Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Geremia 8:1-22

8  “In quel tempo”, è l’espressione di Geova, “estrarranno inoltre dai loro sepolcri le ossa dei re di Giuda e le ossa dei suoi principi e le ossa dei sacerdoti e le ossa dei profeti e le ossa degli abitanti di Gerusalemme.+  E in effetti le spargeranno al sole e alla luna e a tutto l’esercito dei cieli che essi hanno amato e che hanno servito e dietro a cui hanno camminato+ e che han cercato e davanti a cui si sono inchinati.+ Non saranno raccolte, né saranno sepolte. Diverranno come letame sulla faccia del suolo”.+  “E si sceglierà certamente la morte anziché la vita+ da parte di tutto il rimanente di quelli che rimangono di questa cattiva famiglia in tutti i luoghi dei rimanenti, dove certamente li avrò dispersi”,+ è l’espressione di Geova degli eserciti.  “E devi dire loro: ‘Geova ha detto questo: “Cadranno e non si leveranno di nuovo?+ Se uno tornasse indietro, non tornerebbe indietro anche l’altro?+  Perché mai questo popolo, Gerusalemme, è infedele di un’infedeltà durevole? Hanno afferrato l’inganno;+ han rifiutato di volgersi indietro.+  Ho prestato attenzione,+ e ascoltavo.+ Non era giusto come parlavano. Non c’era un uomo che si pentisse della sua malizia,+ dicendo: ‘Che ho fatto?’ Ciascuno torna alla condotta popolare,+ come il cavallo che si lancia nella battaglia.  Anche la cicogna nei cieli conosce bene i suoi tempi fissati;+ e la tortora+ e il rondone e il bulbul osservano bene il tempo della venuta di ciascuno. Ma in quanto al mio popolo, non ha conosciuto il giudizio di Geova”’.+  “‘Come potete dire: “Siamo saggi, e la legge di Geova è con noi”?+ Di sicuro, ora, il falso stilo+ dei segretari ha operato nell’assoluta falsità.  I saggi si sono vergognati.+ Si sono atterriti e saranno presi. Ecco, hanno rigettato la medesima parola di Geova, e quale sapienza hanno?+ 10  Perciò darò le loro mogli ad altri uomini, i loro campi a quelli che prendono possesso;+ poiché, dal più piccolo fino al più grande, ciascuno fa guadagno ingiusto;+ dal profeta fino al sacerdote, ciascuno agisce falsamente.+ 11  E cercano di sanare la frattura della figlia del mio popolo con leggerezza,*+ dicendo: “C’è pace! C’è pace!”* quando non c’è nessuna pace.+ 12  Provarono essi vergogna perché avevano fatto perfino ciò che era detestabile?+ Per prima cosa, non potevano positivamente provare vergogna; e poi, non sapevano nemmeno come sentirsi umiliati.+ “‘Perciò cadranno fra quelli che cadono. Nel tempo in cui si presterà loro attenzione,+ inciamperanno’, ha detto Geova.+ 13  “‘Quando farò la raccolta, porrò loro fine’,* è l’espressione di Geova.+ ‘Non ci sarà uva sulla vite,+ e non ci saranno fichi sul fico, e il fogliame stesso certamente appassirà. E le cose che darò loro passeranno accanto a loro’”. 14  “Perché ce ne stiamo a sedere? Raccoglietevi, ed entriamo nelle città fortificate+ e là stiamo in silenzio. Poiché Geova nostro Dio* ci ha lui stesso ridotti al silenzio,*+ e ci dà da bere acqua avvelenata,+ perché abbiamo peccato contro Geova. 15  C’era speranza di pace, ma non [venne] nessun bene;+ di un tempo di guarigione, ma, ecco, il terrore!+ 16  Da Dan+ si è udito lo sbuffare dei suoi cavalli. A causa del suono del nitrito dei suoi stalloni l’intero paese ha cominciato a tremare.+ E vengono e divorano il paese* e ciò che lo riempie, la città e i suoi abitanti”. 17  “Poiché, ecco, mando fra voi i serpenti, serpi velenose,+ per cui non c’è incantesimo,+ e certamente vi morderanno”, è l’espressione di Geova. 18  Una mestizia che è senza rimedio è sorta in me.+ Il mio cuore è malato. 19  Ecco, c’è il suono dell’invocazione di soccorso della figlia del mio popolo da un paese lontano:+ “Non è Geova in Sion?+ O non è in essa il suo re?”+ “Perché mi hanno offeso con le loro immagini scolpite, con i loro vani dèi stranieri?”+ 20  “La mietitura è passata, l’estate è giunta alla fine; ma in quanto a noi, non siamo stati salvati!”+ 21  Per la frattura+ della figlia del mio popolo son divenuto affranto.+ Mi sono rattristato. Mi ha preso assoluto stupore.+ 22  Non c’è balsamo in Galaad?+ O non vi è guaritore?+ Perché, quindi, non si è rimessa+ la figlia del mio popolo?+

Note in calce

O, “superficialmente”.
Vedi nt. a 6:14, “pace”.
“[Quando] immancabilmente li raccoglierò [o, li raccoglierei]”, con un cambiamento nel M.
“Nostro Dio”: ebr. ʼElohèhnu.
O, “ridotti all’inattività”, cioè fatti perire.
O, “terra”. Ebr. ʼèrets.