Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Levitico 24:1-23

24  E Geova parlava a Mosè, dicendo:  “Comanda ai figli d’Israele che ti portino olio puro di olive schiacciate per il luminare,+ per far ardere di continuo la lampada.+  Fuori della cortina della Testimonianza, nella tenda di adunanza, Aaronne lo deve disporre di continuo dalla sera alla mattina dinanzi a Geova. È uno statuto a tempo indefinito durante le vostre generazioni.  Sul candelabro+ d’oro puro* deve disporre di continuo+ le lampade+ dinanzi a Geova.  “E devi prendere del fior di farina e cuocere dodici focacce a ciambella. Ciascuna focaccia a ciambella dev’essere di due decimi di efa.  E le devi porre in due pile, sei per pila,+ sulla tavola d’oro puro* dinanzi a Geova.+  E devi mettere sopra ogni pila olibano puro, e deve servire come il pane per ricordanza,+ offerta fatta a Geova mediante il fuoco.  Un giorno di sabato dopo l’altro lo deve disporre di continuo dinanzi a Geova.+ È un patto a tempo indefinito con i figli d’Israele.  E deve divenire di Aaronne e dei suoi figli,+ e lo devono mangiare in luogo santo,+ perché è qualcosa di santissimo per lui dalle offerte di Geova fatte mediante il fuoco, come regolamento a tempo indefinito”. 10  Ora un figlio di una donna israelita, che, comunque, era figlio di un uomo egiziano,+ uscì in mezzo ai figli d’Israele e il figlio della israelita e un uomo israelita lottavano+ l’uno con l’altro nel campo. 11  E il figlio della donna israelita abusava del Nome*+ e invocava su di esso il male.+ Lo condussero dunque da Mosè.+ Incidentalmente, il nome di sua madre era Selomit, figlia di Dibri della tribù di Dan. 12  Quindi lo misero sotto custodia+ finché fosse fatta loro un’esplicita dichiarazione secondo la parola* di Geova.+ 13  E Geova parlava a Mosè, dicendo: 14  “Fa uscire fuori del campo+ quello che ha invocato il male; e tutti quelli che l’hanno udito gli devono porre le mani+ sulla testa, e l’intera assemblea lo deve colpire [con pietre].+ 15  E devi parlare ai figli d’Israele, dicendo: ‘Nel caso che qualche uomo invochi il male sul suo Dio, deve rispondere del suo peccato. 16  E chi abusa del nome di Geova dev’essere messo a morte immancabilmente.+ L’intera assemblea lo deve immancabilmente colpire con pietre. Sia il residente forestiero che il nativo dev’essere messo a morte per aver abusato del Nome.*+ 17  “‘E nel caso che un uomo colpisca a morte qualunque anima del genere umano,* dev’essere messo a morte immancabilmente.+ 18  E chi colpisce a morte l’anima di un animale domestico deve darne compenso, anima per anima.+ 19  E nel caso che un uomo causi un difetto al suo compagno, proprio come egli ha fatto, così si deve fare a lui.+ 20  Frattura per frattura, occhio per occhio, dente per dente; la stessa sorta di difetto che egli causi all’uomo, questo è ciò che si deve causare a lui.+ 21  E chi colpisce a morte una bestia+ deve darne compenso,+ ma chi colpisce a morte un uomo dev’essere messo a morte.+ 22  “‘Una stessa decisione giudiziaria dev’essere valida per voi. Il residente forestiero dev’essere come il nativo,+ perché io sono Geova vostro Dio’”.+ 23  Dopo ciò Mosè parlò ai figli d’Israele, e fecero uscire fuori del campo colui che aveva invocato il male, e lo colpirono con pietre.+ Così i figli d’Israele fecero proprio come Geova aveva comandato a Mosè.

Note in calce

Lett. “sul candelabro puro”.
Lett. “sulla tavola pura”.
‘Il Nome’: ebr. hashShèm; cioè il nome “Geova”, com’è indicato dai vv. 15, 16. L’uso postbiblico di questa espressione si trova nella Mishnàh, come in Yoma 3, 8; 4, 1, 2; 6, 2. Si crede che l’espressione “il Nome” sia stata sostituita a “Geova” dai soferim per evitare ciò che sembrava loro una vera e propria bestemmia, cioè dire: “abusava di Geova”.
Lett. “bocca”.
‘Il Nome’, Sam; M, “un nome”; LXX, “il nome di Geova”; Vg, “il nome del Signore [Geova]”.
O, “colpisca a morte qualunque uomo; uccida qualunque uomo”. Lat. percusserit et occiderit hominem.