Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Proverbi 13:1-25

13  Il figlio è saggio dove c’è la disciplina del padre,+ ma lo schernitore è quello che non ha udito il rimprovero.+  Dal frutto della sua bocca l’uomo mangerà il bene,+ ma la medesima anima* di quelli che agiscono slealmente è violenza.+  Chi sorveglia la sua bocca custodisce la sua anima.+ Chi spalanca le sue labbra, avrà rovina.+  Il pigro si mostra desideroso, ma la sua anima non [ha] nulla.+ Comunque, la medesima anima dei diligenti sarà resa grassa.+  La parola falsa è ciò che il giusto odia,+ ma i malvagi agiscono vergognosamente e si causano ignominia.+  La giustizia stessa salvaguarda chi è innocuo nella sua via,+ ma la malvagità è ciò che sovverte il peccatore.*+  C’è chi finge di essere ricco eppure non ha proprio nulla;+ c’è chi finge di avere pochi mezzi eppure [ha] molte cose di valore.  Il riscatto per l’anima di un uomo sono le sue ricchezze,+ ma chi ha pochi mezzi non ha udito rimprovero.+  La medesima luce dei giusti si rallegrerà;+ ma la lampada dei malvagi sarà estinta.+ 10  Mediante la presunzione si causa solo zuffa,+ ma presso quelli che si consultano c’è sapienza.+ 11  Le cose di valore che derivano dalla vanità diminuiscono,+ ma chi raduna mediante la mano è colui che fa aumentare.+ 12  L’aspettazione differita fa ammalare il cuore,+ ma la cosa desiderata è un albero di vita quando realmente viene.+ 13  Da chi ha disprezzato la parola+ si prenderà un pegno [quale debitore]; ma chi teme il comandamento è quello che sarà ricompensato.+ 14  La legge del saggio è una fonte* di vita,+ per allontanare dai lacci della morte.+ 15  La buona perspicacia stessa dà favore,+ ma la via di quelli che agiscono slealmente è scabrosa.*+ 16  Ogni accorto agirà con conoscenza,+ ma chi è stupido spanderà stoltezza.+ 17  Il messaggero malvagio cadrà nel male,+ ma l’inviato fedele è salute.+ 18  Chi trascura la disciplina [perviene a] povertà e disonore,+ ma chi osserva la riprensione è colui che è glorificato.+ 19  Il desiderio quando si realizza è piacevole per l’anima;+ ma è cosa detestabile per gli stupidi ritrarsi dal male.+ 20  Chi cammina con le persone sagge diverrà saggio,+ ma chi tratta con gli stupidi se la passerà male.+ 21  I peccatori sono quelli che la calamità insegue,+ ma i giusti sono quelli che il bene ricompensa.+ 22  Chi è buono lascerà un’eredità ai figli dei figli, e la ricchezza del peccatore è qualcosa che è riservato al giusto.+ 23  Il terreno arato delle persone di pochi mezzi [produce] una gran quantità di cibo,+ ma esiste chi è spazzato via per mancanza di giudizio.+ 24  Chi trattiene la sua verga odia suo figlio,+ ma chi lo ama è colui che in effetti lo cerca con la disciplina.+ 25  Il giusto mangia fino a saziare l’anima sua,+ ma il ventre dei malvagi sarà vuoto.+

Note in calce

“Ma la medesima anima (desiderio dell’anima) di”: ebr. wenèfesh; gr. psychài, pl.; lat. anima.
Con una lieve correzione; il M sembra leggere: “la malvagità è ciò che distorce un’offerta per il peccato”.
O, “un pozzo”. Ebr. meqòhr.
“Scabrosa”, secondo il suggerimento proposto da BDB, p. 451; con una correzione del M, “il loro disastro”.