Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Geremia 19:1-15

19  Geova ha detto questo: “Va,* e devi prendere una fiasca di terracotta di vasaio+ e alcuni degli anziani del popolo e alcuni degli anziani dei sacerdoti.  E devi uscire alla valle del figlio di Innom,*+ che è all’ingresso della Porta dei Cocci.* E là devi proclamare le parole che ti proferirò.+  E devi dire: ‘Udite la parola di Geova, o voi re di Giuda e abitanti di Gerusalemme.+ Geova degli eserciti,+ l’Iddio* d’Israele, ha detto questo: “‘“Ecco, farò venire su questo luogo una calamità che, se qualcuno l’udrà, gli rintroneranno gli orecchi;+  per la ragione che hanno lasciato me+ e rendevano questo luogo irriconoscibile+ e vi facevano fumo di sacrificio ad altri dèi* che non avevano conosciuto,+ loro e i loro antenati e i re di Giuda; e hanno riempito questo luogo del sangue degli innocenti.+  E hanno edificato gli alti luoghi del Baal per bruciare nel fuoco i loro figli come olocausti al Baal,+ cosa che io non avevo comandato e di cui non avevo parlato,+ e che non mi era salita in cuore”’.+  “‘“Perciò, ecco, vengono i giorni”, è l’espressione di Geova, “nei quali questo luogo non si chiamerà più Tofet+ e valle del figlio di Innom,+ ma valle dell’uccisione.  E certamente renderò vuoto il consiglio di Giuda e di Gerusalemme in questo luogo,+ e di sicuro li farò cadere mediante la spada davanti ai loro nemici e mediante la mano di quelli che cercano la loro anima.+ E certamente darò i loro corpi morti in pasto alle creature volatili dei cieli e alle bestie della terra.+  E di sicuro farò di questa città un oggetto di stupore e qualcosa a cui fischiare.+ Chiunque le passerà accanto si stupirà e fischierà per tutte le sue piaghe.+  E certamente farò mangiare loro la carne dei loro figli e la carne delle loro figlie; e mangeranno ciascuno la carne del suo prossimo, a causa dell’assedio e a causa delle strettezze in cui li stringeranno i loro nemici e quelli che cercano la loro anima”’.+ 10  “E devi rompere la fiasca davanti agli occhi degli uomini che vengono con te. 11  E devi dire loro: ‘Geova degli eserciti ha detto questo: “Nello stesso modo io romperò questo popolo e questa città come si rompe un vaso di vasaio così che non si può più riparare;+ e seppelliranno in Tofet+ finché non ci sarà più posto* per seppellire”’.+ 12  “‘Così farò a questo luogo’, è l’espressione di Geova, ‘e ai suoi abitanti, sì, per rendere questa città simile a Tofet.+ 13  E le case di Gerusalemme e le case dei re di Giuda devono divenire come il luogo di Tofet,+ impure, cioè tutte le case sui tetti delle quali fecero fumo di sacrificio a tutto l’esercito dei cieli+ e si versarono libazioni ad altri dèi’”.*+ 14  E Geremia veniva da Tofet,+ in cui Geova l’aveva mandato a profetizzare, e stava nel cortile della casa di Geova e diceva a tutto il popolo:+ 15  “Geova degli eserciti, l’Iddio* d’Israele, ha detto questo: ‘Ecco, farò venire su questa città e su tutte le sue città tutta la calamità che ho pronunciato contro di essa, perché hanno indurito il loro collo per non ubbidire alle mie parole’”.+

Note in calce

Vedi nt. a 2:2, “Va”.
“Valle del figlio di Innom”: ebr. gehʼ ven-Hinnòm; lat. vallem filii Ennom. Vedi App. 4C.
“Porta dei Cocci”: poiché questa porta si apriva sulla parte più orientale della valle di Innom, si tratta probabilmente della Porta dei Mucchi di Cenere, o Porta del Letame. In Jerusalem in the Old Testament, p. 230, nt. 1, il dott. J. Simons dice: “Invece di ‘Porta dei Cocci’ si può tradurre ‘Porta dei Vasai’, o, forse meglio, ‘Porta dei Vasi di Terracotta’”.
‘L’Iddio di’: ebr. ʼElohèh.
‘A . . . dèi’: ebr. leʼlohìm.
Lett. “perché non ci sarà luogo”.
Vedi nt. al v. 4.
Vedi nt. al v. 3.