Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Numeri 14:1-45

14  Quindi tutta l’assemblea alzò la voce, e il popolo continuò ad alzare la voce e a piangere+ per tutta quella notte.  E tutti i figli d’Israele mormoravano contro Mosè e contro Aaronne,+ e tutta l’assemblea diceva contro di loro: “Fossimo morti nel paese d’Egitto, o fossimo morti in questo deserto!  E perché Geova ci conduce in quel paese per cadere di spada?+ Le nostre mogli e i nostri piccoli diverranno preda.+ Non è meglio che ce ne torniamo in Egitto?”+  Perfino si dissero l’un l’altro: “Costituiamo un capo, e torniamo in Egitto!”+  A ciò Mosè e Aaronne caddero sulle loro facce+ davanti a tutta la congregazione dell’assemblea dei figli d’Israele.  E Giosuè figlio di Nun+ e Caleb figlio di Iefunne,+ che erano di quelli che avevano esplorato il paese, si strapparono le vesti,+  e a tutta l’assemblea dei figli d’Israele dicevano questo: “Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo è un paese molto, molto buono.+  Se Geova ha provato diletto in noi,+ certamente ci introdurrà in quel paese e ce lo darà, un paese dove scorre latte e miele.+  Solo non vi ribellate contro Geova;+ e voi, non temete il popolo del paese,+ poiché sono pane per noi. Il loro riparo si è ritirato di sopra a loro,+ e Geova è con noi.+ Non li temete”.+ 10  Comunque, tutta l’assemblea parlò di colpirli con pietre.+ E la gloria di Geova apparve sulla tenda di adunanza a tutti i figli d’Israele.+ 11  Infine Geova disse a Mosè: “Fino a quando+ questo popolo mi mancherà di rispetto,+ e fino a quando non riporranno fede in me per tutti i segni che ho compiuto in mezzo a loro?+ 12  Lascia che li colpisca con la pestilenza e che li scacci, e lascia che io faccia di te una nazione più grande e più potente di loro”.+ 13  Ma Mosè disse a Geova: “Quindi gli egiziani di certo udranno che tu mediante la tua potenza hai fatto salire questo popolo di mezzo a loro.+ 14  E lo diranno certamente agli abitanti di questo paese. Essi hanno udito che tu sei Geova in mezzo a questo popolo,+ che sei apparso faccia a faccia.*+ Tu sei Geova, e la tua nuvola sta su di loro, e vai davanti a loro nella colonna di nuvola di giorno e nella colonna di fuoco di notte.+ 15  Se tu mettessi a morte questo popolo come un solo uomo,+ le nazioni che hanno udito della tua fama certamente direbbero questo: 16  ‘Siccome Geova non poté introdurre questo popolo nel paese circa il quale aveva giurato loro, li uccideva nel deserto’.+ 17  E ora, ti prego, divenga grande la tua potenza,*+ o Geova,* proprio come hai proferito, dicendo: 18  ‘Geova, lento all’ira+ e abbondante in amorevole benignità,*+ che perdona l’errore e la trasgressione,+ ma non esenterà affatto dalla punizione,+ recando la punizione per l’errore dei padri sui figli, sulla terza generazione e sulla quarta generazione’.+ 19  Perdona, ti prego, l’errore di questo popolo secondo la grandezza della tua amorevole benignità, e proprio come hai perdonato a questo popolo dall’Egitto in poi fino ad ora”.+ 20  Quindi Geova disse: “In effetti perdono secondo la tua parola.+ 21  E, d’altra parte, come io vivo, tutta la terra sarà piena della gloria di Geova.+ 22  Ma tutti gli uomini che hanno visto la mia gloria+ e i miei segni+ che ho compiuto in Egitto e nel deserto eppure han continuato a provarmi+ per queste dieci volte, e non hanno ascoltato la mia voce,+ 23  non vedranno mai* il paese circa il quale giurai ai loro padri, sì, tutti quelli che mi hanno mancato di rispetto non lo vedranno.