Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Giudici 13:1-25

13  E i figli d’Israele facevano di nuovo ciò che era male agli occhi di Geova,+ così che Geova li diede in mano ai filistei+ per quarant’anni.  Frattanto c’era un certo uomo di Zora+ della famiglia dei daniti,+ e il suo nome era Manoa.+ E sua moglie era sterile e non aveva partorito nessun figlio.+  A suo tempo l’angelo di Geova apparve alla donna+ e le disse: “Ecco, ora sei sterile e non hai partorito nessun figlio. E certamente rimarrai incinta e partorirai un figlio.+  E ora guardati, ti prego, di non bere vino né bevanda inebriante,+ e non mangiare nulla di impuro.+  Poiché, ecco, sarai incinta,* e certamente partorirai un figlio, e il rasoio non deve venire sulla sua testa,+ perché il piccolo* diverrà nazireo+ di Dio da che lascerà il ventre;+ e sarà lui a prendere la direttiva per salvare Israele dalla mano dei filistei”.+  Quindi la donna andò a dire a suo marito: “Un uomo del [vero] Dio è venuto da me, e il suo aspetto era simile all’aspetto dell’angelo del [vero] Dio,+ molto tremendo.+ E non gli ho chiesto esattamente di dov’era, né mi ha dichiarato il suo nome.+  Ma mi ha detto: ‘Ecco, sarai incinta, e certamente partorirai un figlio.+ E ora non bere vino né bevanda inebriante, e non mangiare alcuna cosa impura, perché il piccolo* diverrà nazireo di Dio da che lascerà il ventre fino al giorno della sua morte’”.+  E Manoa supplicava Geova e diceva: “Scusami, Geova.*+ L’uomo del [vero] Dio che hai appena mandato, ti prego, venga di nuovo da noi e ci insegni+ ciò che dobbiamo fare al piccolo* che nascerà”.+  Pertanto il [vero] Dio ascoltò la voce di Manoa,+ e l’angelo del [vero] Dio andò di nuovo dalla donna mentre essa sedeva nel campo, e Manoa suo marito non era con lei. 10  La donna immediatamente si affrettò e corse a riferirlo a suo marito+ e gli disse: “Ecco, l’uomo che venne da me l’altro giorno mi è apparso”.+ 11  Allora Manoa si levò e accompagnò* sua moglie e andò dall’uomo e gli disse: “Sei tu l’uomo che ha parlato alla donna?”+ al che egli disse: “Sono io”. 12  Quindi Manoa disse: “Ora si avverino le tue parole. Quale sarà il modo di vivere del piccolo* e il suo lavoro?”+ 13  L’angelo di Geova disse dunque a Manoa: “Da ogni cosa che ho menzionato alla donna essa deve astenersi.+ 14  Non deve mangiare nulla di tutto ciò che proviene dalla vite da vino, e non beva vino né bevanda inebriante,+ e non mangi nessuna sorta di cosa impura.+ Osservi ogni cosa che le ho comandato”.+ 15  Manoa disse ora all’angelo di Geova: “Ti prego, lascia che ti tratteniamo e che ti apparecchiamo davanti un capretto”.+ 16  Ma l’angelo di Geova disse a Manoa: “Se mi trattieni, non mi ciberò del tuo pane; ma se vuoi offrire un olocausto a Geova,+ lo puoi offrire”. Poiché Manoa non sapeva che era l’angelo di Geova. 17  Quindi Manoa disse all’angelo di Geova: “Qual è il tuo nome,+ affinché, quando la tua parola si sarà avverata, certamente ti facciamo onore?” 18  Comunque, l’angelo di Geova gli disse: “Perché devi chiedere del mio nome, quando esso è meraviglioso?” 19  E Manoa prendeva il capretto e l’offerta di cereali e lo offriva sulla roccia a Geova.+ Ed Egli faceva qualcosa in modo meraviglioso mentre Manoa e sua moglie guardavano. 20  Avvenne dunque che, come la fiamma ascendeva dall’altare verso il cielo, l’angelo di Geova ascese quindi nella fiamma dell’altare mentre Manoa e sua moglie guardavano.+ Subito caddero con la faccia a terra.+ 21  E l’angelo di Geova non apparve più a Manoa e a sua moglie. Quindi Manoa seppe che era stato l’angelo di Geova.+ 22  Di conseguenza Manoa disse a sua moglie: “Noi positivamente moriremo,+ perché abbiamo visto Dio”.+ 23  Ma sua moglie gli disse: “Se Geova si fosse dilettato solo a farci morire, non avrebbe accettato l’olocausto e l’offerta di cereali dalla nostra mano,+ e non ci avrebbe mostrato tutte queste cose, e non ci avrebbe fatto udire come ora cosa simile a questa”.+ 24  La donna partorì poi un figlio e gli mise nome Sansone;+ e il ragazzo cresceva, e Geova continuò a benedirlo.+ 25  A suo tempo lo spirito di Geova+ cominciò a sospingerlo a Maane-Dan*+ fra Zora+ ed Estaol.+

Note in calce

“Sarai incinta”, LXXA; Vg, “concepirai”; MLXXB, “sei incinta”.
O, “il bambino; il ragazzo”. Ebr. hannàʽar.
Vedi nt. al v. 5, “piccolo”.
Uno dei 134 cambiamenti degli scribi da YHWH in ʼAdhonài (qui scritto ʼAdhohnài). Vedi App. 1B.
Vedi nt. al v. 5, “piccolo”.
O, “e andò dietro a”. Ebr. waiyèlekh . . . ʼacharèh. Quest’ultima parola ebr. è una preposizione. Vedi nt. a Ge 16:13, “colui”; Ge 24:5, 8, 39; Eso 15:20, dove compaiono forme di ʼachàr.
Vedi nt. al v. 5, “piccolo”.
Significa “campo di Dan”.