Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Geremia 6:1-30

6  Mettetevi al riparo, o figli di Beniamino, di mezzo a Gerusalemme; e suonate il corno*+ in Tecoa.+ E su Bet-Accherem+ alzate un segnale di fuoco; perché la calamità stessa ha guardato dal nord, sì, un gran crollo.+  La figlia di Sion ha somigliato realmente a una donna bella e raffinata.+  A lei venivano i pastori e i loro branchi. Contro di lei piantarono le [loro] tende tutt’intorno.+ Pascolarono ciascuno nella sua propria parte.+  Contro di lei hanno santificato la guerra:+ “Levatevi, e saliamo a mezzogiorno!”+ “Guai a noi, poiché il giorno è declinato, poiché le ombre della sera continuano ad allungarsi!”  “Levatevi, e saliamo durante la notte e riduciamo in rovina le sue torri di dimora”.+  Poiché Geova degli eserciti ha detto questo: “Tagliate legna*+ ed elevate contro Gerusalemme un bastione d’assedio.+ È la città con la quale si devono fare i conti.+ In mezzo ad essa non c’è che oppressione.+  Come una cisterna tiene fresche le sue acque, così essa ha tenuto fresca la sua malizia. Violenza e spoliazione si odono in lei;+ infermità e piaga sono di continuo dinanzi alla mia faccia.  Correggiti,+ o Gerusalemme, affinché la mia anima non si volga disgustata da te;+ affinché non ti ponga come una distesa desolata, un paese disabitato”.+  Geova degli eserciti ha detto questo: “Immancabilmente racimoleranno il rimanente d’Israele proprio come una vite.+ Rimetti la mano come un vendemmiatore sui viticci”. 10  “A chi parlerò e darò avvertimento, perché odano? Ecco, il loro orecchio è incirconciso, così che non possono prestare attenzione.+ Ecco, un biasimo è divenuta per loro la medesima parola di Geova,+ nella quale* non possono provare diletto.+ 11  E son divenuto pieno del furore di Geova. Mi sono stancato di contenere”.+ “Versa[lo] sul fanciullo nella via+ e sull’intimo gruppo dei giovani nello stesso tempo; poiché anch’essi saranno presi, l’uomo* insieme a sua moglie,* il vecchio insieme a chi è pieno di giorni.+ 12  E le loro case certamente passeranno in possesso ad altri, i campi e le mogli nello stesso tempo.+ Poiché stenderò la mia mano contro gli abitanti del paese”, è l’espressione di Geova.+ 13  “Poiché dal più piccolo d’essi fino al più grande d’essi, tutti fanno per sé guadagno ingiusto;+ e dal profeta fino al sacerdote, ciascuno agisce falsamente.+ 14  E cercano di sanare la frattura del mio popolo con leggerezza,*+ dicendo: ‘C’è pace! C’è pace!’* quando non c’è nessuna pace.+ 15  Provarono essi vergogna perché avevano fatto qualcosa di detestabile?+ Per prima cosa, non provano positivamente nessuna vergogna; e poi, non hanno saputo nemmeno come sentirsi umiliati.+ Perciò cadranno fra quelli che cadono;+ nel tempo in cui dovrò fare i conti con loro inciamperanno”, ha detto Geova. 16  Geova ha detto questo: “State fermi nelle vie, e vedete, e chiedete dei sentieri di molto tempo fa, dov’è, ora, la buona via;+ e camminate in essa,+ e trovate riposo per le anime vostre”.+ Ma essi dicevano: “Non cammineremo”.+ 17  “E suscitai su di voi* sentinelle:+ ‘Prestate attenzione al suono del corno!’”+ Ma essi dicevano: “Non presteremo attenzione”.+ 18  “Perciò udite, o nazioni! E sappi, o assemblea, ciò che sarà fra loro. 19  Ascolta, o terra! Ecco, farò venire la calamità su questo popolo+ come frutto dei loro pensieri,+ poiché non prestarono attenzione alle mie proprie parole; e la mia legge, anch’essa rigettavano”.+ 20  “Che m’importa che tu faccia venire perfino olibano da Saba+ e la buona canna* dal paese lontano? I vostri olocausti non servono a nessun piacere,+ e i vostri medesimi sacrifici non mi sono stati graditi”.+ 21  Perciò Geova ha detto questo: “Ecco, metto per questo popolo pietre d’inciampo,+ e certamente inciamperanno in esse, padri e figli insieme; il vicino e il suo compagno periranno”.+ 22  Geova ha detto questo: “Ecco, un popolo viene dal paese del nord, e una grande nazione si desterà dalle più remote parti della terra.+ 23  Afferreranno l’arco e il giavellotto.+ È un [popolo] crudele, e non avranno pietà. La loro medesima voce risuonerà proprio come il mare,+ e cavalcheranno su cavalli.+ È schierato in ordine di battaglia come un uomo di guerra contro di te, o figlia di Sion”.+ 24  Ne* abbiamo udito la notizia. Ci son cascate le mani.+ La stessa angustia si è impossessata di noi, doglie come quelle di una donna che partorisce.+ 25  Non uscire* nel campo, e non camminare nemmeno nella via; poiché c’è la spada che appartiene al nemico, c’è spavento tutt’intorno.+ 26  O figlia del mio popolo, cingiti di sacco+ e voltolati nella cenere.+ Fa lutto come per un [figlio] unico, lamento di amarezza;+ perché all’improvviso verrà su di noi lo spogliatore.+ 27  “Ho fatto di te* un saggiatore di metalli fra il popolo, uno che fa una completa ricerca;* e noterai e dovrai esaminare* la loro via.+ 28  Sono tutti uomini dei più ostinati,*+ che vanno in giro come calunniatori,+ rame e ferro. Son tutti rovinosi.+ 29  Il mantice+ è stato arso.* Dal suo fuoco esce il piombo.+ Si è continuato a raffinare intensamente solo per nulla, e quelli che sono cattivi non sono stati separati.+ 30  Certo li chiameranno argento rigettato,+ poiché Geova li ha rigettati”.+

Note in calce

O, “shofar”.
“Legna”, MT; LXXSyVg, “i suoi alberi”.
“Quale”, riferito alla “medesima parola”, entrambi masch. in ebr.
O, “marito”. Ebr. ʼish.
O, “donna”. Ebr. ʼishshàh.
O, “superficialmente”.
O, “dicendo: ‘Perfetta pace!’” Lett. “dicendo: ‘Pace! Pace!’” Vedi nt. a Isa 26:3, “pace”.
“Voi”, MTLXXSyVg; due mss. ebr., “loro”.
O, “la canna aromatica”.
Riferito al “popolo” o “nazione” dei vv. precedenti.
“Non uscire”, femm., rivolto alla “figlia” di Sion del v. 23.
“Te”, masch.
“Uno che fa una completa ricerca” (come quando si vendemmia), con un cambiamento nella puntazione vocalica; M, “come un luogo fortificato”.
O, “saggiare”.
“Uomini dei più ostinati”: lett. “gli accigliati degli ostinati”.
“È stato arso”, secondo una derivazione del verbo ebr.; secondo un’altra derivazione, “ha sbuffato”.