Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Giudici 5:1-31

5  E quel giorno Debora+ insieme a Barac+ figlio di Abinoam+ proruppe in un cantico,+ dicendo:   “Per aver lasciato i capelli sciolti in Israele [per la guerra], Per essersi il popolo offerto volontariamente,+ Benedite Geova.+   Ascoltate, re;+ prestate orecchio, alti funzionari: Io, sì, io, certamente canterò a Geova. Innalzerò melodie+ a Geova, Dio d’Israele.+   Geova, al tuo uscire da Seir,+ Al tuo marciare dal campo di Edom,+ La terra sobbalzò,+ anche i cieli stillarono,+ Anche le nubi stillarono acqua.   I monti scorsero* via dalla faccia di Geova,+ Questo Sinai+ via dalla faccia di Geova,+ Dio d’Israele.+   Ai giorni di Samgar+ figlio di Anat, Ai giorni di Iael,+ i sentieri non erano frequentati,* E i viaggiatori delle strade viaggiavano per sentieri traversi.+   Quelli che dimoravano nella campagna cessarono, cessarono in Israele,+ Finché io, Debora,+ sorsi, Finché io sorsi come madre in Israele.+   Essi sceglievano nuovi dèi.+ Allora ci fu guerra* alle porte.*+ Non si vedeva scudo, né lancia, Tra quarantamila in Israele.+   Il mio cuore è per i comandanti d’Israele,+ Che furono volontari fra il popolo.+ Benedite Geova.+ 10  Voi che cavalcate asine+ rosso-giallastre, Voi che sedete su ricchi tappeti,* E voi che camminate per la strada, Considerate!+ 11  Alcune delle voci dei distributori d’acqua fra i luoghi per attingere acqua,+ Là raccontavano i giusti atti di Geova,+ I giusti atti di quelli che in Israele dimoravano nella campagna. Allora il popolo di Geova scese alle porte. 12  Destati, destati, o Debora;+ Destati, destati, esprimi un cantico!+ Levati, Barac,+ e conduci via i tuoi prigionieri,* figlio di Abinoam!+ 13  Quindi i superstiti scesero verso i maestosi; Il popolo di Geova scese a me contro i potenti. 14  Da Efraim la loro origine fu nel bassopiano,*+ Con* te, o Beniamino, fra i tuoi popoli. Da Machir+ scesero i comandanti, E da Zabulon quelli che maneggiavano arnesi da scriba.+ 15  E i principi di Issacar+ furono con Debora, E come Issacar, così fu Barac.+ A piedi fu mandato nel bassopiano.+ Fra le divisioni di Ruben grandi furono le investigazioni* del cuore.+ 16  Perché sedesti fra due bisacce, Ad ascoltare il suono dei pifferi per i greggi?+ Per le divisioni di Ruben ci furono grandi investigazioni del cuore.+ 17  Galaad restò nella sua residenza dall’altra parte del Giordano;+ E Dan, perché continuò a dimorare temporaneamente nelle navi?+ Aser sedette oziosamente sulla spiaggia del mare, E continuò a risiedere presso i suoi luoghi di approdo.+ 18  Zabulon fu un popolo che disprezzò la propria anima fino al punto della morte;+ Neftali+ pure, sulle alture del campo.+ 19  Vennero i re, combatterono; Quindi i re di Canaan combatterono+ A Taanac+ presso le acque di Meghiddo.+ Non presero alcun guadagno d’argento.+ 20  Dal cielo combatterono le stelle,+ Dalle loro orbite combatterono contro Sisera. 21  Il torrente Chison li spazzò via,+ Il torrente dei giorni antichi,* il torrente Chison.+ Calpestavi la forza,+ o anima mia. 22  Allora gli zoccoli dei cavalli batterono+ A causa dello slancio, dello slancio dei suoi stalloni. 23  ‘Maledite+ Meroz’, disse l’angelo di Geova,+ ‘Maledite incessantemente i suoi abitanti, Poiché non vennero in aiuto di Geova, In aiuto di Geova con i potenti’. 24  Iael+ moglie di Heber il chenita+ sarà la più benedetta fra le donne, Fra le donne nella tenda sarà la più benedetta.+ 25  Egli chiese acqua, essa diede latte; Nella larga scodella da banchetto dei maestosi essa presentò latte cagliato.+ 26  Quindi tese la mano al piolo da tenda, E la destra al maglio di quelli che lavorano duramente.+ E martellò Sisera, gli trafisse la testa,+ E gli spezzò e trapassò le tempie. 27  Fra i piedi di lei crollò, cadde, giacque; Fra i piedi di lei crollò, cadde; Dove crollò, là cadde sopraffatto.+ 28  Dalla finestra una donna guardò fuori e vegliava per lui,* La madre di Sisera dalla grata:+ ‘Perché il suo carro da guerra ci mette tanto a venire?+ Perché deve tardare tanto lo scalpitio dei suoi carri?’+ 29  Le sagge delle sue nobildonne* le rispondevano,+ Sì, anche lei rispondeva a se stessa con i suoi propri detti: 30  ‘Non devono trovare, non devono ripartire le spoglie,+ Un grembo, due grembi* ad ogni uomo robusto,+ Spoglie di robe tinte per Sisera, spoglie di robe tinte, Una veste ricamata, roba tinta, due vesti ricamate Per il collo [degli uomini] delle spoglie?’* 31  Così periscano, o Geova, tutti i tuoi nemici,+ E siano quelli che ti* amano+ come quando il sole sorge nella sua potenza”.+ E il paese non ebbe più disturbo per quarant’anni.+

Note in calce

O, “tremarono”. Vg, “scorsero”; TSy, “tremarono”; LXX, “furono scossi”.
Lett. “i sentieri cessarono [furono trascurati]”.
Il significato nel M è oscuro.
“Allora le città dei governatori (principi) combatterono”, LXXB.
Il significato nel M è oscuro; LXXBVg, “sedete in giudizio”.
O, “la tua cattività”, riferito a un insieme di prigionieri.
“Nel bassopiano”, LXXATh; MLXXBVg, “in Amalec”.
O, “Dopo di”.
“Investigazioni”, come nel v. 16; M, “prescrizioni”.
“Il torrente dei giorni antichi”: o, “torrente degli attacchi”. Ebr. nàchal qedhumìm; qedhumìm è di significato incerto; LXXB, “antico torrente invernale”; Vg, “torrente Cadumim”.
“Vegliava [per lui]”, T; M, “si lamentava”.
O, “sue principesse”. Ebr. sarohthèiha.
Espressione usata dai soldati per indicare le concubine catturate.
“Per il collo della moglie di un re”, cambiando una lettera ebr.; con un lieve cambiamento del M, “per il mio collo come spoglia”; secondo un altro cambiamento del M, “per il suo collo come spoglia”.
“Ti”, SyVg; MLXX, “lo”.