Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Salmo 116:1-19

116  Io in effetti amo, perché Geova ode*+ La mia voce, le mie suppliche.*+   Poiché mi ha teso il suo orecchio,+ E per tutti i miei giorni invocherò.+   Le funi della morte mi circondarono+ E le stesse circostanze angustiose dello Sceol mi trovarono.+ Angustia e mestizia continuai a trovare.+   Ma invocavo il nome di Geova:+ “Ah, Geova, provvedi scampo alla mia anima!”+   Geova è clemente e giusto;+ E il nostro Dio è Uno che mostra misericordia.+   Geova custodisce gli inesperti.+ Mi impoverii, ed egli salvava anche me.+   Torna al tuo luogo di riposo, o anima mia,+ Poiché Geova stesso ha agito appropriatamente verso di te.+   Poiché tu hai liberato la mia anima dalla morte,+ Il mio occhio dalle lacrime, il mio piede dall’inciampo.+   Certamente camminerò+ dinanzi a Geova nei paesi di quelli che vivono.+ 10*  Ebbi fede,+ poiché parlavo.+ Io stesso fui molto afflitto. 11  Io, da parte mia, dissi, quando provai panico:+ “Ogni uomo* è bugiardo”.+ 12  Che cosa renderò a Geova+ Per tutti i suoi benefici verso di me?+ 13  Alzerò il calice della grande salvezza,+ E invocherò il nome di Geova.+ 14  I miei voti pagherò a Geova,+ Sì, di fronte a tutto il suo popolo. 15  Preziosa agli occhi di Geova È la morte dei suoi leali.+ 16  Ah, ora, o Geova,+ Poiché io sono il tuo servitore.+ Io sono il tuo servitore, figlio della tua schiava.+ Hai sciolto i miei legami.+ 17  A te offrirò il sacrificio di rendimento di grazie,+ E invocherò il nome di Geova.+ 18  I miei voti pagherò a Geova,+ Sì, di fronte a tutto il suo popolo,+ 19  Nei cortili della casa di Geova,+ In mezzo a te, o Gerusalemme.+ Lodate Iah!*+

Note in calce

O, “Io ho amato che Geova oda”.
“La mia voce, le mie suppliche”, M; LXXSyVg, “la voce della mia supplicazione (preghiera)”.
LXXVg fanno iniziare qui il loro Sl 115 con la soprascritta “Alleluia”.
O, “Tutto il genere umano”. Ebr. kol-haʼadhàm.
Vedi nt. a 104:35.