Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Rut 1:1-22

1  Ora, nei giorni in cui i giudici+ amministravano la giustizia, avvenne che sorse nel paese una carestia,+ e da Betleem+ di Giuda un uomo andava a risiedere come forestiero nei campi di Moab,+ lui con sua moglie e i suoi due figli.  E il nome dell’uomo era Elimelec,* e il nome di sua moglie Naomi, e i nomi dei suoi due figli erano Malon e Chilion, efratei*+ da Betleem di Giuda. Alla fine giunsero ai campi di Moab e vi restarono.  A suo tempo Elimelec marito di Naomi morì, così che essa rimase con i suoi due figli.  In seguito gli uomini si presero delle mogli, donne moabite.+ Il nome dell’una era Orpa e il nome dell’altra Rut.+ E continuarono a dimorare là per circa dieci anni.  A suo tempo tutt’e due, Malon* e Chilion,* pure morirono, così che la donna rimase senza i suoi due figli e suo marito.  Ed essa si levava con le sue nuore e tornava dai campi di Moab, poiché nel campo di Moab aveva udito che Geova aveva rivolto l’attenzione al* suo popolo+ dandogli pane.+  E uscì dal luogo dov’era stata,+ ed entrambe le sue nuore erano con lei, e camminavano sulla strada per tornare al paese di Giuda.  Infine Naomi disse ad entrambe le sue nuore: “Andate, tornate, ciascuna alla casa di sua madre. Geova eserciti amorevole benignità* verso di voi,+ proprio come voi l’avete esercitata verso gli uomini ora morti e verso di me.+  Geova vi faccia un dono,+ e davvero trovate ciascuna un luogo di riposo+ nella casa di suo marito”. Quindi le baciò,+ ed esse alzavano la voce e piangevano. 10  E le dicevano: “No, ma torneremo con te al tuo popolo”.+ 11  Ma Naomi disse: “Tornate, figlie mie. Perché dovreste venire con me? Ho io ancora figli nelle mie parti interiori, e dovranno essi divenire vostri mariti?+ 12  Tornate, figlie mie, andate, poiché io sono divenuta troppo vecchia per appartenere a un marito. Se avessi detto di avere speranza anche di appartenere per certo questa notte a un marito e anche di partorire per certo dei figli,+ 13  continuereste ad aspettarli* finché fossero cresciuti? Vi terreste appartate per loro in modo da non divenire di un marito? No, figlie mie, poiché a causa di voi mi è molto amaro che la mano di Geova sia uscita contro di me”.+ 14  Allora esse alzarono la voce e piansero ancora, dopo di che Orpa baciò la suocera. In quanto a Rut, si attaccò a lei.+ 15  Così essa disse: “Ecco, la tua cognata vedova* è tornata al suo popolo e ai suoi dèi.+ Torna con la tua cognata vedova”.+ 16  E Rut diceva: “Non farmi premura di abbandonarti, di volgermi dall’accompagnarti;* poiché dove andrai tu andrò io, e dove passerai la notte tu passerò la notte io.+ Il tuo popolo sarà il mio popolo,+ e il tuo Dio il mio Dio.+ 17  Dove morirai tu morirò io,+ e là sarò sepolta. Geova mi faccia così e vi aggiunga+ se altro che la morte opererà una separazione fra me e te”. 18  Quando vide che insisteva ad andare con lei,+ smise di parlarle. 19  Ed entrambe continuarono per la loro via finché giunsero a Betleem.+ E avvenne che appena giunsero a Betleem, tutta la città si eccitò per loro,+ e le donne dicevano: “È questa Naomi?”+ 20  Ed essa diceva alle donne: “Non chiamatemi Naomi.* Chiamatemi Mara,* poiché l’Onnipotente*+ mi ha reso [la situazione] molto amara.+ 21  Quando andai ero piena,+ e Geova mi ha fatto tornare a mani vuote.+ Perché dovreste chiamarmi Naomi, quando Geova mi ha umiliata+ e l’Onnipotente mi ha causato calamità?”+ 22  Così Naomi fece il suo ritorno, e Rut la moabita, sua nuora, era con lei quando tornava dai campi di Moab;+ e giunsero a Betleem+ all’inizio della mietitura dell’orzo.+

Note in calce

Significa “Dio è Re”.
O, “abitanti di Efrat”. Vedi Ge 35:16, 19.
Significa “malaticcio, invalido”.
Significa “fragilità”.
O, “aveva visitato il”.
O, “amore leale”.
“Aspettarli”, LXXSyVg.
Cioè la vedova del fratello del marito. Vedi De 25:5, 7.
O, “dal seguirti”. Lett. “da dietro a te”. Ebr. meʼacharàyikh. Cfr. nt. a Ge 16:13, “colui”; nt. a Gdc 13:11.
Significa “mia piacevolezza”.
Significa “amara”.
“L’Onnipotente”: ebr. Shaddài; sir. ʼElShaddai, “Dio Onnipotente”; lat. Omnipotens. Vedi nt. a Ri 1:8, “Onnipotente”.