Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Geremia 27:1-22

27  Al principio del regno di Ioiachim* figlio di Giosia,+ re di Giuda, questa parola fu rivolta a Geremia* da parte di Geova, dicendo:  “Geova mi ha detto questo: ‘Fatti legami e sbarre di giogo,+ e te li devi mettere sul collo.+  E li devi mandare al re di Edom+ e al re di Moab+ e al re dei figli di Ammon+ e al re di Tiro+ e al re di Sidone+ per mano dei messaggeri che vengono a Gerusalemme presso Sedechia* re di Giuda.  E devi dar loro comando per i loro padroni,* dicendo: “‘“Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele,+ ha detto questo; dovete dire questo ai vostri padroni:  ‘Io stesso ho fatto la terra,+ il genere umano*+ e le bestie+ che sono sulla superficie della terra mediante la mia grande potenza+ e mediante il mio braccio steso;+ e l’ho data a chi è stato retto ai miei occhi.+  E ora io stesso ho dato tutti questi paesi in mano a Nabucodonosor* re di Babilonia,*+ mio servitore;+ e gli ho dato perfino le bestie selvagge del campo perché lo servano.+  E tutte le nazioni devono servirlo,+ sì, lui e suo figlio e suo nipote, finché venga il tempo anche per il suo proprio paese,+ e molte nazioni e grandi re lo dovranno sfruttare come servitore’.+  “‘“‘E deve accadere che la nazione e il regno che non lo serviranno, proprio Nabucodonosor re di Babilonia, e chi non metterà il collo sotto il giogo del re di Babilonia, a quella nazione rivolgerò la mia attenzione con la spada+ e con la carestia+ e con la pestilenza’,+ è l’espressione di Geova, ‘finché non avrò posto loro fine per mano sua’.+  “‘“‘E in quanto a voi, non ascoltate i vostri profeti+ né i vostri praticanti di divinazione né i vostri sognatori*+ né i vostri praticanti di magia né i vostri stregoni,+ che vi dicono: “Voi non servirete il re di Babilonia”.+ 10  Poiché vi profetizzano falsità, allo scopo di farvi portare lontano dal vostro suolo; e io vi dovrò disperdere, e voi dovrete perire.+ 11  “‘“‘E in quanto alla nazione che sottoporrà il collo al giogo del re di Babilonia e in effetti lo servirà, certamente la farò anche riposare sul suo suolo’, è l’espressione di Geova, ‘e certamente lo coltiverà e vi dimorerà’”’”.+ 12  Anche a Sedechia*+ re di Giuda parlai secondo tutte queste parole,+ dicendo: “Sottoponete il vostro collo al giogo del re di Babilonia e servite lui e il suo popolo e continuate a vivere.+ 13  Perché dovreste tu stesso e il tuo popolo morire di spada,+ di carestia+ e di pestilenza+ secondo ciò che Geova ha proferito alla nazione che non serve il re di Babilonia? 14  E non ascoltate le parole dei profeti che vi dicono: ‘Voi non servirete il re di Babilonia’,+ perché vi profetizzano falsità.+ 15  “‘Poiché io non li ho mandati’, è l’espressione di Geova, ‘ma profetizzano nel mio nome falsamente, affinché io vi disperda,+ e dovrete perire,+ voi e i profeti che vi profetizzano’”.+ 16  E parlai ai sacerdoti e a tutto questo popolo, dicendo: “Geova ha detto questo: ‘Non ascoltate le parole dei vostri profeti che vi profetizzano, dicendo: “Ecco, ora, gli utensili della casa di Geova saranno presto riportati da Babilonia!”+ Poiché vi profetizzano falsità.+ 17  Non li ascoltate. Servite il re di Babilonia e continuate a vivere.+ Perché questa città deve divenire un luogo devastato?+ 18  Ma se essi sono profeti e se la parola di Geova realmente esiste in loro, supplichino, suvvia, Geova degli eserciti,+ perché gli utensili che rimangono nella casa di Geova e nella casa del re di Giuda e a Gerusalemme non vadano in Babilonia’. 19  “Poiché questo è ciò che ha detto Geova degli eserciti riguardo alle colonne+ e riguardo al mare+ e riguardo ai carrelli+ e riguardo al rimanente degli utensili che rimangono in questa città,+ 20  che Nabucodonosor re di Babilonia non aveva preso quando portò in esilio Ieconia*+ figlio di Ioiachim, re di Giuda, da Gerusalemme a Babilonia, insieme a tutti i nobili di Giuda e di Gerusalemme;+ 21  poiché questo è ciò che ha detto Geova degli eserciti, l’Iddio* d’Israele, riguardo agli utensili che rimangono nella casa di Geova e nella casa del re di Giuda e a Gerusalemme:+ 22  ‘“Saranno portati a Babilonia+ e là resteranno fino al giorno che rivolgerò loro la mia attenzione”,+ è l’espressione di Geova. “E certamente li farò risalire e li farò tornare in questo luogo”’”.+

Note in calce

“Ioiachim”, MTVg; Sy, la versione araba e tre mss. ebr., “Sedechia”, come nei vv. 3, 12.
Ebr. Yirmeyàh.
Significa “Geova è giustizia”. Ebr. Tsidhqiyàhu.
“I loro padroni”: ebr. ʼadhonehhèm, pl. di ʼadhòhn, per indicare che ce n’era più di uno.
O, “gli uomini”. Ebr. haʼadhàm.
“Nabucodonosor”, in 27:6–29:3; in 21:2 e in tutto il resto del libro, “Nabucodorosor”.
“Babilonia”, LXXVg; MTSy, “Babele”.
“Sognatori”, TLXXSyVg; M, “sogni”.
“Sedechia”: ebr. Tsidhqiyàh. Cfr. nt. al v. 3.
Vedi nt. a Est 2:6, “Ieconia”.
‘L’Iddio di’: ebr. ʼElohèh.