Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Geremia 2:1-37

2  E la parola di Geova mi era rivolta,+ dicendo:  “Va,* e devi gridare agli orecchi di Gerusalemme, dicendo: ‘Geova ha detto questo:+ “Ricordo bene, da parte tua,* l’amorevole benignità* della tua giovinezza,+ l’amore quando eri fidanzata per sposarti,+ il tuo camminare dietro a me nel deserto, in un paese non seminato.+  Israele era qualcosa di santo* per Geova,+ il primo prodotto per Lui”’.*+ ‘Tutti quelli che lo divoravano si rendevano colpevoli.+ La stessa calamità veniva su di loro’, fu l’espressione di Geova”.+  Udite la parola di Geova, o casa di Giacobbe,+ e voi tutte famiglie della casa d’Israele.+  Geova ha detto questo: “Che hanno trovato d’ingiusto in me i vostri padri,+ così che si sono allontanati da me,+ e hanno continuato a camminare dietro all’idolo vano+ e a divenire vani essi stessi?+  E non hanno detto: ‘Dov’è Geova, Colui che ci fece salire dal paese d’Egitto,+ Colui che ci fece camminare per il deserto, per un paese di pianura desertica+ e fossa, per un paese arido+ e di profonda ombra,*+ per un paese attraverso il quale non passò nessun uomo* e in cui non dimorò nessun uomo terreno?’*  “E gradualmente vi condussi in un paese del frutteto, affinché ne mangiaste i frutti e le cose buone.+ Ma voi entraste e contaminaste il mio paese; e della mia propria eredità faceste qualcosa di detestabile.+  Gli stessi sacerdoti non dissero: ‘Dov’è Geova?’+ E i medesimi che maneggiavano la legge non mi conobbero;+ e i pastori stessi trasgredirono* contro di me,+ e perfino i profeti profetizzarono per Baal,+ e camminarono dietro a quelli che non potevano recare beneficio.+  “‘Perciò contenderò ancora con voi’,+ è l’espressione di Geova, ‘e contenderò con i figli dei vostri figli’.+ 10  “‘Ma passate ai paesi costieri* dei chittim+ e vedete. Sì, mandate anche a Chedar+ e prendete in speciale considerazione, e vedete se è accaduta una cosa come questa.+ 11  Ha una nazione scambiato dèi,+ pure per quelli che non sono dèi?*+ Ma il mio proprio popolo ha scambiato la mia* gloria per ciò che non può recare beneficio.+ 12  Stupite di questo, o cieli; e rabbrividite con grandissimo orrore’,* è l’espressione di Geova,+ 13  ‘perché ci sono due cose cattive che il mio popolo ha fatto: Hanno lasciato perfino me,+ la fonte d’acqua viva,+ per scavarsi cisterne, cisterne rotte, che non possono contenere acqua’. 14  “‘È Israele un servitore*+ o uno schiavo nato in casa? Perché è divenuto per la preda? 15  Contro di lui ruggiscono i giovani leoni forniti di criniera;+ hanno fatto udire la loro voce.+ E facevano del suo paese un oggetto di stupore. Le sue proprie città sono state incendiate, così che non c’è abitante.+ 16  Perfino gli stessi figli di Nof*+ e Tafnes*+ continuarono a pascersi di te alla sommità del capo.+ 17  Non è questo ciò che tu facevi a te stessa, lasciando Geova tuo Dio+ nel tempo in cui ti faceva camminare per la via?+ 18  E ora, che ti deve importare della via d’Egitto,+ per bere le acque di Sihor?*+ E che ti deve importare della via d’Assiria,+ per bere le acque del Fiume?* 19  La tua malizia ti deve correggere,+ e i tuoi propri atti d’infedeltà ti devono riprendere.+ Sappi, quindi, e vedi che il tuo lasciare Geova tuo Dio è qualcosa di cattivo e di amaro,+ e non te [ne è derivato] nessun terrore di me’,+ è l’espressione del Sovrano+ Signore, Geova degli eserciti. 20  “‘Poiché molto tempo fa ruppi il tuo giogo;+ strappai i tuoi legami. Ma dicesti: “Non servirò”, poiché su ogni alto colle e sotto ogni albero lussureggiante+ giacevi in maniera scomposta,+ prostituendoti.+ 21  E in quanto a me, ti avevo piantato come una vite rossa scelta,+ tutta di vero seme. Come ti sei dunque cambiata verso di me in [tralci] degenerati di vite straniera?’+ 22  “‘Ma anche se tu ti lavassi con gli alcali e ti prendessi grandi quantità di liscivia,+ il tuo errore sarebbe certamente una macchia dinanzi a me’,+ è l’espressione del Sovrano Signore Geova. 23  Come puoi dire: ‘Non mi sono contaminata.+ Non ho camminato dietro ai Baal’?*+ Vedi la tua via nella valle.+ Nota ciò che hai fatto. Una veloce, giovane cammella senza meta che corre da una parte all’altra nelle sue vie; 24  una zebra+ abituata al deserto, alla brama della sua anima, che fiuta il vento;*+ al tempo del suo accoppiamento, chi può farla tornare indietro? Tutti quelli che la cercano non si stancheranno. Nel suo mese la troveranno. 25  Trattieni il tuo piede dal [divenire] scalzo, e la tua gola dalla sete.+ Ma tu dicevi: ‘È senza speranza!+ No, ma mi sono innamorata di estranei,+ e camminerò dietro a loro’.+ 26  “Come con la vergogna di un ladro quando è scoperto, così hanno provato vergogna quelli della casa d’Israele,+ essi, i loro re, i loro principi e i loro sacerdoti e i loro profeti.+ 27  Dicono a un albero: ‘Tu sei mio padre’,+ e a una pietra: ‘Tu stessa mi hai generato’. Ma a me hanno rivolto la nuca e non la faccia.+ E nel tempo della loro calamità diranno: ‘Levati e salvaci!’+ 28  “Ma dove sono i tuoi dèi* che ti sei fatti?+ Si levino, se ti possono salvare nel tempo della tua calamità.+ Poiché i tuoi dèi son divenuti come il numero delle tue città, o Giuda.+ 29  “‘Perché continuate a contendere contro di me?+ Perché avete trasgredito, voi tutti, contro di me?’+ è l’espressione di Geova. 30  Invano ho colpito i vostri figli.+ Non accettarono nessuna disciplina.+ La vostra spada ha divorato i vostri propri profeti, come un leone che causa rovina.+ 31  O generazione, vedete da voi stessi la parola di Geova.+ “Son io divenuto un semplice deserto per Israele+ o un paese di dense tenebre? Perché questi, il mio popolo, hanno detto: ‘Abbiamo vagato. Non verremo più a te’?+ 32  Può una vergine dimenticare i suoi ornamenti, una sposa le sue fasce? Eppure il mio proprio popolo mi ha dimenticato per innumerevoli giorni.+ 33  “Perché, o donna, abbellisci la tua* via per cercare amore? Perciò è stato anche nelle cose cattive che hai insegnato le tue vie.+ 34  Inoltre, nei tuoi lembi* si son trovati i segni del sangue* delle anime*+ dei poveri innocenti.+ Non li ho trovati nell’atto di sfondare,* ma [sono] su tutti questi.+ 35  “Ma tu dici: ‘Sono rimasta innocente. Sicuramente la sua ira si è ritirata da me’.+ “Ecco, entro in controversia con te a motivo del tuo dire: ‘Non ho peccato’.+ 36  Perché consideri molto insignificante il cambiamento della tua via?+ Anche dell’Egitto ti vergognerai,+ proprio come ti vergognasti dell’Assiria.+ 37  Anche per questo motivo uscirai con le mani sulla testa,+ perché Geova ha rigettato gli oggetti della tua fiducia, e con loro non avrai successo”.

