Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Luca 9:1-62

9  Radunò quindi i dodici e diede loro potenza e autorità su tutti i demoni e di guarire malattie.+  E li mandò a predicare il regno di Dio e a sanare,  e disse loro: “Non portate nulla per il viaggio, né bastone né bisaccia da cibo, né pane né denaro d’argento; né abbiate due vesti.+  Ma dovunque entriate in una casa, rimanetevi e di là partite.+  E dovunque non vi ricevano, uscendo da quella città+ scuotete la polvere dai vostri piedi in testimonianza contro di loro”.+  Quindi, essendo partiti, andarono attraverso il territorio di villaggio in villaggio, dichiarando la buona notizia e compiendo guarigioni dappertutto.+  Ora Erode, il governante del distretto,* udite tutte le cose che accadevano, era molto perplesso perché alcuni dicevano che Giovanni era stato destato dai morti,+  ma altri che era apparso Elia, ed altri ancora che era sorto uno degli antichi profeti.  Erode disse: “Giovanni l’ho decapitato.+ Chi è, dunque, costui del quale odo tali cose?” E cercava+ di vederlo. 10  Ed essendo tornati, gli apostoli gli raccontarono le cose che avevano fatto.+ Allora li prese con sé e si ritirò in privato+ in una città chiamata Betsaida. 11  Ma le folle, saputolo, lo seguirono. Ed egli, avendole ricevute benignamente, parlava loro del regno di Dio+ e sanava quelli che avevano bisogno di guarigione.+ 12  Quindi il giorno cominciò a declinare. Ora i dodici, accostatisi, gli dissero: “Congeda la folla, affinché vadano nei villaggi e nelle campagne dintorno a procurarsi alloggio e provviste, poiché qui siamo in un luogo solitario”.+ 13  Ma egli disse loro: “Date loro voi stessi qualcosa da mangiare”.+ Essi dissero: “Non abbiamo altro che cinque pani e due pesci,+ a meno che non andiamo noi stessi a comprare dei viveri per tutta questa gente”.+ 14  Erano infatti circa cinquemila uomini.+ Ma egli disse ai suoi discepoli: “Fateli giacere come ai pasti, in gruppi di circa cinquanta ciascuno”.+ 15  E fecero così e li fecero giacere tutti. 16  Presi quindi i cinque pani e i due pesci, egli alzò gli occhi al cielo, li benedisse e li spezzò e li dava ai discepoli perché li ponessero davanti alla folla.+ 17  E tutti mangiarono e furono saziati, e si raccolse l’avanzo, dodici cesti di frammenti.+ 18  In seguito, mentre pregava da solo, i discepoli vennero insieme da lui,* ed egli li interrogò, dicendo: “Chi dicono le folle che io sia?”+ 19  Rispondendo, dissero: “Giovanni il Battista;* ma altri, Elia,* ed altri ancora, che sia sorto uno degli antichi profeti”.+ 20  Quindi disse loro: “Ma voi, chi dite che io sia?” Pietro, rispondendo, disse:+ “Il Cristo+ di Dio”. 21  Quindi, parlando loro severamente, ordinò loro di non dirlo a nessuno,+ 22  ma disse: “Il Figlio dell’uomo deve subire molte sofferenze ed essere rigettato dagli anziani e dai capi sacerdoti e dagli scribi, ed essere ucciso,+ e il terzo giorno esser destato”.+ 23  Quindi proseguì, dicendo a tutti: “Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso,+ prenda di giorno in giorno il suo palo di tortura* e mi segua di continuo.+ 24  Poiché chi vuol salvare la sua anima* la perderà; ma chi perde la sua anima per amor mio la salverà.+ 25  Realmente, che giova a un uomo se guadagna tutto il mondo ma perde se stesso o subisce danno?+ 26  Poiché chi si vergogna di me e delle mie parole, il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui quando arriverà nella sua gloria e in quella del Padre e dei santi angeli.+ 27  Ma vi dico veracemente: Ci sono alcuni di quelli che stanno qui che non gusteranno affatto la morte prima di aver visto il regno di Dio”.+ 28  Difatti, circa otto giorni dopo queste parole, prese con sé Pietro e Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare.+ 29  E mentre pregava l’aspetto+ della sua faccia divenne diverso e la sua veste divenne di un bianco* sfolgorante.+ 30  Ed ecco, con lui conversavano due uomini, i quali erano Mosè ed Elia.+ 31  Questi apparvero con gloria e parlavano della sua dipartita* che era destinato a compiere a Gerusalemme.+ 32  Ora Pietro e quelli che stavano con lui erano aggravati dal sonno; ma quando si furono svegliati completamente, videro la sua gloria+ e i due uomini che erano con lui. 33  E mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: “Insegnante, è bello che stiamo qui; erigiamo dunque tre tende, una per te e una per Mosè e una per Elia”, non comprendendo ciò che diceva.