Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Salmo 107:1-43

(Salmi 107–150) 107  Oh rendete grazie a Geova, poiché egli è buono;+Poiché la sua amorevole benignità* è a tempo indefinito.+   Lo dicano i reclamati di Geova,+Che egli ha reclamato dalla mano dell’avversario,+   E che ha radunato anche dai paesi,+Dal levante e dal ponente,+Dal settentrione e dal meridione.*+   Andarono errando nel deserto,+ nella steppa;+Non trovarono nessuna via verso una città da abitare.+   Avevano fame, anche sete;+La loro medesima anima veniva meno dentro di loro.+   E gridavano a Geova nella loro strettezza;+Dalle loro angosce li liberava,+   E li faceva camminare nella retta via,+Così che giungessero a una città da abitare.+   Oh rendano grazie a Geova per la sua amorevole benignità+E per le sue meravigliose opere a favore dei figli degli uomini.*+   Poiché ha saziato l’anima inaridita;+E l’anima affamata ha riempito di cose buone.+ 10  C’erano quelli che dimoravano nelle tenebre e in profonda ombra,+Prigionieri nell’afflizione e nei ferri.+ 11  Poiché si erano comportati in maniera ribelle+ contro i detti di Dio;*+E avevano mancato di rispetto al consiglio dell’Altissimo.+ 12  Con affanno sottometteva dunque il loro cuore;+Inciamparono, e non c’era chi aiutasse.+ 13  E gridavano a Geova per invocare aiuto nella loro strettezza;+Dalle loro angosce come al solito li salvò.+ 14  Li faceva uscire dalle tenebre e dalla profonda ombra,+E strappava anche i loro legami.+ 15  Oh rendano grazie a Geova per la sua amorevole benignità+E per le sue meravigliose opere a favore dei figli degli uomini.+ 16  Poiché egli ha rotto le porte di rame,+E ha tagliato anche le sbarre di ferro.+ 17  Quelli che erano stolti, a causa della via della loro trasgressione+E a causa dei loro errori, infine si procurarono afflizione.+ 18  La loro anima giunse a detestare perfino ogni sorta di cibo,+E arrivavano alle porte della morte.+ 19  E gridavano a Geova per invocare aiuto nella loro strettezza;+Dalle loro angosce come al solito li salvò.+ 20  Mandava la sua parola e li sanava+E provvedeva [loro] scampo dalle loro fosse.*+ 21  Oh rendano grazie a Geova per la sua amorevole benignità+E per le sue meravigliose opere a favore dei figli degli uomini.*+ 22  E offrano* sacrifici di rendimento di grazie+E dichiarino le sue opere con grido di gioia.+ 23  Quelli che scendono al mare nelle navi,+Facendo commercio su vaste* acque,+ 24  Sono quelli che hanno visto le opere di Geova+E le sue meravigliose opere nelle profondità;+ 25  Come egli dice [la parola] e fa sorgere un vento* tempestoso,+Così che fa levare le sue onde.+ 26  Salgono ai cieli,Scendono alle profondità.*A causa della calamità la loro medesima anima si strugge.+ 27  Vacillano e si muovono in maniera instabile come un ubriaco,+E anche tutta la loro sapienza è confusa.+ 28  E cominciano a gridare a Geova nella loro strettezza,+E dalle loro angosce egli li fa uscire.+ 29  Fa calmare il turbine,+Così che le onde del mare* si acquietano.+ 30  Ed essi si rallegrano perché queste si placano,Ed egli li guida al porto del loro diletto.+ 31  Oh rendano grazie a Geova per la sua amorevole benignità+E per le sue meravigliose opere a favore dei figli degli uomini.*+ 32  E lo esaltino nella congregazione* del popolo;+E nella seduta degli anziani lo lodino.+ 33  Egli muta i fiumi in deserto,+E le sorgenti d’acqua in suolo assetato,+ 34  Il paese fruttuoso in regione salata,+A causa della malizia di quelli che vi dimorano. 35  Muta un deserto in uno stagno d’acqua folto di canne,+E il paese di una regione arida in sorgenti d’acqua.+ 36  E là fa dimorare gli affamati,+Così che stabiliscono fermamente una città da abitare.+ 37  E seminano campi e piantano vigne,+Perché producano fruttuosi raccolti.+ 38  E li benedice così che divengono moltissimi;+E non fa divenire pochi i loro bovini.+ 39  Di nuovo divengono pochi e si accovacciano+A causa di restrizione, calamità e mestizia.+ 40  Egli versa disprezzo sui nobili,+Così da farli errare in un luogo privo di tratti caratteristici, dove non c’è via.+ 41  Ma protegge* il povero dall’afflizione+E lo muta in famiglie proprio come un gregge.+ 42  I retti vedono e si rallegrano;+Ma in quanto a ogni ingiustizia, deve chiudere la bocca.+ 43  Chi è saggio? Osserverà queste cose+E si mostrerà attento verso gli atti di amorevole benignità di Geova.+

Note in calce

O, “amore leale”.
Lett. “dal mare”, cioè dal Mar Rosso a sud.
O, “uomo terreno”. Ebr. ʼadhàm.
“I detti di Dio”: ebr. ʼimreh-ʼÈl.
Forse, “dalla fossa delle loro vite”.
Vedi nt. al v. 8.
Lett. “sacrifichino”.
O, “molte”.
“Vento”: ebr. rùach. Cfr. nt. a Ge 1:2, “forza attiva”.
“Profondità”: ebr. thehohmòhth; LXXVg, “abissi”.
“Le onde del mare”, Sy; MT, “le loro onde”; LXXVg, “le sue onde”.
Vedi nt. al v. 8.
‘Nella congregazione di’: ebr. biqhàl; gr. ekklesìai; lat. ecclesia.
O, “pone in alto”, cioè fuori portata.