Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al sommario

Giobbe 25:1-6

25  E Bildad+ il suhita rispondeva e diceva:   “Dominio e terrore sono con lui;+Fa la pace nelle sue altezze.   Si possono numerare le sue truppe?E su chi non si leva la sua luce?   Come può dunque l’uomo mortale* essere nel giusto dinanzi a Dio,*+O come può uno nato di donna essere puro?+   Ecco, c’è anche la luna, e non risplende;E le stelle stesse non sono state pure ai suoi occhi.   Quanto meno l’uomo mortale, che è un baco,+E il figlio dell’uomo,* che è un verme!”

Note in calce

“Uomo mortale”: ebr. ʼenòhsh.
“Dio”: ebr. ʼEl.
O, “uomo terreno”. Ebr. ʼadhàm.