Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Geremia 50:1-46

50  La parola che Geova pronunciò riguardo a Babilonia,*+ riguardo al paese dei caldei,+ per mezzo di Geremia il profeta:  “Annunciate[lo] fra le nazioni e proclamate[lo].+ E alzate un segnale;*+ proclamate[lo]. Non occultate nulla. Dite: ‘Babilonia è stata catturata.+ Bel* è stato svergognato.+ Merodac si è atterrito. Le sue immagini sono state svergognate.+ I suoi idoli di letame si sono atterriti’.  Poiché contro di lei è salita una nazione dal nord.+ È quella che fa del suo paese un oggetto di stupore, così che non c’è nessuno che vi dimori.+ Sia uomo* che animale domestico sono fuggiti.+ Se ne sono andati”.+  “In quei giorni e in quel tempo”,+ è l’espressione di Geova, “i figli d’Israele, essi e i figli di Giuda, verranno insieme.+ Cammineranno, piangendo mentre cammineranno,+ e cercheranno Geova loro Dio.+  Continueranno a chiedere la via per Sion, con le facce in quella direzione,+ [dicendo:] ‘Venite e uniamoci a Geova in un patto di durata indefinita che non sia dimenticato’.+  Il mio popolo è divenuto un gregge di creature che periscono.+ I loro propri pastori li han fatti errare.+ Li hanno sviati sui monti.+ Sono andati da monte a colle. Hanno dimenticato il loro luogo di riposo.+  Tutti quelli che li han trovati li hanno divorati,+ e i loro propri avversari hanno detto:+ ‘Non diverremo colpevoli,+ per il fatto che hanno peccato contro Geova luogo di dimora della giustizia+ e speranza dei loro antenati,+ Geova’”.  “Fuggite di mezzo a Babilonia, e uscite pure dal paese dei caldei,+ e divenite come gli animali che conducono* davanti al gregge.+  Poiché, ecco, io desto e faccio salire contro Babilonia una congregazione di grandi nazioni dal paese del nord,+ e certamente si schiereranno contro di lei.+ Di là sarà catturata.+ Le frecce di uno sono simili a quelle di un uomo potente che causa privazione di figli, il quale non torna senza risultati.+ 10  E la Caldea* deve divenire spoglie.+ Tutti quelli che faranno spoglie di lei si sazieranno”,+ è l’espressione di Geova. 11  “Poiché voi continuaste a rallegrarvi,+ poiché continuaste a esultare quando saccheggiavate la mia propria eredità.+ Poiché scalpitavate come una giovenca sull’erba tenera,+ e nitrivate come stalloni.+ 12  Vostra madre ha provato molta vergogna.+ Colei che vi partorì è stata delusa.+ Ecco, è la meno importante delle nazioni, un deserto arido e una pianura desertica.+ 13  A causa dell’indignazione di Geova non sarà abitata,+ e deve divenire nella sua interezza una distesa desolata.+ In quanto a chiunque passi accanto a Babilonia, rimarrà stupito e fischierà a motivo di tutte le sue piaghe.+ 14  “Schieratevi contro Babilonia da ogni parte,+ voi tutti che calcate l’arco.+ Tirate su di lei.+ Non risparmiate freccia, poiché ha peccato contro Geova.+ 15  Alzate da ogni parte un grido di guerra contro di lei.+ Essa ha dato la sua mano.+ Le sue colonne son cadute. Le sue mura sono state demolite.+ Poiché è la vendetta di Geova.+ Vendicatevi su di lei. Fatele proprio come essa ha fatto.+ 16  Stroncate da Babilonia il seminatore,+ e chi maneggia la falce nel tempo della mietitura. A causa della spada devastatrice si rivolgeranno ciascuno al suo proprio popolo, e fuggiranno ciascuno al suo proprio paese.