Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Genesi 8:1-22

8  Dopo ciò Dio si ricordò+ di Noè e di ogni bestia selvaggia e di ogni animale domestico che era con lui nell’arca,+ e Dio fece passare un vento* sulla terra, e le acque si abbassavano.+  E le sorgenti delle acque dell’abisso*+ e le cateratte*+ dei cieli furono chiuse, e così fu trattenuta la pioggia dirotta dai cieli.  E le acque cominciarono a ritirarsi dalla terra, ritirandosi progressivamente;* e alla fine di centocinquanta giorni le acque mancavano.+  E il settimo mese,* il diciassettesimo giorno del mese, l’arca+ si posò sui monti di Ararat.+  E le acque diminuivano progressivamente* fino al decimo mese.* Il decimo mese, il primo del mese, apparvero le cime dei monti.+  Avvenne dunque che alla fine di quaranta giorni Noè apriva la finestra+ dell’arca che aveva fatto.  Dopo ciò mandò fuori un corvo,+ ed esso continuò a volare di fuori,* andando e tornando, finché le acque si prosciugarono sulla terra.  Più tardi mandò fuori di presso a sé una colomba+ per vedere se le acque erano diminuite sulla superficie del suolo.  E la colomba non trovò luogo di riposo per la pianta del suo piede, e perciò tornò a lui nell’arca perché le acque erano ancora sulla superficie di tutta la terra.+ Allora egli stese la mano e la prese e la trasse a sé dentro l’arca. 10  E continuò ad aspettare altri sette giorni, e di nuovo mandò fuori la colomba dall’arca. 11  La colomba venne poi a lui verso il tempo della sera, ed ecco, aveva nel becco una foglia d’olivo+ colta di fresco, e così Noè seppe che le acque erano diminuite sulla terra.+ 12  E continuò ad aspettare altri sette giorni. Quindi mandò fuori la colomba, ma essa non tornò più a lui.+ 13  Ora nell’anno seicentesimoprimo,+ il primo mese,* il primo giorno del mese, avvenne che le acque si erano prosciugate sulla terra; e Noè toglieva la copertura dall’arca e guardava, ed ecco, la superficie del suolo si era asciugata.+ 14  E nel secondo mese, il ventisettesimo giorno del mese, la terra era asciutta.+ 15  Dio parlò ora a Noè, dicendo: 16  “Esci dall’arca, tu e tua moglie e i tuoi figli e le mogli dei tuoi figli con te.+ 17  Fa uscire con te ogni creatura vivente che è presso di te di ogni sorta di carne,+ fra le creature volatili+ e fra le bestie+ e fra tutti gli animali che si muovono sulla terra,+ poiché devono sciamare sulla terra ed essere fecondi e moltiplicarsi sopra la terra”.+ 18  Allora Noè uscì, e anche i suoi figli+ e sua moglie e le mogli dei suoi figli con lui. 19  Ogni creatura vivente, ogni animale che si muove e ogni creatura volatile, tutto ciò che si muove sulla terra, uscirono dall’arca secondo le loro famiglie.+ 20  E Noè edificava un altare+ a Geova e prendeva alcune di tutte le bestie pure+ e di tutte le creature volatili pure+ e offriva olocausti sull’altare.+ 21  E Geova sentiva un odore riposante,*+ e Geova disse dunque in cuor suo:+ “Non invocherò più il male sul suolo+ a causa dell’uomo, perché l’inclinazione+ del cuore dell’uomo è cattiva fin dalla sua giovinezza;+ e non colpirò più ogni vivente proprio come ho fatto.+ 22  Per tutti i giorni che la terra durerà,* semina e raccolta, e freddo e caldo, ed estate e inverno, e giorno e notte, non cesseranno mai”.+

Note in calce

Ebr. rùach; precedentemente tradotto “forza attiva; l’ora in cui soffia la brezza; spirito”.
O, “volta acquea”. Vedi nt. a 7:11, “abisso”.
O, “finestre”.
“Ritirandosi progressivamente”: lett. “andando e ritirandosi”.
“Settimo mese”: corrispondente al mese di abib (o nisan), il primo mese del calendario sacro ebraico dopo l’Esodo. Abib coincideva col periodo che va dalla seconda metà di marzo alla prima metà di aprile. Vedi App. 8B.
Lett. “andando e diminuendo”.
“Decimo mese”: corrispondente al mese di tammuz, il quarto mese del calendario sacro ebraico dopo l’Esodo. Tammuz coincideva col periodo che va dalla seconda metà di giugno alla prima metà di luglio. Vedi App. 8B.
Lett. “continuò ad andare fuori”.
“Primo mese”: corrispondente al mese di etanim (o tishri), il settimo mese del calendario sacro ebraico dopo l’Esodo. Etanim coincideva col periodo che va dalla seconda metà di settembre alla prima metà di ottobre. Vedi App. 8B.
O, “lenitivo; calmante”.
Lett. “tutti i giorni della terra”.