Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Salmo 38:1-22

Melodia di Davide, per far ricordare. 38  O Geova, non riprendermi nella tua indignazione,+ Non correggermi nel tuo furore.+   Poiché le tue proprie frecce si sono profondamente confitte in me,+ E su di me è scesa la tua mano.+   Non c’è nella mia carne nessun punto sano a causa della tua denuncia.+ Non c’è pace nelle mie ossa a causa del mio peccato.+   Poiché i miei propri errori sono passati sulla mia testa;+ Come un carico pesante sono troppo pesanti per me.+   Le mie ferite son divenute fetide, sono venute a suppurazione, A causa della mia stoltezza.+   Sono sconcertato, mi sono chinato in misura estrema;+ Tutto il giorno sono andato in giro con tristezza.+   Poiché i miei medesimi lombi sono pieni di infiammazione, E non c’è nessun punto sano nella mia carne.+   Mi sono intorpidito e son divenuto affranto in misura estrema; Ho ruggito a causa del gemito del mio cuore.+   O Geova,* di fronte a te è tutto il mio desiderio, E il mio stesso sospiro non ti è stato nascosto.+ 10  Il mio proprio cuore ha palpitato gravemente, la mia potenza mi ha lasciato, E neanche la luce dei miei propri occhi è con me.+ 11  In quanto a quelli che mi amano* e ai miei compagni, continuano a star lontani dalla mia piaga,+ E i miei medesimi intimi conoscenti se ne sono stati a distanza.+ 12  Ma quelli che cercano la mia anima tendono trappole,+ E quelli che operano per la mia calamità hanno parlato di avversità,+ E continuano a borbottare inganni tutto il giorno.+ 13  In quanto a me, come un sordo, non ascoltavo;+ E come un muto, non aprivo la bocca.+ 14  E divenni come un uomo che non udiva, E nella mia bocca non c’erano argomenti contrari. 15  Poiché ho aspettato te, o Geova;+ Tu stesso rispondevi, o Geova* mio Dio.+ 16  Poiché dissi: “Altrimenti si rallegrerebbero di me;+ Quando il mio piede si muovesse in maniera instabile,+ certamente assumerebbero grandi arie contro di me”.+ 17  Poiché ero pronto a zoppicare,+ E il mio dolore era continuamente di fronte a me.+ 18  Poiché dichiaravo il mio proprio errore;+ Ero in ansia per il mio peccato.+ 19  E i miei nemici che sono in vita divennero potenti,+ E quelli che mi odiavano senza motivo divennero molti.+ 20  E mi ricompensavano col male per il bene;+ Continuavano a resistermi* in cambio del mio perseguire ciò che è buono.+ 21  Non lasciarmi, o Geova. O mio Dio, non stare lontano da me.+ 22  Affrettati in mio soccorso,+ O Geova* mia salvezza.+

Note in calce

Uno dei 134 cambiamenti degli scribi da YHWH in ʼAdhonài. Vedi App. 1B.
O, “ai miei amici”.
Vedi nt. al v. 9.
O, “erano avversari (satana) verso di me”. Ebr. yistenùni.
Vedi nt. al v. 9.