Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Isaia 8:1-22

8  E Geova mi diceva: “Prenditi una larga tavoletta+ e scrivici sopra con lo stilo dell’uomo mortale:* ‘Maher-Shalal-Hash-Baz’.*  E fammi avere per me stesso l’attestazione+ di fedeli testimoni,+ Uria il sacerdote+ e Zaccaria* figlio di Ieberechia”.*  Quindi mi accostai alla profetessa, ed essa rimase incinta e a suo tempo partorì un figlio.+ Geova ora mi disse: “Mettigli nome Maher-Shalal-Hash-Baz,  poiché prima che il ragazzo sappia chiamare:+ ‘Padre mio!’ e: ‘Madre mia!’ si porteranno le risorse di Damasco e le spoglie di Samaria davanti al re d’Assiria”.+  E Geova mi parlava ancora, dicendo:  “Per la ragione che questo popolo ha rigettato+ le acque di Siloe*+ che scorrono dolcemente, e c’è esultanza+ per Rezin e per il figlio di Remalia;*+  anche per questo, ecco, Geova* fa salire contro di loro+ le potenti e molte acque del Fiume,+ il re d’Assiria+ e tutta la sua gloria.+ Ed egli certamente salirà su tutti i suoi letti e strariperà da tutte le sue sponde  e avanzerà attraverso Giuda. Realmente inonderà e passerà sopra.+ Giungerà fino al collo.+ E deve accadere che l’apertura delle sue ali+ riempirà la larghezza del tuo paese, o Emmanuele!”*+  Siate dannosi,* o popoli, e siate frantumati; e prestate orecchio, voi tutti che siete in parti lontane della terra!+ Cingetevi,+ e siate frantumati!+ Cingetevi, e siate frantumati! 10  Fate un progetto, e sarà infranto!+ Pronunciate qualunque parola, e non avrà effetto, poiché Dio è con noi!*+ 11  Poiché questo è ciò che mi ha detto Geova con la forza della mano, per distogliermi* dal camminare nella via di questo popolo, dicendo: 12  “Non dovete dire: ‘Cospirazione!’ rispetto a tutto ciò di cui questo popolo continua a dire: ‘Cospirazione!’+ e non dovete temere l’oggetto del loro timore, e non dovete tremare davanti a esso.+ 13  Geova degli eserciti, egli è Colui che dovete trattare come santo,+ ed egli dev’essere l’oggetto del vostro timore,+ ed egli dev’essere Colui che vi fa tremare”.+ 14  Ed egli deve divenire come un luogo sacro;*+ ma come una pietra contro cui urtare e come una roccia su cui inciampare+ per entrambe le case d’Israele, come una trappola e come un laccio per gli abitanti* di Gerusalemme.+ 15  E molti fra loro certamente inciamperanno e cadranno e saranno infranti, e saranno accalappiati e presi.+ 16  Avvolgi l’attestazione,*+ metti un sigillo alla legge fra i miei discepoli!*+ 17  E certamente mi terrò in aspettazione di Geova,+ che nasconde la sua faccia dalla casa di Giacobbe,+ e di sicuro spererò in lui.+ 18  Ecco, io e i figli che Geova mi ha dato+ siamo come segni+ e come miracoli* in Israele da parte di Geova degli eserciti, che risiede sul monte Sion.+ 19  E nel caso che vi dicano: “Rivolgetevi ai medium spiritici+ o a quelli che hanno uno spirito di predizione, i quali bisbigliano+ e si esprimono con tono sommesso”,* non deve un popolo rivolgersi al suo Dio?+ [Ci si deve rivolgere] a persone morte a favore di persone vive?+ 20  Alla* legge e all’attestazione!+ Sicuramente continueranno a dire ciò che è secondo questa dichiarazione*+ che non avrà luce di aurora.+ 21  E ciascuno* certamente passerà per il paese* duramente oppresso e affamato;+ e dovrà accadere che perché sarà affamato e si sentirà indignato, in effetti invocherà il male sul suo re e sul suo Dio*+ e certamente rivolgerà lo sguardo verso l’alto. 22  E guarderà alla terra, ed ecco, angustia e tenebre,+ oscurità, tempi difficili e caligine senza nessuno splendore.*+

Note in calce

O, “con uno stilo comune”.
Significa “affrettati, o [o, affrettandosi al] bottino! Egli è pronto al saccheggio”.
Significa “Geova ha ricordato”. Ebr. Zekharyàhu.
Significa “Geova benedice”. Ebr. Yeverekhyàhu.
Significa “mandante”, e indica un acquedotto o conduttura d’acqua; LXX, “Siloam”.
Vedi nt. a 2Re 15:25, “Remalia”.
Uno dei 134 cambiamenti degli scribi da YHWH in ʼAdhonài. Vedi App. 1B.
Vedi nt. a 7:14, “Emmanuele”.
“Sappiate”, LXX e con una correzione del M, in armonia con l’espressione parallela “prestate orecchio”.
“Dio è con noi”: ebr. ʽimmànu ʼEl; LXX, “Geova Dio è con noi”.
“Per ammonirmi”, secondo un’altra derivazione del verbo ebr.
O, “un santuario”.
“Gli abitanti”, LXXSyVg e sette mss. ebr.; 1QIsaM, “l’abitante”.
O, “la testimonianza”.
O, “i miei ammaestrati”.
O, “meraviglie; portenti”.
O, “e usano il ventriloquio”.
O, “Per la”; o, “Appartiene alla”.
O, “parola; cosa detta”.
Lett. “E uno”.
Lett. “essa”, femm., cioè il paese o la terra, femm.
“E sul suo Dio”: ebr. uvEʼlohàv.
“Senza nessuno splendore”, con una lieve correzione; LXX, “così da non vedere”; M, “[in cui] uno è spinto”.