Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Geremia 29:1-32

29  E queste sono le parole della lettera che Geremia il profeta mandò da Gerusalemme al rimanente degli anziani degli esiliati e ai sacerdoti e ai profeti e a tutto il popolo, che Nabucodonosor aveva portato in esilio da Gerusalemme a Babilonia,+  dopo che Ieconia+ il re e la signora+ e i funzionari di corte, i principi di Giuda e di Gerusalemme,+ e gli artefici e i costruttori di baluardi+ erano usciti da Gerusalemme.  Fu per mano di Elasa figlio di Safan+ e di Ghemaria figlio di Ilchia, che Sedechia+ re di Giuda mandò a Babilonia da Nabucodonosor re di Babilonia, dicendo:  “Questo è ciò che ha detto Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, a tutti gli esiliati, che ho fatto andare in esilio+ da Gerusalemme a Babilonia:  ‘Edificate case e abitate[le], e piantate giardini e mangiatene il frutto.+  Prendete mogli e generate figli e figlie;+ e prendete mogli per i vostri propri figli e date le vostre proprie figlie a marito, affinché partoriscano figli e figlie; e lì moltiplicatevi, e non divenite pochi.  Cercate anche la pace della città alla quale vi ho fatto andare in esilio, e pregate Geova in suo favore, poiché nella sua pace ci sarà pace per voi stessi.+  Poiché Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, ha detto questo: “Non v’ingannino i vostri profeti che sono fra voi e i vostri praticanti di divinazione,+ e non ascoltate i loro* sogni che essi sognano.*+  Poiché ‘vi profetizzano in nome mio nella falsità. Io non li ho mandati’,+ è l’espressione di Geova”’”. 10  “Poiché Geova ha detto questo: ‘Secondo il compimento di settant’anni a Babilonia vi rivolgerò la mia attenzione,+ e certamente realizzerò verso di voi la mia buona parola riconducendovi in questo luogo’.+ 11  “‘Poiché io stesso conosco bene i pensieri che penso verso di voi’,+ è l’espressione di Geova, ‘pensieri di pace, e non di calamità,+ per darvi un futuro e una speranza.+ 12  E voi certamente mi invocherete e verrete e mi pregherete, e io certamente vi ascolterò’.+ 13  “‘E voi in effetti mi cercherete e [mi] troverete,+ poiché mi ricercherete con tutto il cuore.+ 14  E io stesso certamente mi lascerò trovare da voi’,+ è l’espressione di Geova. ‘E certamente radunerò il vostro gruppo di prigionieri e vi radunerò da tutte le nazioni e da tutti i luoghi ai quali vi avrò dispersi’,+ è l’espressione di Geova. ‘E di sicuro vi ricondurrò al luogo dal quale vi feci andare in esilio’.+ 15  “Ma voi avete detto: ‘Geova ci ha suscitato profeti in Babilonia’. 16  “Poiché questo è ciò che ha detto Geova al re che siede sul trono di Davide+ e a tutto il popolo che dimora in questa città, i vostri fratelli che non sono usciti con voi in esilio:+ 17  ‘Geova degli eserciti ha detto questo: “Ecco, mando contro di loro la spada,+ la carestia+ e la pestilenza,+ e certamente li renderò come i fichi scoppiati che non si possono mangiare per [quanto sono] cattivi”’.+ 18  “‘E certamente li inseguirò con la spada, con la carestia e con la pestilenza, e li darò per il tremito a tutti i regni della terra,+ per la maledizione e per oggetto di stupore e per il fischio e per il biasimo fra tutte le nazioni alle quali certamente li disperderò,+ 19  per il fatto che non hanno ascoltato le mie parole’, è l’espressione di Geova, ‘che ho mandato loro con i miei servitori i profeti, alzandomi di buon’ora e mandando[li]’.+ “‘Ma voi non avete ascoltato’,+ è l’espressione di Geova. 20  “E in quanto a voi, udite la parola di Geova, voi tutti esiliati,+ che ho mandato da Gerusalemme a Babilonia.+ 21  Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, ha detto questo riguardo ad Acab figlio di Colaia e a Sedechia figlio di Maaseia, che vi profetizzano falsità nel mio proprio nome:+ ‘Ecco, li darò in mano a Nabucodorosor re di Babilonia, ed egli li dovrà abbattere davanti ai vostri occhi.+ 22  E da essi sarà certamente presa una maledizione da parte dell’intero corpo degli esiliati di Giuda che è in Babilonia, dicendo: “Geova ti renda simile a Sedechia e simile ad Acab,+ che il re di Babilonia arrostì nel fuoco!”+ 23  per la ragione che si sono abbandonati all’insensatezza in Israele,+ e continuano a commettere adulterio con le mogli dei loro compagni+ e nel mio proprio nome continuano a pronunciare falsamente la parola che io non comandai loro.+ “‘“E io sono Colui che conosce e sono testimone”,+ è l’espressione di Geova’”. 24  “E a Semaia*+ di Neelam dirai: 25  ‘Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, ha detto questo: “Per la ragione che tu stesso hai mandato a tuo nome lettere+ a tutto il popolo che è a Gerusalemme, e a Sofonia+ figlio di Maaseia, il sacerdote, e a tutti i sacerdoti, dicendo: 26  ‘Geova stesso ti ha fatto sacerdote in luogo di Ieoiada il sacerdote, per divenire il grande sorvegliante* della casa di Geova+ verso qualunque uomo* impazzito+ e che si comporta da profeta, e lo devi mettere nei ceppi e alla gogna;+ 27  ora, quindi, perché non hai rimproverato Geremia di Anatot,+ che si comporta da profeta verso di voi?+ 28  Poiché per questo ha mandato a dire a noi in Babilonia: “Andrà* per le lunghe! Edificate case e abitate[le], e piantate giardini e mangiatene il frutto,+ . . .”’”’” 29  E Sofonia+ il sacerdote leggeva questa lettera agli orecchi di Geremia il profeta. 30  Quindi la parola di Geova fu rivolta a Geremia, dicendo: 31  “Manda a dire a tutti gli esiliati:+ ‘Questo è ciò che ha detto Geova riguardo a Semaia di Neelam: “Per la ragione che Semaia vi ha profetizzato, ma io stesso non l’ho mandato, e ha cercato di farvi confidare nella falsità,+ 32  perciò Geova ha detto questo: ‘Ecco, rivolgo la mia attenzione a Semaia+ di Neelam e alla sua progenie’.+ “‘“‘Egli non avrà uomo che dimori in mezzo a questo popolo;+ e non guarderà il bene che farò per il mio popolo’,+ è l’espressione di Geova, ‘poiché ha proferito l’assoluta rivolta contro Geova’”’”.+

Note in calce

“Vostri”, MTLXXSyVg. Cfr. 27:9.
“Voi sognate”, MTLXXSyVg.
Significa “Geova ha udito”. Ebr. Shemaʽyàhu.
“Il grande sorvegliante”: lett. “sorveglianti”. Ebr. peqidhìm, pl. per indicare grandezza.
“Uomo”: ebr. ʼish.
“Andrà”, femm., riferito a quanto pare all’“esilio” del v. 16.