+ 34  Ma mentre diceva queste cose si formò una nube che li copriva con la sua ombra. Entrati nella nube, ebbero timore.+ 35  E una voce+ venne dalla nube, dicendo: “Questi è il mio Figlio, colui che è stato eletto.+ Ascoltatelo”.+ 36  E mentre si sentiva la voce Gesù si trovò solo.+ Ma essi tacevano e in quei giorni non riferirono a nessuno le cose che avevano visto.+ 37  Il giorno seguente, essendo essi scesi dal monte, gli andò incontro una grande folla.+ 38  Ed ecco, un uomo gridò dalla folla, dicendo: “Maestro, ti imploro di rivolgere lo sguardo a mio figlio, perché è il mio unigenito,*+ 39  ed ecco, uno spirito+ lo prende, e improvvisamente grida, e lo getta in convulsioni facendolo schiumare, e a stento si ritira da lui dopo averlo fiaccato. 40  E ho implorato i tuoi discepoli di espellerlo, ma non hanno potuto”.+ 41  Rispondendo, Gesù disse: “Generazione infedele e storta,+ fino a quando devo stare con voi e vi devo sopportare? Conduci qui tuo figlio”.+ 42  Ma proprio mentre si accostava, il demonio lo sbatté a terra e lo gettò in violente convulsioni. Comunque, Gesù rimproverò lo spirito impuro e sanò il fanciullo e lo consegnò a suo padre.+ 43  E tutti si stupivano della maestosa potenza*+ di Dio. Or mentre tutti si meravigliavano di tutte le cose che egli faceva, disse ai suoi discepoli: 44  “Mettetevi negli orecchi queste parole, poiché il Figlio dell’uomo è destinato ad esser consegnato nelle mani degli uomini”.+ 45  Ma essi non comprendevano questa parola. Infatti, era loro occultata affinché non la capissero, e avevano timore di interrogarlo intorno a questa parola.+ 46  Sorse quindi fra loro un ragionamento su chi di essi fosse il più grande.+ 47  Conoscendo il ragionamento del loro cuore, Gesù prese un bambino, lo mise vicino a sé+ 48  e disse loro: “Chiunque riceve questo bambino in base al mio nome riceve [anche] me, e chiunque riceve me riceve [anche] colui che mi ha mandato.+ Poiché chi si comporta fra tutti voi come il minore,+ egli è* grande”.+ 49  Rispondendo, Giovanni disse: “Insegnante, abbiamo visto un uomo che espelleva demoni+ usando il tuo nome e abbiamo cercato di impedirglielo,+ perché non [ti] segue* con noi”.+ 50  Ma Gesù gli disse: “Non cercate di impedirglielo, poiché chi non è contro di voi è per voi”.+ 51  Or mentre si compivano i giorni della sua assunzione,*+ volse decisamente la sua faccia per andare a Gerusalemme. 52  E mandò davanti a sé dei messaggeri. Ed essi andarono ed entrarono in un villaggio dei samaritani+ per fargli i preparativi; 53  ma essi non lo ricevettero, perché la sua faccia era volta per andare a Gerusalemme.+ 54  Quando i discepoli Giacomo e Giovanni+ ebbero visto ciò, dissero: “Signore, vuoi che diciamo al fuoco+ di scendere dal cielo e annientarli?” 55  Ma egli si voltò e li rimproverò. 56  Così andarono in un altro villaggio. 57  Or mentre andavano per la strada, qualcuno gli disse: “Ti seguirò dovunque tu vada”.+ 58  E Gesù gli disse: “Le volpi hanno tane e gli uccelli del cielo hanno dove posarsi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove adagiare la testa”.+ 59  Quindi disse a un altro: “Sii mio seguace”. L’uomo disse: “Permettimi prima di andare a seppellire mio padre”.+ 60  Ma gli disse: “Lascia che i morti+ seppelliscano i loro morti, ma tu va e dichiara in ogni luogo il regno di Dio”.+ 61  E un altro ancora disse: “Ti seguirò, Signore; ma prima permettimi di accomiatarmi+ da quelli della mia famiglia”.* 62  Gesù gli disse: “Nessuno che abbia messo mano all’aratro+ e guardi alle cose che sono dietro+ è adatto per il regno di Dio”.

Note in calce

O, “il tetrarca”. Vedi nt. a 3:1, “distretto”.
O, “i discepoli erano con lui”. B*, “i discepoli vennero da lui”.
O, “l’immersore; colui che tuffa”. Gr. ton Baptistèn.
Significa “il mio Dio è Geova”. J17,18,22(ebr.), ʼEliyàhu.
Vedi App. 5C.
O, “vita”. Gr. psychèn; J17,18,22(ebr.), nafshòh (da nèfesh). Vedi App. 4A.
O, “di uno splendore”.
O, “partenza”. Gr. èxodon, come in 2Pt 1:15.
O, “unico”. Gr. monogenès.
“Maestosa potenza”: o, “maestà”. Gr. megaleiòteti; lat. magnitudine; J17,22(ebr.), gedhullàth.
O, “deve essere”.
O, “non va”.
O, “ascensione”.
O, “casa”.