+ 17  “Israele è una pecora dispersa.+ I leoni stessi hanno fatto la dispersione.+ Dapprima l’ha divorato il re d’Assiria,+ e in quest’ultimo caso Nabucodorosor re di Babilonia ne ha roso le ossa.+ 18  Perciò Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, ha detto questo: ‘Ecco, rivolgo la mia attenzione al re di Babilonia e al suo paese nello stesso modo in cui rivolsi la mia attenzione al re d’Assiria.+ 19  E di sicuro ricondurrò Israele al suo pascolo,+ e certamente pascerà sul Carmelo+ e su Basan;+ e la sua anima si sazierà nella regione montagnosa di Efraim+ e di Galaad’”.+ 20  “E in quei giorni e in quel tempo”,+ è l’espressione di Geova, “si cercherà l’errore d’Israele,+ ma non sarà; e i peccati di Giuda,+ e non si troveranno, poiché perdonerò quelli che avrò lasciato rimanere”.+ 21  “Contro il paese di Merataim:* sali contro di lei+ e contro gli abitanti di Pecod.+ Ci sia un massacro e un votarli alla distruzione subito dietro a loro”, è l’espressione di Geova, “e fa secondo tutto ciò che ti ho comandato.+ 22  C’è suono di guerra nel paese, e un grande abbattimento.+ 23  Oh come il maglio+ di tutta la terra è stato tagliato e si rompe!+ Oh come Babilonia è divenuta un semplice oggetto di stupore fra le nazioni!+ 24  Ti ho teso un laccio e sei stata anche presa, o Babilonia, e tu stessa non [lo] sapevi.+ Fosti trovata e anche afferrata, poiché ti eri eccitata contro Geova.+ 25  “E Geova ha aperto il suo deposito, e reca le armi della sua denuncia.+ Poiché c’è un’opera che il Sovrano+ Signore, Geova degli eserciti, ha nel paese dei caldei.+ 26  Venite a lei dalla parte più lontana.+ Aprite i suoi granai.+ Elevatela, proprio come quelli che fanno mucchi,+ e votatela alla distruzione.+ Non abbia nessun rimanente.+ 27  Massacrate tutti i suoi giovani tori.+ Scendano allo scannatoio.+ Guai a loro, poiché è venuto il loro giorno, il tempo di prestare loro attenzione!+ 28  “C’è il suono di quelli che fuggono e di quelli che scampano dal paese di Babilonia+ per annunciare in Sion la vendetta di Geova nostro Dio,+ la vendetta per il suo tempio.+ 29  “Convocate contro Babilonia gli arcieri, tutti quelli che calcano l’arco.+ Accampatevi contro di lei tutt’intorno. Non ci siano scampati.+ Ripagatele secondo la sua attività.+ Fatele secondo tutto ciò che essa ha fatto.+ Poiché ha agito presuntuosamente contro Geova, contro il Santo d’Israele.+ 30  Perciò i suoi giovani cadranno nelle sue pubbliche piazze,+ e perfino tutti i suoi uomini di guerra saranno in quel giorno ridotti al silenzio”,+ è l’espressione di Geova. 31  “Ecco, io sono contro di te,+ o Presunzione”,+ è l’espressione del Sovrano+ Signore, Geova degli eserciti, “poiché deve venire il tuo giorno, il tempo in cui ti dovrò prestare attenzione. 32  E la Presunzione certamente inciamperà e cadrà,+ e non avrà nessuno che la farà levare.+ E certamente accenderò un fuoco nelle sue città, e dovrà divorare tutti i suoi dintorni”.+ 33  Geova degli eserciti ha detto questo: “I figli d’Israele e i figli di Giuda sono oppressi insieme, e tutti quelli che li prendono prigionieri li hanno afferrati.+ Si sono rifiutati di lasciarli andare.+ 34  Il loro Ricompratore* è forte,+ Geova degli eserciti è il suo nome.