Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Romani 10:1-21

10  Fratelli, la buona volontà del mio cuore e la mia supplicazione a Dio per loro sono, in realtà, per la loro salvezza.+  Poiché rendo loro testimonianza* che hanno zelo+ verso Dio; ma non secondo accurata conoscenza;+  poiché, siccome non conoscevano la giustizia di Dio+ ma cercavano di stabilire la propria,+ non si sono sottoposti alla giustizia di Dio.+  Poiché Cristo è il fine* della Legge,+ affinché chiunque esercita fede abbia giustizia.+  Poiché Mosè scrive che l’uomo che ha osservato la giustizia della Legge vivrà per essa.+  Ma la giustizia risultante dalla fede parla in questa maniera: “Non dire nel tuo cuore:+ ‘Chi ascenderà in cielo?’+ cioè per farne scendere Cristo;+  o: ‘Chi scenderà nell’abisso?’+ cioè per far salire Cristo dai morti”.+  Ma che cosa dice? “La parola è presso di te, nella tua bocca e nel tuo cuore”;+ cioè la “parola”+ della fede, che noi predichiamo.*+  Poiché se pubblicamente dichiari quella ‘parola della tua bocca’,+ che Gesù è Signore,*+ ed eserciti fede nel tuo cuore che Dio lo ha destato dai morti,+ sarai salvato.+ 10  Poiché col cuore+ si esercita fede per la giustizia, ma con la bocca si fa pubblica dichiarazione+ per la salvezza. 11  Poiché la Scrittura dice: “Chiunque ripone+ fede in lui non sarà deluso”.*+ 12  Poiché non c’è distinzione fra giudeo e greco,+ poiché sopra tutti è lo stesso Signore, che è ricco+ verso tutti quelli che lo invocano. 13  Poiché “chiunque invoca il nome di Geova* sarà salvato”.+ 14  Comunque, come invocheranno colui nel quale non hanno riposto fede?+ Come, a loro volta, riporranno fede in colui del quale non hanno udito parlare? Come, a loro volta, udranno senza qualcuno che predichi?+ 15  Come, a loro volta, predicheranno se non sono stati mandati?+ Come è scritto: “Come sono piacevoli i piedi di quelli che dichiarano la buona notizia di cose buone!”+ 16  Tuttavia, non tutti hanno ubbidito alla buona notizia.+ Poiché Isaia dice: “Geova,* chi ha riposto fede in ciò che ha udito da noi?”+ 17  Quindi la fede segue ciò che si ode.+ A sua volta ciò che si ode viene dalla parola intorno a Cristo.*+ 18  Tuttavia chiedo: Essi non hanno mancato di udire, vero? Anzi, in realtà, “il loro suono è uscito per tutta la terra,+ e le loro espressioni fino alle estremità* della terra abitata”.*+ 19  Tuttavia chiedo: Israele non ha mancato di conoscere, vero?+ Per primo Mosè dice: “Vi inciterò a gelosia per mezzo di quella che non è una nazione; vi inciterò a violenta ira per mezzo di una nazione stupida”.+ 20  Ma Isaia si fa molto ardito e dice: “Fui trovato da quelli che non mi cercavano;+ mi sono manifestato a quelli che non chiedevano di me”.+ 21  Ma in quanto a Israele dice: “Tutto il giorno ho steso le mie mani verso un popolo che è disubbidiente+ e contraddice”.+

Note in calce

“Rendo . . . testimonianza”: gr. martyrò; lat. testimonium . . . perhibeo.
O, “la fine compiuta (completa)”. Gr. tèlos.
O, “annunciamo; proclamiamo”. Gr. kerỳssomen; lat. praedicamus. Cfr. nt. a Da 5:29, “proclamarono”.
Gr. kỳrios; J12-14,16-18,22(ebr.), haʼadhòhn, “il Signore”. Non “Geova”.
O, “svergognato”.
Vedi App. 1D.
Vedi App. 1D.
“Parola intorno a Cristo”, P46א*BCD*Vg; אcASyp, “parola di Dio”; J7,8,10, “parola di Geova”.
Vedi nt. a Mt 12:42.
“Terra abitata”: lett. “abitata”. Gr. oikoumènes, femm. sing., riferito alla terra.