Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Isaia 6:1-13

6  Nell’anno che morì il re Uzzia,+ io, comunque, vedevo Geova,*+ seduto su un trono+ alto ed elevato, e i lembi delle sue [vesti] riempivano il tempio.*+  Serafini stavano al di sopra di lui.*+ Ciascuno aveva sei ali. Con due si copriva la faccia,+ e con due si copriva i piedi, e con due volava.  E questo chiamò quello e disse: “Santo, santo, santo è Geova degli eserciti.+ La pienezza di tutta la terra è la sua gloria”.  E i perni+ delle soglie tremavano alla voce di colui che chiamava, e la casa stessa gradualmente si riempì di fumo.*+  E dicevo: “Guai a me! Poiché sono come ridotto al silenzio, perché sono un uomo impuro di labbra,+ e dimoro fra un popolo impuro di labbra;+ poiché i miei occhi hanno visto il Re stesso, Geova degli eserciti!”+  Allora uno dei serafini volò verso di me, e nella sua mano c’era un carbone ardente+ che aveva preso con le molle dall’altare.+  E mi toccava la bocca+ e diceva: “Ecco, questo ti ha toccato le labbra, e il tuo errore è tolto via e il tuo peccato stesso è espiato”.+  E udivo la voce di Geova* dire: “Chi manderò, e chi andrà per noi?”+ E dicevo: “Eccomi! Manda me”.+  Ed egli proseguì, dicendo: “Va, e devi dire a questo popolo: ‘Udite più volte, ma non capite; e vedete più volte, ma non ottenete alcuna conoscenza’.+ 10  Rendi ottuso* il cuore di questo popolo,+ e rendi insensibili* i loro medesimi orecchi,+ e incolla i loro medesimi occhi, affinché non vedano con i loro occhi e non odano con i loro orecchi, e affinché il loro proprio cuore non capisca e affinché effettivamente non si convertano e non siano sanati”.+ 11  A ciò dissi: “Fino a quando, o Geova?”*+ Quindi egli disse: “Finché le città realmente crollino in rovina, per essere senza abitante, e le case siano senza uomo terreno, e il suolo stesso sia rovinato nella desolazione;+ 12  e Geova in effetti allontani gli uomini terreni, e lo stato di abbandono divenga davvero molto esteso in mezzo al paese.*+ 13  E in esso ci sarà ancora un decimo,+ e dovrà divenire di nuovo qualcosa da ardere, come un grosso albero e come un albero massiccio in cui,* quando sono abbattuti,+ ci sia un ceppo;+ un santo seme* ne sarà il ceppo”.*+

Note in calce

Uno dei 134 cambiamenti degli scribi da YHWH in ʼAdhonài. Vedi App. 1B.
O, “il palazzo”. Ebr. hahehkhàl, come in 2Re 20:18; lat. templum. Vedi nt. a Mt 23:16.
“Esso”, Vg; probabilmente il “trono”.
“E la casa cominciò a riempirsi di fumo”, James Washington Watts (1979). Vedi App. 3C.
Vedi nt. al v. 1, “Geova”.
Lett. “grasso”.
Lett. “pesanti”.
Vedi nt. al v. 1, “Geova”.
O, “alla terra”.
“In cui”, pl., M; SyVg e circa 100 mss. ebr., “in cui”, sing.
O, “progenie”.
O, “sarà dal ceppo d’esso”, nel caso sia stata omessa una lettera nel M.