Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al sommario

Salmo 19:1-14

Al direttore. Melodia di Davide. 19  I cieli dichiarano la gloria di Dio;*+E la distesa annuncia l’opera delle sue mani.+   Un giorno sgorga detti ad altro giorno,+E una notte mostra conoscenza ad altra notte.+   Non ci sono detti, e non ci sono parole;Non si ode voce da parte loro.+   In tutta la terra è uscita la loro corda per misurare,*+E le loro espressioni fino all’estremità del paese produttivo.*+In loro ha posto una tenda per il sole,+   Ed è come lo sposo quando esce dalla sua camera nuziale;+Esulta come un uomo potente per correre nel sentiero.+   Da un’estremità dei cieli è la sua uscita,E il suo giro [completo] è fino alle loro [altre] estremità;+E non c’è nulla di nascosto al suo calore.+   La legge+ di Geova è perfetta,+ ridona l’anima.+Il rammemoratore+ di Geova è degno di fede,+ rende saggio+ l’inesperto.   Gli ordini+ di Geova sono retti,+ fanno rallegrare il cuore;+Il comandamento+ di Geova è mondo,+ fa brillare gli occhi.+   Il timore+ di Geova è puro, sussiste per sempre.Le decisioni giudiziarie+ di Geova sono veraci;*+ si son mostrate giuste tutte insieme.+ 10  Sono da desiderare più dell’oro,* sì, di molto oro raffinato;*+E più dolci del miele+ e del miele che cola dai favi.+ 11  Inoltre, il tuo proprio servitore è stato da esse avvertito;+Nell’osservarle c’è una grande ricompensa.+ 12  Gli sbagli, chi li può discernere?+Dai peccati nascosti dichiarami innocente.+ 13  Anche dagli atti* presuntuosi trattieni il tuo servitore;+Non mi dominino.+In tal caso sarò completo,+E sarò rimasto innocente da molta trasgressione. 14  I detti della mia bocca e la meditazione del mio cuore+Divengano piacevoli dinanzi a te, o Geova mia Roccia+ e mio Redentore.*+

Note in calce

“Dio”: ebr. ʼEl.
“La loro corda per misurare”: ebr. qawwàm; LXXVg, “suono”; Sy, “notizia”.
“Paese produttivo”: ebr. thevèl; LXX, “terra abitata”; lat. orbis terrae, “circolo della terra”.
Lett. “verità”.
“Dell’oro”: ebr. mizzahàv.
“Sì, di . . . oro raffinato”: ebr. umippàz.
O, “dagli uomini; da quelli”.
“E mio Redentore (Ricompratore)”: per estensione, “e mio Vindice (Vendicatore)”. Ebr. weghoʼalì; lat. redemptor. Vedi Gb 19:25; Pr 23:11.