Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Geremia 43:1-13

43  Ora avvenne che appena Geremia ebbe finito di pronunciare a tutto il popolo tutte le parole di Geova loro Dio con le quali Geova loro Dio lo aveva mandato loro, sì, tutte queste parole,+  Azaria figlio di Osaia+ e Ioanan+ figlio di Carea e tutti gli uomini presuntuosi+ dicevano a Geremia: “È una falsità quella che pronunci.+ Geova nostro Dio non ti ha mandato, dicendo: ‘Non entrate in Egitto per risiedervi come forestieri’.+  Ma Baruc+ figlio di Neria ti istiga contro di noi allo scopo di darci in mano ai caldei, per metterci a morte o per portarci in esilio a Babilonia”.+  E Ioanan figlio di Carea e tutti i capi delle forze militari e tutto il popolo non ubbidirono alla voce di Geova,+ di continuare a dimorare nel paese di Giuda.+  Ioanan figlio di Carea e tutti i capi delle forze militari presero dunque tutto il rimanente di Giuda che era tornato da tutte le nazioni nelle quali era stato disperso, per risiedere temporaneamente nel paese di Giuda,+  anche gli uomini robusti e le mogli e i fanciulletti e le figlie del re+ e ogni anima* che Nebuzaradan+ capo della guardia del corpo aveva lasciato stare con Ghedalia+ figlio di Aicam+ figlio di Safan,+ e Geremia il profeta e Baruc+ figlio di Neria.  E infine entrarono nel paese d’Egitto,+ poiché non ubbidirono alla voce di Geova; e gradualmente giunsero fino a Tafnes.+  La parola di Geova fu quindi rivolta a Geremia a Tafnes, dicendo:  “Prendi in mano grandi pietre, e le devi nascondere nella malta nella terrazza di mattoni che è all’ingresso della casa di Faraone a Tafnes davanti agli occhi degli uomini giudei.+ 10  E devi dir loro: ‘Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, ha detto questo: “Ecco, mando e certamente prenderò Nabucodorosor re di Babilonia,+ mio servitore,+ e porrò il suo trono proprio sopra queste pietre che ho nascosto, ed egli certamente stenderà su di esse la sua tenda regale.* 11  E deve venire e colpire il paese d’Egitto.+ Chiunque è per la piaga mortale sarà per la piaga mortale, e chiunque è per la cattività sarà per la cattività, e chiunque è per la spada sarà per la spada.+ 12  E certamente accenderò un fuoco nelle case degli dèi d’Egitto;+ ed egli certamente li brucerà e li condurrà prigionieri e si avvolgerà nel paese d’Egitto, proprio come un pastore si avvolge nella sua veste,+ e in effetti ne uscirà in pace. 13  E certamente spezzerà le colonne di Bet-Semes,* che è nel paese d’Egitto; e brucerà col fuoco le case degli dèi d’Egitto”’”.

Note in calce

Vedi App. 4A.
O, “il suo baldacchino”; o, “il suo tappeto”.
Lett. “casa del sole”. Ebr. Behth Shèmesh; lat. domus solis; gr. Helìou pòleos, “città del sole”.