Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Giudici 21:1-25

21  Ora gli uomini d’Israele avevano giurato a Mizpa,+ dicendo: “Nessun uomo di noi darà sua figlia in moglie a Beniamino”.+  Di conseguenza il popolo venne a Betel+ e sedevano là dinanzi al [vero] Dio+ fino alla sera e alzavano la voce e si abbandonavano a un gran pianto.+  E dicevano: “Perché, o Geova, Dio d’Israele, è accaduto questo in Israele, che una tribù oggi manchi da Israele?”+  E avvenne il giorno dopo che il popolo si alzava di buon’ora ed edificava là un altare e offriva olocausti+ e offerte di comunione.+  Quindi i figli d’Israele dissero: “Chi da tutte le tribù d’Israele non è salito nella congregazione* a Geova? poiché ha avuto luogo un grande giuramento+ rispetto a chi non è salito a Geova a Mizpa, dicendo: ‘Sia messo a morte immancabilmente’”.+  E i figli d’Israele si rammaricavano per Beniamino loro fratello. Così dissero: “Oggi è stata recisa una tribù da Israele.  Che cosa faremo a quelli che sono restati in quanto alle mogli, ora che noi stessi abbiamo giurato+ per Geova di non dare loro alcuna delle nostre figlie come mogli?”+  E proseguirono, dicendo: “Chi dalle tribù d’Israele non è salito a Geova a Mizpa?”+ Ed ecco, da Iabes-Galaad+ nessuno era entrato nel campo alla congregazione.  Quando il popolo fu contato, ebbene, ecco, non c’era nessun uomo dagli abitanti di Iabes-Galaad. 10  Perciò l’assemblea vi mandava dodicimila degli uomini più valorosi* e comandava loro, dicendo: “Andate, e dovete colpire gli abitanti di Iabes-Galaad col taglio della spada, anche le donne* e i piccoli.+ 11  E questa è la cosa che dovete fare: Dovete votare alla distruzione ogni maschio e ogni donna che ha avuto l’esperienza di giacere con un maschio”.+ 12  Comunque, trovarono fra gli abitanti di Iabes-Galaad+ quattrocento ragazze, vergini,+ che non avevano avuto rapporti con uomo, giacendo con un maschio. Le condussero dunque all’accampamento di Silo,+ che è nel paese di Canaan. 13  E tutta l’assemblea mandò ora a parlare ai figli di Beniamino che erano nella rupe di Rimmon+ e offrirono loro la pace. 14  Pertanto Beniamino in quel tempo tornò. Diedero quindi loro le donne che avevano conservato in vita dalle donne di Iabes-Galaad;+ ma non ne trovarono abbastanza per loro.+ 15  E il popolo si rammaricò per Beniamino+ perché Geova aveva fatto una rottura fra le tribù d’Israele. 16  Di conseguenza gli anziani dell’assemblea dissero: “Che faremo agli uomini che restano in quanto alle mogli, poiché le donne sono state annientate in Beniamino?” 17  Quindi dissero: “Ci dev’essere un possedimento per quelli di Beniamino che sono scampati,+ perché una tribù non sia cancellata da Israele. 18  In quanto a noi, non ci è permesso di dare loro delle mogli dalle nostre figlie, perché i figli d’Israele hanno giurato, dicendo: ‘Maledetto chi dà moglie a Beniamino’”.+ 19  Infine dissero: “Ecco, di anno in anno c’è una festa di Geova a Silo,+ che si trova a nord di Betel, ad est della strada maestra che sale da Betel a Sichem+ e a sud di Lebona”. 20  Comandarono dunque ai figli di Beniamino, dicendo: “Andate, e vi dovete appostare nelle vigne. 21  E dovete guardare, ed ecco, quando ora le figlie di Silo escono a danzare+ con danze in cerchio, allora voi dovete uscire dalle vigne e portarvi via con la forza ciascuno la sua moglie dalle figlie di Silo, e dovete andare al paese di Beniamino. 22  E deve accadere che se i loro padri o i loro fratelli verranno a intentare causa contro di noi,* allora noi certamente diremo* loro: ‘Fateci un favore per amor loro, perché non abbiamo preso per ciascuno la sua moglie con la guerra,+ poiché non siete stati voi a darle loro in un tempo in cui* sareste divenuti colpevoli’”.+ 23  Pertanto i figli di Beniamino fecero proprio così, e portavano via con la forza mogli per il loro numero+ dalle donne che danzavano+ in cerchio, le quali rapirono; dopo di che se ne andarono e tornarono alla loro eredità ed edificarono le città+ e presero a dimorarvi. 24  E di là i figli d’Israele si spargevano in quel tempo, ciascuno alla sua propria tribù e alla sua propria famiglia; e di là se ne uscirono, ciascuno alla sua propria eredità.+ 25  In quei giorni non c’era re in Israele.+ Ciascuno era solito fare ciò che era retto ai suoi propri occhi.+

Note in calce

“Congregazione”: gr. ekklesìai.
Lett. “dodicimila uomini dei figli di valore”.
O, “mogli”.
“Noi”, MSy; LXXVg, “voi”.
“Noi . . . diremo”, MLXXSyVg. Forse, “voi . . . direte”.
Forse, “a darle loro, perché voi stessi”, con una lieve correzione del M. Cfr. 13:23, dove l’espressione ebr. “in un tempo in cui” è resa “come ora”.