Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Proverbi 29:1-27

29  L’uomo* ripreso ripetutamente+ ma che indurisce il suo collo+ sarà ad un tratto fiaccato, e senza guarigione.+  Quando i giusti divengono molti il popolo si rallegra;+ ma quando governa un malvagio, il popolo sospira.+  L’uomo che ama la sapienza fa rallegrare suo padre,+ ma chi si accompagna con le prostitute distrugge cose di valore.+  Mediante la giustizia il re rende stabile il paese,+ ma l’uomo in cerca di regali* lo demolisce.+  L’uomo robusto che adula il suo compagno+ non stende altro che una rete per i suoi passi.+  Nella trasgressione dell’uomo cattivo c’è un laccio,+ ma chi è giusto grida di gioia ed è lieto.+  Il giusto conosce la rivendicazione dei miseri.+ Chi è malvagio non considera tale conoscenza.+  Gli uomini che fanno discorsi spavaldi infiammano una città,+ ma quelli che sono saggi fanno allontanare l’ira.+  L’uomo saggio che è entrato in giudizio con un uomo stolto: si è eccitato e ha anche riso, e non c’è riposo.+ 10  Gli uomini assetati di sangue odiano ogni irriprovevole;+ e in quanto ai retti, continuano a cercare l’anima di ciascuno.+ 11  Tutto il suo spirito è ciò che lo stupido lascia uscire, ma chi è saggio lo tiene calmo sino alla fine.+ 12  Dove il governante presta attenzione al discorso falso, tutti quelli che lo servono saranno malvagi.+ 13  Chi ha pochi mezzi e l’uomo di oppressioni si sono incontrati;+ [ma] Geova fa brillare gli occhi di entrambi.+ 14  Dove il re giudica i miseri in verità,+ il suo trono sarà fermamente stabilito per ogni tempo.+ 15  La verga e la riprensione sono ciò che dà sapienza;+ ma il ragazzo lasciato senza freno farà vergogna a sua madre.+ 16  Quando i malvagi divengono molti la trasgressione abbonda; ma quelli che sono giusti guarderanno la loro medesima caduta.+ 17  Castiga tuo figlio ed egli ti recherà riposo e darà molto piacere alla tua anima.+ 18  Dove non c’è visione il popolo si sfrena,+ ma felici sono quelli* che osservano la legge.+ 19  Il servitore non si farà correggere dalle semplici parole,+ poiché comprende ma non presta ascolto.+ 20  Hai guardato un uomo frettoloso nelle sue parole?+ C’è più speranza per qualche stupido che per lui.+ 21  Se uno vizia il suo servitore fin dalla giovinezza, nel periodo successivo della sua vita questi diverrà persino ingrato.* 22  L’uomo dato all’ira suscita contesa,+ e chi è incline al furore* fa molte trasgressioni.+ 23  La medesima superbia dell’uomo terreno lo umilierà,+ ma chi è umile di spirito afferrerà la gloria.+ 24  Chi è compagno del ladro odia la sua propria anima.+ Può udire un giuramento che implica una maledizione, ma non riferisce nulla.+ 25  Il tremare davanti agli uomini* è ciò che tende un laccio,+ ma chi confida in Geova sarà protetto.+ 26  Molti son quelli che cercano la faccia del governante,+ ma il giudizio dell’uomo viene da Geova.+ 27  L’uomo d’ingiustizia è detestabile ai giusti,+ e chi è retto nella sua via è detestabile al malvagio.+

Note in calce

Ebr. ʼish.
Lett. “contribuzioni”.
O, “quello”, sing., riferito al “popolo”.
“Ingrato”: ebr. manòhn, termine dal significato incerto.
Lett. “e un padrone di furore”. Ebr. uvàʽal chemàh.
Lett. “uomo terreno”. Ebr. ʼadhàm.