Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Proverbi 1:1-33

1  I proverbi+ di Salomone+ figlio di Davide,+ re d’Israele,+  per conoscere la sapienza+ e la disciplina,+ per discernere i detti d’intendimento,+  per ricevere la disciplina+ che dà perspicacia,+ giustizia+ e giudizio+ e rettitudine,+  per dare agli inesperti accortezza,+ al giovane conoscenza+ e capacità di pensare.+  Il saggio ascolterà e guadagnerà più istruzione,+ e l’uomo d’intendimento è quello che acquista abile direzione,+  per comprendere il proverbio e l’espressione oscura,+ le parole dei saggi+ e i loro enigmi.+  Il timore di Geova è il principio della conoscenza.+ I semplici stolti hanno disprezzato la sapienza e la disciplina.+  Ascolta, figlio mio, la disciplina di tuo padre,+ e non abbandonare la legge di tua madre.+  Poiché sono una ghirlanda di attrattiva per la tua testa+ e un’eccellente collana per la tua gola.+ 10  Figlio mio, se i peccatori cercano di sedurti, non acconsentire.+ 11  Se continuano a dire: “Vieni con noi. Stiamo in agguato per il sangue.+ Appostiamoci per gli innocenti, senza alcuna ragione.+ 12  Inghiottiamoli vivi+ proprio come lo Sceol,*+ sì, interi, come quelli che scendono nella fossa.+ 13  Troviamo ogni sorta di oggetti di valore, preziosi.+ Riempiamo le nostre case di spoglie.+ 14  Devi gettare la tua sorte fra noi. Ci sia una sola borsa appartenente a tutti noi”,+ 15  figlio mio, non andare nella via con loro.+ Trattieni il tuo piede dal loro sentiero.+ 16  Poiché i loro piedi sono quelli che corrono all’assoluta malizia,+ e continuano ad affrettarsi per spargere sangue.+ 17  Poiché per nulla si stende la rete davanti agli occhi di qualunque cosa che ha ali.+ 18  Di conseguenza essi stessi sono in agguato per il medesimo sangue di questi;+ si appostano per le loro anime.*+ 19  Così sono i sentieri di chiunque fa profitto ingiusto.+ Esso toglie la medesima anima dei suoi proprietari.+ 20  La vera sapienza+ stessa continua a gridare forte nella medesima strada.+ Nelle pubbliche piazze continua a far sentire la sua voce.+ 21  All’estremità superiore delle vie rumorose* essa chiama.+ Agli ingressi delle porte in città dice i suoi propri detti:+ 22  “Fino a quando voi inesperti continuerete ad amare l’inesperienza,+ e [fino a quando] dovete voi schernitori desiderare per voi stessi il completo scherno,+ e [fino a quando] voi stupidi continuerete a odiare la conoscenza?+ 23  Volgetevi alla mia riprensione.+ Quindi farò certamente sgorgare per voi il mio spirito;+ vi farò certamente conoscere le mie parole.+ 24  Poiché ho chiamato, ma voi continuate a rifiutarvi,+ ho steso la mano, ma non c’è nessuno che presti attenzione,+ 25  e voi continuate a trascurare tutto il mio consiglio,+ e non avete accettato la mia riprensione,+ 26  anch’io, da parte mia, riderò del vostro proprio disastro,+ mi farò beffe quando verrà ciò che vi incute terrore,+ 27  quando ciò che vi incute terrore verrà proprio come una bufera, e il vostro stesso disastro giungerà proprio come l’uragano,+ quando verranno su di voi angustia e tempi difficili.+ 28  In quel tempo continueranno a chiamarmi, ma io non risponderò;+ continueranno a cercarmi, ma non mi troveranno,+ 29  per la ragione che hanno odiato la conoscenza,+ e non hanno scelto il timore di Geova.+ 30  Non hanno acconsentito al mio consiglio;+ hanno mancato di rispetto a tutta la mia riprensione.+ 31  Mangeranno dunque del frutto della loro via,+ e si sazieranno dei loro propri consigli.+ 32  Poiché il rinnegare+ degli inesperti è ciò che li ucciderà,+ e l’indolenza degli stupidi è ciò che li distruggerà.+ 33  In quanto a chi mi ascolta, risiederà al sicuro+ e sarà indisturbato dal terrore della calamità”.+

Note in calce

“Proprio come lo Sceol”: ebr. kishʼòhl; gr. hàides; sir. shiul; lat. infernus. Vedi App. 4B.
“Per le loro anime (vite)”: ebr. lenafshothàm, pl.; lat. animas. Vedi App. 4A.
“Dall’alto delle mura”, LXX e con una correzione del M.