Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Levitico 8:1-36

8  E Geova parlava a Mosè, dicendo:  “Prendi Aaronne e i suoi figli con lui+ e le vesti+ e l’olio d’unzione+ e il toro dell’offerta per il peccato+ e i due montoni e il cesto dei pani non fermentati,+  e fa congregare*+ tutta l’assemblea all’ingresso della tenda di adunanza”.+  Quindi Mosè fece proprio come Geova gli aveva comandato, e l’assemblea si congregò all’ingresso+ della tenda di adunanza.  Mosè disse ora all’assemblea: “Questa è la cosa che Geova ha comandato di fare”.+  Mosè fece dunque avvicinare Aaronne e i suoi figli e li lavò+ con acqua.+  Dopo ciò gli mise addosso la lunga veste+ e lo cinse con la fascia+ e lo vestì col manto senza maniche+ e gli mise l’efod+ e lo cinse con la cintura+ dell’efod e con essa glielo legò strettamente.  Poi gli mise sopra il pettorale+ e mise nel pettorale gli Urim e i Tummim.*+  Quindi gli pose sulla testa il turbante+ e sul turbante pose dalla parte anteriore la lamina risplendente d’oro, il santo segno di dedicazione,*+ proprio come Geova aveva comandato a Mosè. 10  Mosè prese ora l’olio d’unzione e unse il tabernacolo+ e tutto ciò che era in esso e li santificò. 11  Dopo ciò ne spruzzò parte sette volte sull’altare e unse l’altare+ e tutti i suoi utensili e il bacino e la sua base in modo da santificarli. 12  Infine versò parte dell’olio d’unzione sulla testa di Aaronne e lo unse in modo da santificarlo.+ 13  Mosè fece quindi avvicinare i figli di Aaronne+ e li vestì con le lunghe vesti e li cinse con le fasce+ e avvolse su di essi il copricapo,+ proprio come Geova aveva comandato a Mosè. 14  Quindi fece accostare il toro+ dell’offerta per il peccato e Aaronne e i suoi figli posero le mani sulla testa+ del toro dell’offerta per il peccato. 15  E Mosè lo scannava+ e prendeva il sangue+ e lo metteva col dito sui corni dell’altare all’intorno e purificava l’altare dal peccato, ma il resto del sangue lo versò alla base dell’altare, affinché lo santificasse per fare espiazione+ su di esso. 16  Dopo ciò prese tutto il grasso che era sopra gli intestini, e la parte annessa al fegato e i due reni e il loro grasso e Mosè li fece fumare sull’altare.+ 17  E fece bruciare col fuoco il toro e la sua pelle e la sua carne e il suo sterco fuori del campo,+ proprio come Geova aveva comandato a Mosè. 18  Ora fece avvicinare il montone dell’olocausto, e Aaronne e i suoi figli posero quindi le mani sulla testa del montone.+ 19  Dopo ciò Mosè lo scannò e asperse il sangue all’intorno sull’altare.+ 20  E tagliò il montone nei suoi pezzi,+ e Mosè faceva fumare la testa e i pezzi e il sego. 21  E lavò gli intestini e le zampe con acqua, e Mosè fece quindi fumare l’intero montone sull’altare.+ Fu un olocausto in odore riposante.+ Fu un’offerta fatta a Geova mediante il fuoco, proprio come Geova aveva comandato a Mosè. 22  Quindi fece avvicinare il secondo montone, il montone dell’insediamento,+ e Aaronne e i suoi figli posero le loro mani sulla testa del montone. 23  Dopo ciò Mosè lo scannò e ne prese del sangue e lo mise sul lobo dell’orecchio destro di Aaronne e sul pollice della sua mano destra e sull’alluce del suo piede destro.+ 24  Mosè fece poi avvicinare i figli di Aaronne e mise del sangue sul lobo del loro orecchio destro e sul pollice della loro mano destra e sull’alluce del loro piede destro; ma Mosè asperse il resto del sangue all’intorno sull’altare.+ 25  Prese quindi il grasso e la grassa coda e tutto il grasso che era sopra gli intestini,+ e la parte annessa al fegato e i due reni e il loro grasso e la coscia destra.+ 26  E dal cesto dei pani non fermentati che era dinanzi a Geova prese una focaccia non fermentata a ciambella+ e una focaccia a ciambella di pane con olio+ e una schiacciata.+ Quindi le pose sopra i pezzi grassi e la coscia destra. 27  Dopo ciò li mise tutti sulle palme delle mani di Aaronne e sulle palme delle mani dei suoi figli e li agitava da una parte all’altra come offerta agitata dinanzi a Geova.+ 28  Mosè li prese quindi dalle palme delle loro mani e li fece fumare sull’altare in cima all’olocausto.+ Essi furono un sacrificio d’insediamento+ in odore riposante.+ Fu un’offerta fatta a Geova mediante il fuoco.+ 29  E Mosè prendeva il petto+ e lo agitava da una parte all’altra come offerta agitata dinanzi a Geova.+ Dal montone dell’insediamento esso divenne la porzione+ di Mosè, proprio come Geova aveva comandato a Mosè. 30  Dopo ciò Mosè prese dell’olio d’unzione+ e del sangue che era sull’altare e lo spruzzò su Aaronne e sulle sue vesti e sui suoi figli e sulle vesti dei suoi figli con lui. Così santificò+ Aaronne e le sue vesti e i suoi figli e le vesti dei suoi figli+ con lui. 31  Quindi Mosè disse ad Aaronne e ai suoi figli: “Cuocete+ la carne all’ingresso della tenda di adunanza, e lì mangerete essa+ e il pane che è nel cesto dell’insediamento, proprio come mi è stato comandato,* dicendo: ‘Lo mangeranno Aaronne e i suoi figli’. 32  E brucerete col fuoco ciò che resta della carne e del pane.+ 33  E per sette giorni non dovete uscire dall’ingresso della tenda di adunanza,+ fino al giorno che si compiranno i giorni del vostro insediamento, perché ci vorranno sette giorni per riempire la vostra mano di potere.*+ 34  Proprio com’è stato fatto in questo giorno, Geova ha comandato che si faccia, in modo da fare espiazione per voi.+ 35  E starete all’ingresso della tenda di adunanza giorno e notte per sette giorni,+ e dovete osservare la guardia obbligatoria di Geova,+ affinché non moriate; poiché così mi è stato comandato”. 36  E Aaronne e i suoi figli facevano tutte le cose che Geova aveva comandato per mezzo di Mosè.

Note in calce

“Fa congregare”: gr. ekklesìason; lat. congregabis.
Vedi nt. a Eso 28:30, “Tummim”.
O, “il santo diadema; il diadema di santità”.
Secondo TOLXXSy; Vgc, “proprio come il Signore [Geova] mi ha prescritto”. Qui il verbo ebr. ha punti vocalici diversi da quelli dello stesso verbo nel v. 35.
“Riempire la vostra mano di potere”: o, “insediarvi; conferirvi potere”. Ebr. yemallèʼ ʼeth-yedhkhèm; gr. teleiòsei tas chèiras hymòn (LXXThomson, “egli consacrerà le vostre mani”). Cfr. nt. a Eb 5:9.