Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Rivelazione 7:1-17

7  Dopo questo vidi quattro angeli+ in piedi ai quattro angoli* della terra, che trattenevano i quattro venti+ della terra, affinché nessun vento soffiasse sulla terra né sul mare né su alcun albero.+  E vidi un altro angelo che ascendeva dal sol levante,+ il quale aveva il sigillo dell’Iddio vivente;+ e gridò ad alta voce ai quattro angeli ai quali fu concesso di danneggiare la terra e il mare,  dicendo: “Non danneggiate* la terra né il mare né gli alberi, finché non abbiamo suggellato+ gli schiavi del nostro Dio sulle loro fronti”.+  E udii il numero di quelli che erano suggellati,* centoquarantaquattromila,+ suggellati da ogni tribù+ dei figli d’Israele:+  Dalla tribù di Giuda+ dodicimila suggellati; dalla tribù di Ruben+ dodicimila; dalla tribù di Gad*+ dodicimila;  dalla tribù di Aser+ dodicimila; dalla tribù di Neftali+ dodicimila; dalla tribù di Manasse+ dodicimila;  dalla tribù di Simeone*+ dodicimila; dalla tribù di Levi+ dodicimila; dalla tribù di Issacar+ dodicimila;  dalla tribù di Zabulon+ dodicimila; dalla tribù di Giuseppe+ dodicimila; dalla tribù di Beniamino+ dodicimila suggellati.+  Dopo queste cose vidi, ed ecco, una grande folla,+ che nessun uomo poteva numerare, di ogni nazione*+ e tribù e popolo+ e lingua,+ che stavano in piedi dinanzi al trono+ e dinanzi all’Agnello, vestiti di lunghe vesti bianche;+ e nelle loro mani c’erano rami di palme.+ 10  E continuano a gridare ad alta voce, dicendo: “La salvezza* la dobbiamo al nostro Dio,+ che siede sul trono,+ e all’Agnello”.+ 11  E tutti gli angeli+ stavano in piedi intorno al trono e agli anziani*+ e alle quattro creature viventi,+ e caddero sulle loro facce dinanzi al trono e adorarono Dio,+ 12  dicendo: “Amen! La benedizione e la gloria e la sapienza e il rendimento di grazie e l’onore e la potenza+ e la forza [siano] al nostro Dio per i secoli dei secoli. Amen”.*+ 13  E, presa la parola, uno degli anziani+ mi disse: “Questi che sono vestiti di lunghe vesti bianche,+ chi sono e da dove son venuti?” 14  E subito gli dissi: “Signor mio, tu lo sai”. Ed egli mi disse: “Questi sono quelli che vengono dalla grande tribolazione,+ e hanno lavato le loro lunghe vesti e le hanno rese bianche+ nel sangue+ dell’Agnello. 15  Perciò sono dinanzi+ al trono di Dio; e gli rendono sacro servizio*+ giorno e notte nel suo tempio;* e Colui che siede sul trono+ spiegherà su di loro la sua tenda.+ 16  Non avranno più fame né sete, né li colpirà più il sole né ardore alcuno,+ 17  perché l’Agnello,+ che è in mezzo al trono, li pascerà+ e li guiderà alle fonti delle acque+ della vita. E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi”.+

Note in calce

O, “alle quattro estremità”.
Lett. “Non dovete trattare ingiustamente”.
Lett. “dei suggellati”.
“Gad”: א omette.
“Simeone”: א omette.
Gr. èthnous, “gruppo etnico”; lat. gentibus, “gentili”; J17,18(ebr.), haggohyìm, “le nazioni (goyim)”.
“La salvezza”: gr. He soterìa; lat. salus; J17,18,22(ebr.), hayeshuʽàh.
Gr. presbytèron.
“Amen”: C omette.
“Rendono sacro servizio”: gr. latrèuousin; J22(ebr.), weʽohvedhìm, “e servono (adorano)”. Cfr. nt. a Eso 3:12.
O, “abitazione (dimora) divina”. Gr. naòi, dativo sing.; lat. templo; J17,18,22(ebr.), behehkhalòh, “nel suo palazzo (tempio)”.