Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Proverbi 17:1-28

17  È meglio un pezzo di pane secco col quale c’è quiete+ che una casa piena dei sacrifici della lite.+  Il servitore che mostra perspicacia dominerà sul figlio che agisce vergognosamente,+ e tra i fratelli avrà parte nell’eredità.+  Il crogiolo è per l’argento e il forno fusorio per l’oro,+ ma Geova è l’esaminatore dei cuori.+  Il malfattore presta attenzione al labbro di nocività.+ Il falsificatore* presta orecchio alla lingua che causa avversità.+  Chi deride uno che ha pochi mezzi ha biasimato il suo Fattore.+ Chi è gioioso per il disastro [di un altro] non sarà esente dalla punizione.+  La corona dei vecchi sono i nipoti,+ e la bellezza dei figli sono i loro padri.+  Per qualunque insensato il labbro della rettitudine non è convenevole.+ Quanto meno per il nobile il labbro di falsità!+  Il dono è una pietra che guadagna favore agli occhi del suo grande proprietario.*+ Dovunque si volga egli ha successo.+  Chi copre la trasgressione cerca amore,+ e chi continua a parlare di una questione separa quelli che sono familiari l’uno con l’altro.+ 10  Il rimprovero opera più profondamente in chi ha intendimento+ che il colpire cento volte uno stupido.+ 11  Il cattivo continua a cercare solo la ribellione,+ e crudele è il messaggero che è mandato contro di lui.+ 12  Si incontri un uomo con un’orsa privata dei suoi piccoli+ anziché con qualcuno stupido nella sua stoltezza.+ 13  In quanto a chiunque ripaga male per bene,+ il male non si allontanerà dalla sua casa.+ 14  Il principio della contesa è come uno che fa uscire acque;+ vattene, dunque, prima che la lite sia scoppiata.+ 15  Chi dichiara malvagio il giusto+ e chi dichiara giusto il malvagio,+ sì, tutt’e due sono qualcosa di detestabile a Geova.+ 16  Perché c’è nella mano dello stupido il prezzo per acquistare sapienza,+ quando egli non ha cuore?*+ 17  Il vero compagno ama in ogni tempo,+ ed è un fratello nato per quando c’è angustia.*+ 18  L’uomo che manca di cuore* dà strette di mano,*+ facendosi pienamente garante davanti al suo compagno.+ 19  Chi ama la trasgressione ama la zuffa.+ Chi fa alto il suo ingresso cerca il crollo.+ 20  Chi è perverso di cuore non troverà il bene,+ e chi è tortuoso di lingua cadrà nella calamità.+ 21  Chi genera un figlio stupido, è per lui un dolore;+ e il padre di un figlio insensato non si rallegra.+ 22  Il cuore che è gioioso fa bene come un rimedio,*+ ma lo spirito che è abbattuto secca le ossa.+ 23  Chi è malvagio prenderà perfino un regalo dal seno+ per piegare i sentieri del giudizio.+ 24  La sapienza è davanti alla faccia di chi ha intendimento,+ ma gli occhi dello stupido sono all’estremità della terra.+ 25  Il figlio stupido è una vessazione per suo padre+ e un’amarezza per colei che l’ha partorito.+ 26  Inoltre, infliggere una multa al giusto non è bene.+ Colpire i nobili è contro ciò che è retto.+ 27  Chi trattiene i suoi detti possiede conoscenza,+ e l’uomo di discernimento è freddo di spirito.+ 28  Anche chi è stolto, quando tace, sarà considerato saggio;+ chi chiude le sue proprie labbra, come se avesse intendimento.

Note in calce

Lett. “La falsità”.
“Grande proprietario”: lett. “proprietari”, pl. per indicare grandezza. Vedi GK, § 124 i.
O, “quando egli non ha buon motivo”. Ebr. welev-ʼàyin.
O, “e un fratello stesso nasce anche per quando c’è angustia”.
O, “che manca di buon motivo”. Ebr. chasar-lèv.
Lett. “colpisce la palma (della mano)”. Ebr. tohqèaʽ kaf.
“Fa bene al corpo”, con una correzione del M.