Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Isaia 46:1-13

46  Bel+ si è piegato,+ Nebo si curva; i loro idoli+ son divenuti per le bestie selvagge e per gli animali domestici, i loro carichi, dei bagagli, un peso per gli animali stanchi.  Devono curvarsi; ciascuno deve piegarsi in modo simile; non sono semplicemente in grado di procurare scampo+ per il carico, ma la loro propria anima deve andare in schiavitù.+  “Ascoltami, o casa di Giacobbe, e voi tutti rimanenti* della casa d’Israele,+ quelli [da me] trasportati dal ventre, quelli portati dal seno.+  Pure fino alla [vostra] vecchiaia Io sono lo stesso;+ e fino ai [vostri] capelli grigi io stesso continuerò a sopportare.+ Io stesso certamente agirò,+ affinché io stesso porti e affinché io stesso sopporti e procuri scampo.+  “A chi mi assomiglierete+ o [mi] uguaglierete o mi paragonerete affinché somigliamo l’uno all’altro?+  Ci sono quelli che traggono a profusione l’oro dalla borsa, e con l’asta della bilancia pesano l’argento. Assumono un lavoratore di metalli, ed egli ne fa un dio.*+ Si prostrano, sì, si inchinano.+  Lo portano sulla spalla,+ lo sostengono e lo depositano nel suo luogo perché stia fermo. Dal suo luogo in cui sta in piedi non si muove.+ Uno perfino grida a lui, ma esso non risponde; non lo salva dalla sua angustia.+  “Ricordate questo, per farvi coraggio.* Prendetelo a cuore,+ trasgressori.+  Ricordate le prime cose di molto tempo fa,+ che io sono il Divino*+ e non c’è altro Dio,*+ né alcuno simile a me;+ 10  Colui che annuncia dal principio il termine,+ e da molto tempo fa le cose che non sono state fatte;+ Colui che dice: ‘Il mio proprio consiglio avrà effetto,+ e farò tutto ciò che è il mio diletto’;+ 11  Colui che chiama dal levante l’uccello da preda,+ da un paese lontano l’uomo* per eseguire il mio* consiglio.+ Sì, [l’]ho proferito; lo farò anche avvenire.+ [L’]ho formato, anche lo farò.+ 12  “Ascoltatemi, voi potenti di cuore,+ voi lontani dalla giustizia.+ 13  Ho avvicinato la mia giustizia.+ Non è lontana,+ e la mia propria salvezza non tarderà.+ E certamente darò in Sion salvezza, a Israele la mia bellezza”.+

Note in calce

O, “e tu intero rimanente”.
Lett. “ed egli lo fa un dio”. Ebr. weyaʽasèhu ʼel.
“Farvi coraggio”, KB3, p. 96.
O, “Dio”. Ebr. ʼEl; gr. ho Theòs.
“Dio”: ebr. ʼElohìm.
Lett. “uomo di”. Ebr. ʼish.
“Mio”, Mmargine in armonia con i LXX; 1QIsaM, “suo”.