+ 24  In quanto al mio servitore Caleb,+ poiché in lui si è trovato uno spirito diverso e ha continuato a seguirmi pienamente,+ di certo lo introdurrò nel paese dove è andato, e la sua progenie ne prenderà possesso.+ 25  Mentre gli amalechiti e i cananei+ dimorano nel bassopiano, domani voltatevi e partite per marciare verso il deserto per la via del Mar Rosso”.+ 26  E Geova continuò a parlare a Mosè e ad Aaronne, dicendo: 27  “Fino a quando questa empia assemblea continuerà a mormorare contro di me?+ Io ho udito i mormorii dei figli d’Israele che mormorano contro di me.+ 28  Di’ loro: ‘“Come io vivo”, è l’espressione di Geova, “se non vi farò proprio come avete parlato ai miei orecchi!+ 29  I vostri cadaveri cadranno in questo deserto,+ sì, tutti i vostri registrati di tutto il vostro numero dai vent’anni in su, voi che avete mormorato contro di me.+ 30  In quanto a voi, non entrerete nel paese in cui alzai la mano+ [in giuramento] per risiedere con voi, eccetto Caleb figlio di Iefunne e Giosuè figlio di Nun.+ 31  “‘“E i vostri piccoli che diceste sarebbero divenuti preda,+ questi pure certamente introdurrò, ed essi in realtà conosceranno il paese che voi avete rigettato.+ 32  Ma i cadaveri di voi stessi cadranno in questo deserto.+ 33  E i vostri figli diverranno pastori* nel deserto+ per quarant’anni, e dovranno rispondere dei vostri atti di fornicazione,*+ finché i vostri cadaveri giungano alla loro fine nel deserto.+ 34  Secondo il numero dei giorni che esploraste il paese, quaranta giorni,+ un giorno per un anno, un giorno per un anno,+ risponderete dei vostri errori per quarant’anni,+ poiché dovete conoscere che cosa significa il mio estraniarmi.+ 35  “‘“Io, Geova, ho parlato, se questo non è ciò che farò a tutta questa empia assemblea,+ a quelli che si sono riuniti contro di me: In questo deserto giungeranno alla loro fine, e là moriranno.+ 36  E gli uomini che Mosè mandò a esplorare il paese e che, essendo tornati, facevano mormorare l’intera assemblea contro di lui,* recando un cattivo rapporto contro il paese,+ 37  sì, gli uomini che recarono il cattivo rapporto circa il paese moriranno mediante il flagello dinanzi a Geova.+ 38  Ma Giosuè figlio di Nun e Caleb figlio di Iefunne certamente seguiteranno a vivere, di quegli uomini che andarono a esplorare il paese”’”.+ 39  Quando Mosè pronunciava queste parole a tutti i figli d’Israele, allora il popolo faceva grande cordoglio.+ 40  Inoltre, si alzarono la mattina di buon’ora e cercarono di salire in cima al monte, dicendo: “Eccoci, e dobbiamo salire al luogo che Geova ha menzionato. Poiché abbiamo peccato”.+ 41  Ma Mosè disse: “Perché trasgredite l’ordine di Geova?+ Ma ciò non riuscirà. 42  Non salite, perché Geova non è in mezzo a voi, affinché non siate sconfitti davanti ai vostri nemici.+ 43  Poiché davanti a voi ci sono gli amalechiti e i cananei;+ e certamente cadrete di spada, perché, siccome vi siete volti dal seguire Geova, Geova non resterà con voi”.+ 44  Comunque, essi ebbero la presunzione di salire in cima al monte,+ ma l’arca del patto di Geova e Mosè non si mossero di mezzo al campo.+ 45  Quindi gli amalechiti+ e i cananei che dimoravano su quel monte scesero e li colpivano, disperdendoli fino a Orma.+

Note in calce

Lett. “occhio a occhio”. Ebr. ʽàyin beʽàyin.
“La tua potenza”, LXXSy; M, “la potenza”.
Uno dei 134 cambiamenti degli scribi da YHWH in ʼAdhonài. Vedi App. 1B.
O, “amore leale”.
Lett. “[giuro] se vedranno”.
“Pastori”, M; lat. vagi, “vagabondi; raminghi”.
‘I vostri atti di fornicazione’: ebr. zenuthehkhèm; gr. pornèian; lat. fornicationem. Vedi App. 5A.
“Avevano fatto mormorare l’intera moltitudine contro di lui”, Vg.