Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE (EDIZIONE 1987) Vedi la revisione del 2017

Geremia 48:1-47

48  Per Moab+ questo è ciò che ha detto+ Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele: “Guai a Nebo,+ poiché è stata spogliata! Chiriataim+ è stata svergognata, è stata catturata. La sicura altezza è stata svergognata ed è stata colpita da terrore.+  Non c’è più alcuna lode di Moab.+ A Esbon+ si è escogitata contro di lei la calamità: ‘Venite, e recidiamola perché non sia più una nazione’.+ “Anche tu, o Madmen, devi tacere. Dietro di te cammina una spada.  C’è il suono di un grido da Oronaim,+ spoliazione e grande abbattimento.+  Moab è stata infranta. I suoi piccoli hanno fatto udire un grido.  Poiché per l’ascesa di Luhit+ si sale piangendo, c’è un pianto. Poiché per la discesa di Oronaim c’è un grido angustioso per la disfatta+ che il popolo ha udito.  “Datevi alla fuga; provvedete scampo alle vostre anime,*+ e dovreste divenire come un ginepro* nel deserto.+  Poiché tu* hai fiducia nelle tue opere e nei tuoi tesori, tu stessa sarai anche catturata.+ E Chemos+ certamente andrà in esilio,+ i suoi sacerdoti e i suoi principi nello stesso tempo.+  E lo spogliatore verrà su ogni città,+ e non ci sarà città che si possa procurare scampo.+ E il bassopiano certamente perirà e la pianura sarà annientata, cosa che Geova ha detto.  “Date un’indicazione stradale a Moab, poiché uscirà al cadere in rovina;+ e le sue medesime città diverranno un semplice oggetto di stupore, senza alcuno che le abiti.+ 10  “Maledetto sia colui che esegue la missione di Geova con pigrizia;+ e maledetto sia colui che trattiene la sua spada dal sangue! 11  “I moabiti* sono stati a loro agio fin dalla loro* giovinezza,+ e si mantengono* indisturbati sulle loro fecce.+ E non sono stati vuotati da un vaso ad altro vaso, e non sono andati in esilio. Perciò il loro sapore è restato in loro,* e il loro medesimo odore non è cambiato. 12  “‘Perciò, ecco, vengono i giorni’, è l’espressione di Geova, ‘e certamente manderò loro travasatori, e di sicuro li travaseranno;+ e vuoteranno i loro vasi, e frantumeranno le loro* grosse giare. 13  E i moabiti dovranno vergognarsi di Chemos,+ proprio come quelli della casa d’Israele si son vergognati di Betel loro fiducia.+ 14  Come osate dire: “Noi siamo uomini potenti+ e uomini di vitale energia per la guerra”?’ 15  “‘Moab è stata spogliata, e uno è salito contro le sue proprie città.+ E i loro stessi giovani più scelti sono scesi allo scannatoio’,+ è l’espressione del Re, il cui nome è Geova degli eserciti.+ 16  “Il disastro è prossimo a venire sui moabiti, e la loro medesima calamità realmente si affretta assai.+ 17  Tutti quelli intorno a loro dovranno dolersi con loro, anche tutti quelli che conoscono il loro nome.+ Dite: ‘Oh come si è rotta la verga della forza, il bastone della bellezza!’+ 18  “Scendi dalla gloria, e siedi nella sete, o abitatrice della figlia+ di Dibon;+ poiché lo spogliatore di Moab è salito contro di te. Realmente ridurrà in rovina i tuoi luoghi fortificati.+ 19  “Sta ferma e guarda la via stessa, o abitatrice di Aroer.+ Chiedi a colui che fugge e a colei che scampa. Di’: ‘Che cos’è accaduto?’+ 20  Moab è stata svergognata, poiché è stata colpita da terrore.+ Urlate e gridate. Annunciate in Arnon+ che Moab è stata spogliata. 21  E lo stesso giudizio è giunto al paese della pianura,+ a Olon e a Iaaz*+ e contro Mefaat,+ 22  e contro Dibon+ e contro Nebo+ e contro Bet-Diblataim, 23  e contro Chiriataim+ e contro Bet-Gamul e contro Bet-Meon+ 24  e contro Cheriot+ e contro Bozra+ e contro tutte le città del paese di Moab, lontane e vicine. 25  “‘Il corno di Moab è stato tagliato,+ e il suo proprio braccio è stato rotto’,+ è l’espressione di Geova. 26  ‘Inebriatelo,+ poiché s’è dato grandi arie contro Geova stesso;+ e Moab si è dibattuto nel suo vomito,+ ed è divenuto oggetto di scherno anche lui stesso. 27  “‘E non ti* è divenuto Israele un semplice oggetto di scherno?+ O fu trovato* fra veri ladri?