Note in calce

Lett. “Ci sia un andare”. In ebr. questo è un verbo all’infinito assoluto, indefinito in quanto al tempo e impersonale.
“Tua”, femm., riferito a “Gerusalemme”.
O, “amore leale”. Ebr. chèsedh.
O, “era santità”. Ebr. qòdhesh.
O, “la primizia del Suo prodotto”.
O, “ombra di morte”.
“Uomo”: ebr. ʼish.
“Uomo terreno”: ebr. ʼadhàm.
O, “si rivoltarono”.
O, “alle isole”.
“Non sono dèi”: ebr. loʼ ʼelohìm.
“Mia”, nel testo ebr. originale; MLXXSyVg, “sua”. Uno dei Diciotto Emendamenti dei soferim, dovuto a un eccesso di riverenza verso Geova Dio. Vedi App. 2B.
“Con grandissimo orrore”, con una correzione; M, “siate devastati moltissimo”.
O, “È Israele uno schiavo”. Ebr. haʽèvedh Yisraʼèl.
“Menfi”, LXXVg.
“Tafnes”, Mmargine.
O, “di un ramo del Nilo”.
Cioè dell’Eufrate.
O, “alle immagini di Baal”.
“Vento”: ebr. rùach. Vedi nt. a Ge 1:2, “forza attiva”.
“I tuoi dèi”: ebr. ʼelohèikha, pl. di ʼelòhah, col suffisso èikha, “tuo”, masch. sing., riferito a “Giuda”.
“Tua”, femm., riferito a Gerusalemme, o Sion.
“Nei tuoi lembi”, MVg; LXXSy, “nelle tue mani”.
“Segni del sangue”: LXX, “sangui”. Lett. “sangue”, sing. nel M, ma il verbo ebr. che l’accompagna (“si son trovati”) e il successivo pronome ebr. (“li”) sono pl.
‘Le anime di’: ebr. nafshòhth; gr. psychòn; lat. animarum. Vedi App. 4A.
O, “scassinare”.