “all’Iddio vivente”. Vedi il v. 2.
Lett. “della mia faccia”. Vedi nt. al v. 5, “persona”.
“E come il mio Dio”: ebr. wEʼlohài.