+ Immancabilmente egli dirigerà la loro causa,+ per dare in effetti riposo al paese*+ e per far agitare gli abitanti di Babilonia”.+ 35  “C’è una spada contro i caldei”,+ è l’espressione di Geova, “e contro gli abitanti di Babilonia+ e contro i suoi principi+ e contro i suoi saggi.+ 36  C’è una spada contro quelli che fanno discorsi vuoti,+ e certamente agiranno con stoltezza.+ C’è una spada contro i suoi uomini potenti,+ e saranno davvero atterriti.+ 37  C’è una spada contro i loro cavalli+ e contro i loro carri da guerra e contro tutta la compagnia mista che è in mezzo ad essa,+ e certamente diverranno donne.+ C’è una spada contro i suoi tesori,+ e saranno realmente predati. 38  C’è una devastazione sulle sue acque, e si devono prosciugare.+ Poiché è un paese di immagini scolpite,+ e a causa delle [loro] spaventose visioni continuano ad agire follemente. 39  Perciò i frequentatori delle regioni aride* dimoreranno con gli animali che ululano, e in essa dovranno dimorare gli struzzi;*+ e non vi si dimorerà mai più, né essa risiederà di generazione in generazione”.+ 40  “Proprio come col rovesciamento operato da Dio a Sodoma e Gomorra+ e nelle sue [città] vicine”,+ è l’espressione di Geova, “nessun uomo* vi dimorerà, né il figlio del genere umano* vi risiederà come forestiero.+ 41  “Ecco, viene un popolo dal nord; e una grande nazione+ e grandi re+ stessi saranno destati dalle parti più remote della terra.+ 42  Maneggiano arco e giavellotto.+ Sono crudeli e non mostreranno misericordia.+ Il loro suono è come il mare che è tumultuoso,+ e cavalcheranno su cavalli;+ [saranno] schierati come un sol uomo per la guerra contro di te, o figlia di Babilonia.+ 43  “Il re di Babilonia ne ha udito la notizia,+ e gli son cascate le mani.+ C’è angustia! Lo hanno preso penosi dolori, proprio come una donna che partorisce.+ 44  “Ecco, qualcuno salirà proprio come un leone dai superbi [boschetti] lungo il Giordano al luogo di dimora durevole,+ ma in un momento li farò fuggire via da lei.+ E costituirò su di lei colui che è scelto.+ Poiché chi è simile a me,+ e chi mi sfiderà,+ e chi, ora, è il pastore che mi può stare dinanzi?+ 45  Perciò, udite il consiglio+ di Geova che egli ha formulato contro Babilonia+ e i suoi pensieri che ha escogitato contro il paese dei caldei.+ Sicuramente i piccoli del gregge saranno trascinati.+ Sicuramente a causa d’essi egli farà divenire desolato il loro luogo di dimora.+ 46  Al suono [di quando] Babilonia sarà stata presa, certamente si farà scrollare la terra,+ e un grido stesso si udrà fra le nazioni”.+

Note in calce

“Babilonia”, LXXVg; MTSy, “Babele”.
“Segnale”: ebr. nes.
“Belus”, LXX.
“Sia uomo”: ebr. meʼadhàm.
“Gli animali che conducono”: o, “montoni e capri”. Vg, “capretti”.
“La Caldea”, LXXVg; TSy, “il paese dei caldei”; M, “i caldei”, ma col verbo al femm. sing.
Significa “doppia ribellione”; o, “doppia amarezza”.
“Il loro Ricompratore (Redentore)”: per estensione, “Il loro Vindice (Vendicatore)”. Ebr. goʼalàm; lat. redemptor eorum. Vedi ntt. a Gb 19:25 e Sl 19:14.
‘Il paese’: o, “la terra”: ebr. haʼàrets.
“I dragoni”, lat., dracones.
“Struzzi”: ebr. benòhth yaʽanàh. Cfr. nt. a Le 11:16, “struzzo”.
“Uomo”: ebr. ʼish.
O, “il figlio degli uomini”. Ebr. ben-ʼadhàm.