Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Isaia 48:1-22

48  Udite questo, o casa di Giacobbe, voi che vi chiamate col nome d’Israele+ e che siete usciti dalle medesime acque* di Giuda,+ voi che giurate nel nome di Geova+ e che fate menzione anche dell’Iddio* d’Israele,+ non in verità* e non nella giustizia.+  Poiché si sono chiamati come se fossero della città santa,+ e si sono appoggiati sull’Iddio d’Israele,+ il cui nome è Geova degli eserciti.+  “Ho dichiarato le prime cose fin da quel tempo, e uscirono dalla mia propria bocca, e le facevo udire.+ All’improvviso agii, e le cose avvenivano.+  Siccome sapevo che tu sei duro+ e che il tuo collo è un tendine di ferro+ e la tua fronte è di rame,+  continuai dunque ad annunciartelo da quel tempo. Prima che avvenisse, te [lo] feci udire,+ affinché tu non dicessi: ‘Il mio proprio idolo le ha fatte, e la mia propria immagine scolpita e la mia propria immagine di metallo fuso le hanno comandate’.+  Hai udito.+ Guardalo tutto.+ In quanto a voi, non [lo] annuncerete?+ Ti ho fatto udire cose nuove dal tempo presente, sì, cose tenute in serbo,* che non hai conosciuto.+  Nel tempo presente devono esser create, e non da quel tempo, sì, cose che prima d’oggi non hai udito, affinché tu non dica: ‘Ecco, le ho già conosciute’.+  “Inoltre, non hai udito,+ né hai conosciuto, né da quel tempo in poi il tuo orecchio si è aperto. Poiché so bene che immancabilmente agivi con slealtà,+ e sei stato chiamato ‘trasgressore dal ventre’.*+  Per amore del mio nome frenerò la mia ira,+ e per la mia lode mi tratterrò verso di te perché tu non sia stroncato.+ 10  Ecco, ti ho raffinato, ma non nella [forma dell’]argento.+ Ti ho reso scelto nel forno fusorio dell’afflizione.+ 11  Per amore di me stesso, per amore di me stesso agirò,+ poiché come potrebbe uno lasciarsi profanare?+ E non darò a nessun altro la mia propria gloria.+ 12  “Ascoltami, o Giacobbe, e tu Israele mio chiamato. Io sono lo stesso.+ Sono il primo.+ Inoltre, sono l’ultimo.+ 13  Inoltre, la mia propria mano pose le fondamenta della terra,+ e la mia propria destra stese i cieli.+ Li chiamo, perché stiano insieme.+ 14  “Radunatevi, voi tutti, e udite.+ Chi fra loro* ha dichiarato queste cose? Geova stesso lo ha amato.+ Egli farà su Babilonia ciò che è suo diletto,+ e il suo proprio braccio sarà sui caldei.+ 15  Io, io stesso ho parlato. Inoltre, l’ho chiamato.+ L’ho fatto venire, e si farà avere successo alla sua via.+ 16  “Avvicinatevi a me. Udite questo. Dall’inizio non ho parlato in nessun nascondiglio.+ Dal tempo che ciò ha avuto luogo sono stato là”. E ora mi ha mandato lo stesso Sovrano Signore Geova, sì,* il suo spirito.+ 17  Questo è ciò che ha detto Geova, il tuo Ricompratore,+ il Santo d’Israele:+ “Io, Geova, sono il tuo Dio, Colui che ti insegna per il [tuo] beneficio,+ Colui che ti fa calcare la via per la quale devi camminare.+ 18  Oh se tu realmente prestassi attenzione ai miei comandamenti!+ Allora la tua pace diverrebbe proprio come un fiume,+ e la tua giustizia come le onde del mare.+ 19  E la tua progenie diverrebbe proprio come la sabbia, e i discendenti [usciti] dalle tue parti interiori come i suoi granelli.+ Il nome di uno* non sarebbe stroncato né annientato d’innanzi a me”.+ 20  Uscite da Babilonia!+ Fuggite lontano dai caldei.+ Annunciate pure col suono di un grido di gioia, fate udire questo.+ Fatelo giungere all’estremità della terra.+ Dite: “Geova ha ricomprato il suo servitore Giacobbe.+ 21  E non ebbero sete+ quando li faceva camminare perfino attraverso luoghi devastati.+ Fece scaturire per loro acqua dalla roccia, e fendeva la roccia perché sgorgasse l’acqua”.+ 22  “Non c’è pace”, ha detto Geova, “per i malvagi”.+

Note in calce

“Viscere; parti interiori”, con una correzione del M; circa 40 mss. ebr., “giorni”.
‘E . . . dell’Iddio di’: Ebr. uvEʼlohèh.
O, “veracità”.
O, “tenute sotto custodia”.
Cioè dal seno materno.
“Loro”, 1QIsaMTLXXVg; Sy e circa 40 mss. ebr., “voi”.
O, “e”.
O, “Il suo nome”, 1QIsaMTSyVg; LXX, “Il tuo nome”.