+ Poiché ti scuotevi proprio ogni volta che parlavi contro di lui. 28  “‘Lasciate le città e risiedete sulla rupe,+ o abitanti di Moab, e divenite come la colomba che si fa il nido nelle regioni della bocca della cavità’”.+ 29  “Abbiamo udito dell’orgoglio di Moab+ — egli è molto superbo — della sua altezza e del suo orgoglio e della sua superbia e dell’alterigia del suo cuore”.+ 30  “‘Io stesso ho conosciuto il suo furore’, è l’espressione di Geova, ‘e non sarà così; il suo discorso vuoto:+ realmente non faranno proprio in tal modo.+ 31  Perciò urlerò su Moab, e griderò per Moab nella sua interezza.+ Si gemerà per gli uomini di Chir-Eres.+ 32  “‘Con un [pianto] maggiore del pianto per Iazer+ piangerò per te, o vite di Sibma.+ I tuoi propri germogli lussureggianti hanno attraversato il mare. Sono giunti fino al mare, [fino a] Iazer.+ Sui tuoi frutti estivi+ e sulla tua vendemmia è piombato lo spogliatore stesso.+ 33  E allegrezza e gioia sono state tolte dal frutteto e dal paese di Moab.+ E dagli strettoi ho fatto cessare il vino stesso.+ Nessuno pigerà con grida. Le grida non saranno grida’”.+ 34  “‘Dal grido di Esbon+ fino a Eleale,+ fino a Iaaz+ hanno emesso la loro voce,+ da Zoar+ fino a Oronaim,+ a Eglat-Selisia;+ poiché anche le acque di Nimrim+ stesse diverranno semplici desolazioni. 35  E certamente farò cessare da Moab’, è l’espressione di Geova, ‘chi porta un’offerta sull’alto luogo e chi fa fumo di sacrificio al suo dio.*+ 36  Perciò il mio proprio cuore sarà tumultuoso per Moab stesso, proprio come i flauti;+ e il mio medesimo cuore sarà tumultuoso per gli uomini di Chir-Eres,+ proprio come i flauti. Perciò la medesima abbondanza che egli ha prodotto certamente perirà.+ 37  Poiché su ogni testa c’è calvizie,+ e ogni barba è tagliata.+ Su tutte le mani ci sono incisioni,+ e sui fianchi c’è il sacco!’”+ 38  “‘Su tutti i tetti di Moab e nelle sue pubbliche piazze — tutto quanto — c’è lamento;+ poiché ho infranto Moab proprio come un vaso in cui non c’è diletto’,+ è l’espressione di Geova. 39  ‘Oh come si è atterrita!* Urlate! Oh come Moab ha voltato le spalle! Ha provato vergogna.+ E Moab è divenuto oggetto di scherno e qualcosa che incute terrore a tutti quelli che gli sono all’intorno’”. 40  “Poiché Geova ha detto questo: ‘Ecco, proprio come l’aquila che piomba giù,+ qualcuno deve anche stendere le sue ali su Moab.+ 41  Le città realmente saranno catturate, e i suoi propri luoghi forti certamente saranno presi. E il cuore degli uomini potenti di Moab deve divenire in quel giorno come il cuore di una moglie che ha angustia nel parto’”.+ 42  “‘E Moab certamente sarà annientato dall’essere un popolo,+ poiché ha assunto grandi arie contro Geova.+ 43  Terrore e cavità e trappola sono su di te, o abitante di Moab’,+ è l’espressione di Geova. 44  ‘Chiunque fugga a causa del terrore cadrà nella cavità; e chiunque salga dalla cavità sarà preso nella trappola’.+ “‘Poiché farò venire su di lei, su Moab, l’anno in cui si presterà loro attenzione’,+ è l’espressione di Geova. 45  ‘All’ombra di Esbon quelli che fuggivano si sono fermati senza potenza. Poiché un fuoco medesimo certamente uscirà da Esbon,+ e una fiamma di mezzo a Sihon;+ e divorerà le tempie di Moab e la sommità del capo dei figli del clamore’.+ 46  “‘Guai a te,* o Moab!+ Il popolo di Chemos+ è perito. Poiché i tuoi figli sono stati fatti prigionieri e le tue figlie prigioniere. 47  E certamente radunerò i prigionieri di Moab nella parte finale dei giorni’,+ è l’espressione di Geova. ‘Fin qui è il giudizio su Moab’”.+

Note in calce

Lett. “vostra anima”, sing. ma in senso collettivo. Ebr. nafshekhèm; gr. psychàs; lat. animas.
“Un ginepro”: il significato della parola ebr. è incerto; con una correzione in armonia con i LXX, “un asino selvatico”.
“Tu”, femm., riferito a Moab.
Lett. “Moab”.
Lett. “sua”, masch. in ebr.
Lett. “egli si mantiene”.
Lett. “lui”. “Moab” è femm. nei vv. 1-9.
“Loro”, masch., riferito agli uomini di Moab.
Ebr. Yàhtsah.
“Ti”, masch.
“Fu trovato”, Mmargine; M, “fu trovata”.
O, “ai suoi dèi”. Ebr. leʼlohàv; lat. diis.
O, “come è stata frantumata!”
“Te”, masch.