Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Romani 7:1-25

7  Può darsi che non sappiate, fratelli (poiché parlo a quelli che conoscono la legge), che la Legge signoreggia l’uomo finché vive?+  Per esempio, la donna sposata* è legata dalla legge al proprio marito mentre egli vive; ma se il marito muore, è esonerata dalla legge del marito.+  E mentre il marito vive, essa sarebbe dunque chiamata adultera se divenisse di un altro uomo.+ Ma se il marito muore, è libera dalla sua legge, così che non è adultera se diviene di un altro uomo.+  Così, fratelli miei, anche voi foste resi morti alla Legge+ per mezzo del corpo del Cristo, per divenire di un altro,+ di colui che fu destato dai morti,+ affinché portassimo frutto+ a Dio.  Poiché quando eravamo in armonia con la carne,+ le passioni peccaminose eccitate dalla Legge operavano nelle nostre membra affinché portassimo frutto per la morte.+  Ma ora siamo stati esonerati dalla Legge,+ perché siamo morti+ a ciò da cui eravamo detenuti,+ così che siamo schiavi* in un nuovo senso secondo lo spirito,+ e non nel vecchio senso secondo il codice scritto.+  Che diremo dunque? È la Legge peccato?+ Così non sia! Realmente io non avrei conosciuto il peccato+ se non fosse stato per la Legge; e, per esempio, non avrei conosciuto la concupiscenza+ se la Legge non avesse detto: “Non devi concupire”.*+  Ma il peccato, prendendo occasione dal comandamento,+ operò in me ogni sorta di concupiscenza, poiché senza la legge il peccato era morto.+  Infatti, io fui una volta vivente senza la legge;+ ma quando arrivò il comandamento,+ il peccato venne di nuovo in vita, e io morii.+ 10  E il comandamento che era per la vita,+ questo trovai essere per la morte.+ 11  Poiché il peccato, prendendo occasione dal comandamento, mi sedusse+ e per mezzo d’esso mi uccise. 12  Così che, da parte sua, la Legge è santa,+ e il comandamento è santo e giusto+ e buono.+ 13  Ciò che è buono mi è dunque divenuto morte? Non sia mai! Ma il peccato sì, affinché si mostrasse come peccato, operante in me la morte per mezzo di ciò che è buono;+ affinché il peccato divenisse assai più peccaminoso per mezzo del comandamento.+ 14  Poiché sappiamo che la Legge è spirituale;+ ma io sono carnale, venduto sotto il peccato.+ 15  Poiché ciò che opero non lo conosco. Poiché ciò che desidero,* questo non pratico; ma ciò che odio è quel che faccio. 16  Comunque, se ciò che non desidero è quello che faccio,+ convengo che la Legge è eccellente.+ 17  Ma ora non sono più io a operarlo, ma il peccato che risiede in me.+ 18  Poiché so che in me, cioè nella mia carne, non dimora niente di buono;+ poiché in me è presente la capacità di desiderare,+ ma la capacità di operare+ ciò che è eccellente non è [presente]. 19  Poiché il bene che desidero non lo faccio,+ ma il male che non desidero è ciò che pratico. 20  Se, ora, ciò che non desidero è ciò che faccio, chi lo opera non sono più io, ma il peccato che dimora in me.+ 21  Trovo dunque nel mio caso questa legge: che quando desidero fare ciò che è giusto,+ ciò che è male è presente in me.+ 22  Realmente mi diletto+ nella legge di Dio secondo l’uomo+ che sono interiormente, 23  ma vedo nelle mie membra+ un’altra legge che combatte+ contro la legge della mia mente+ e mi conduce prigioniero alla legge del peccato+ che è nelle mie membra. 24  Misero uomo* che sono! Chi mi libererà dal corpo che subisce questa morte?+ 25  Grazie a Dio per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore!+ Così, dunque, con la [mia] mente io stesso sono schiavo della legge di Dio,+ ma con la [mia] carne della legge del peccato.+

Note in calce

O, “la donna soggetta a un marito”.
“Siamo schiavi”, אAB; J18, “siamo servitori di Geova”.
O, “Non concupirai”.
O, “voglio”.
Lett. “Uomo che sopporta un callo”.