Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Levitico 20:1-27

20  E Geova continuò a parlare a Mosè, dicendo:  “Devi dire ai figli d’Israele: ‘Qualunque uomo dei figli d’Israele, e qualunque residente forestiero che risiede come forestiero in Israele, che dia qualcuno della sua progenie a Molec,*+ dev’essere messo a morte immancabilmente. Il popolo del paese lo deve colpire a morte con pietre.  E in quanto a me, io porrò la mia faccia contro quell’uomo, e certamente lo stroncherò di fra il suo popolo,+ perché ha dato qualcuno della sua progenie a Molec allo scopo di contaminare il mio santo luogo+ e di profanare il mio santo nome.*+  E se il popolo del paese nascondesse deliberatamente i suoi occhi da quell’uomo quando dà qualcuno della sua progenie a Molec non mettendolo a morte,+ allora  io, da parte mia, certamente volgerò la mia faccia contro quell’uomo e contro la sua famiglia,+ e veramente stroncherò di fra il loro popolo lui e tutti quelli che hanno rapporti immorali+ insieme a lui avendo rapporti immorali* con Molec.  “‘In quanto all’anima che si rivolge ai medium spiritici+ e a quelli che per mestiere predicono+ gli avvenimenti in modo da avere rapporti immorali con loro, certamente porrò la mia faccia contro tale anima e la stroncherò di fra il suo popolo.+  “‘E voi dovete santificarvi e mostrarvi santi,+ perché io sono Geova vostro Dio.  E dovete osservare i miei statuti e metterli in pratica.+ Io sono Geova che vi santifica.*+  “‘Nel caso che un uomo invochi il male su suo padre e su sua madre,+ dev’essere messo a morte immancabilmente.+ Ha invocato il male su suo padre e su sua madre. Il suo proprio sangue* è su di lui.+ 10  “‘Ora l’uomo che commette adulterio con la moglie di un altro uomo commette adulterio con la moglie del suo prossimo.+ Dev’essere messo* a morte immancabilmente, sia l’adultero che l’adultera.+ 11  E l’uomo che giace con la moglie di suo padre ha scoperto in effetti la nudità di suo padre.+ Entrambi devono essere messi a morte immancabilmente. Il loro proprio sangue è su di loro. 12  E qualora un uomo giaccia con sua nuora, entrambi devono essere messi a morte immancabilmente.+ Hanno commesso una violazione di ciò che è naturale. Il loro proprio sangue è su di loro.+ 13  “‘E nel caso che un uomo giaccia con un maschio come si giace con una donna, entrambi hanno fatto una cosa detestabile.+ Devono essere messi a morte immancabilmente. Il loro proprio sangue è su di loro. 14  “‘E nel caso che un uomo prenda una donna e la madre di lei, è condotta dissoluta.+ Devono bruciare lui e loro nel fuoco,+ perché la condotta dissoluta+ non continui in mezzo a voi. 15  “‘E nel caso che un uomo dia la sua emissione seminale a una bestia,+ dev’essere messo a morte immancabilmente, e voi dovete uccidere la bestia. 16  E qualora una donna si avvicini a qualunque bestia per accoppiarsi+ con essa,* devi uccidere la donna e la bestia. Devono essere messi a morte immancabilmente. Il loro proprio sangue è su di loro. 17  “‘E nel caso che un uomo prenda sua sorella, figlia di suo padre o figlia di sua madre, e veda in effetti la nudità di lei, ed essa veda la nudità di lui, è una vergogna.+ Devono dunque essere stroncati davanti agli occhi dei figli del loro popolo. Ha scoperto la nudità di sua sorella. Egli deve rispondere del suo errore. 18  “‘E nel caso che un uomo giaccia con una donna che ha i mestrui e ne scopra in effetti la nudità, ne ha esposto la fonte, ed essa stessa ha scoperto la fonte del proprio sangue.+ Entrambi devono dunque essere stroncati di fra il loro popolo. 19  “‘E non devi scoprire la nudità della sorella di tua madre+ o della sorella di tuo padre,+ perché si espone la propria parente consanguinea.+ Devono rispondere del loro errore. 20  E l’uomo che giaccia con la moglie di suo zio ha scoperto in effetti la nudità di suo zio.+ Devono rispondere del loro peccato. Devono morire senza figli.+ 21  E nel caso che un uomo prenda la moglie di suo fratello, è qualcosa di orrendo.+ Egli ha scoperto la nudità di suo fratello. Devono rimanere* senza figli. 22  “‘E dovete osservare tutti i miei statuti+ e tutte le mie decisioni giudiziarie+ e metterli in pratica, affinché il paese al quale vi conduco per dimorarvi non vi vomiti fuori.+ 23  E non dovete camminare negli statuti delle nazioni che caccio d’innanzi a voi,+ perché hanno fatto tutte queste cose e io le aborro.+ 24  Perciò vi ho detto:+ “Voi, da parte vostra, prenderete possesso del loro suolo, e io, da parte mia, ve lo darò perché ne prendiate possesso, un paese dove scorre latte e miele.+ Sono io Geova vostro Dio, che vi ho separati dai popoli”.+ 25  E dovete fare una distinzione fra la bestia pura e l’impura e fra il volatile impuro e il puro;+ e non dovete rendere le vostre anime abominevoli+ con la bestia e col volatile e con alcuna cosa che si muove sul suolo, che io ho separato per voi dichiarandoli impuri. 26  E dovete mostrarvi a me santi,+ perché io, Geova, sono santo;+ e vi separo dai popoli perché diveniate miei.+ 27  “‘E in quanto all’uomo o alla donna in cui si trovi uno spirito medianico o spirito di predizione,+ devono essere messi a morte immancabilmente.+ Li dovete colpire a morte con pietre. Il loro proprio sangue è su di loro’”.+

Note in calce

“A Molec”, M; Vg, “all’idolo Moloc”; LXX, “al governante”.
Lett. “il nome della mia santità”.
O, “commettendo fornicazione”.
O, “che vi ritiene sacri (vi tratta come santi)”. Ebr. meqaddishkhèm; gr. ho hagiàzon hymàs; lat. qui sanctifico vos.
Cioè la responsabilità del suo sangue.
“Dev’essere messo”, MSam; LXXSyVg, “Devono essere messi”.
O, “perché essa si accoppi con lei”.
“Divenire”, M; LXX, “morire”.