Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Genesi 49:1-33

49  Giacobbe chiamò poi i suoi figli e disse: “Raccoglietevi perché io vi dichiari ciò che vi avverrà nella parte finale dei giorni.  Radunatevi e ascoltate, figli di Giacobbe, sì, ascoltate Israele vostro padre.+  “Ruben, tu sei il mio primogenito,+ il mio vigore e il principio del mio potere generativo,+ l’eccellenza della dignità e l’eccellenza della forza.  Con avventata sfrenatezza simile ad acque,* non eccellere,+ perché sei salito sul letto di tuo padre.+ In quel tempo profanasti il mio giaciglio.+ Egli vi salì!  “Simeone e Levi sono fratelli.*+ Le loro armi per scannare* sono strumenti di violenza.+  Nel loro intimo gruppo non entrare,+ o anima mia. Non ti unire alla loro congregazione,+ o mia disposizione,* perché nella loro ira uccisero uomini,*+ e nel loro arbitrio tagliarono i garretti ai tori.  Maledetta sia la loro ira,+ perché è crudele,+ e il loro furore, perché opera aspramente.+ Fammeli spartire in Giacobbe e fammeli disperdere in Israele.+  “In quanto a te, Giuda,+ i tuoi fratelli ti loderanno.+ La tua mano sarà sulla nuca dei tuoi nemici.+ I figli di tuo padre si prostreranno davanti a te.+  Giuda è un leoncello.+ Certamente salirai dalla preda, figlio mio. Si è chinato, si è steso come un leone* e, come un leone,* chi osa farlo levare?+ 10  Lo scettro* non si allontanerà da Giuda,+ né il bastone da comandante* di fra i suoi piedi,* finché venga Silo;*+ e a lui apparterrà l’ubbidienza dei popoli.*+ 11  Legato il suo asino adulto a una vite e la prole della sua propria asina a una vite scelta,* certamente laverà la sua veste nel vino e il suo abito nel sangue dell’uva.+ 12  I suoi occhi sono color rosso scuro dal vino, e la bianchezza dei suoi denti è dal latte. 13  “Zabulon risiederà presso la spiaggia del mare,+ e sarà presso la spiaggia dove sono all’àncora le navi;*+ e il suo lato remoto sarà verso Sidone.+ 14  “Issacar+ è un asino dalla forte ossatura, che giace fra le due bisacce. 15  E vedrà che il luogo di riposo è buono e che il paese è piacevole; e curverà la spalla per portare pesi e sarà assoggettato a lavori forzati da schiavo.* 16  “Dan giudicherà il suo popolo come una delle tribù d’Israele.+ 17  Sia Dan un serpente al lato della strada, una serpe cornuta al lato della via, che morda i calcagni del cavallo in modo che il suo cavaliere cada all’indietro.+ 18  Da te, o Geova, realmente attenderò* la salvezza.*+ 19  “In quanto a Gad, l’assalirà una banda di predoni, ma egli assalirà l’estrema retroguardia.+ 20  “Da Aser il suo pane sarà grasso,+ ed egli darà bocconi prelibati da re.+ 21  “Neftali+ è un’esile* cerva. Egli pronuncia parole eleganti.*+ 22  “Germoglio* di un albero fruttifero,+ Giuseppe è il germoglio di un albero fruttifero presso la fonte,+ che spinge i suoi rami* su un muro.+ 23  Ma gli arcieri lo bersagliavano e lo saettarono e nutrivano animosità contro di lui.+ 24  Eppure il suo arco dimorava in luogo permanente,+ e la forza* delle sue mani era agile.+ Dalle mani del Potente di Giacobbe,+ di lì è il Pastore, la Pietra d’Israele.+ 25  Egli è dall’Iddio* di tuo padre,+ e ti aiuterà;+ ed egli è con l’Onnipotente,+ e ti benedirà con le benedizioni dei cieli di sopra,+ con le benedizioni delle acque dell’abisso* che giacciono di sotto,+ con le benedizioni delle mammelle e del seno.+ 26  Le benedizioni di tuo padre saranno in realtà superiori alle benedizioni dei monti sempiterni,+ all’ornamento* dei colli di durata indefinita.+ Saranno sulla testa di Giuseppe, sì, sulla sommità del capo di colui che è stato separato* di fra i suoi fratelli.+ 27  “Beniamino continuerà a sbranare come un lupo.+ La mattina mangerà l’animale afferrato e la sera dividerà le spoglie”.+ 28  Tutti questi sono le dodici tribù d’Israele, e questo è ciò che il loro padre proferì loro quando li benediceva. Li benedisse ciascuno secondo la sua propria benedizione.+ 29  Dopo ciò comandò loro e disse loro: “Io sto per essere raccolto presso il mio popolo.+ Seppellitemi con i miei padri nella caverna che è nel campo di Efron l’ittita,+ 30  nella caverna che è nel campo di Macpela che è di fronte a Mamre nel paese di Canaan, il campo che Abraamo acquistò da Efron l’ittita per il possesso di un luogo di sepoltura.+ 31  Là seppellirono Abraamo e Sara sua moglie.+ Là seppellirono Isacco e Rebecca sua moglie,+ e là io seppellii Lea. 32  Il campo acquistato* e la caverna che è in esso erano dei figli di Het”.+ 33  Così Giacobbe finì di dare comandi ai suoi figli. Quindi raccolse i piedi nel letto e spirò e fu raccolto presso il suo popolo.+

Note in calce

O, “Ci fu avventata sfrenatezza come acque impetuose”.
“Gufi reali; iene”, secondo un’altra vocalizzazione.
“Armi per scannare”: secondo alcuni la parola ebr. qui usata è incomprensibile. Il v. 5 nei LXXBagster legge: “Simeone e Levi, fratelli, compirono l’ingiustizia della loro recisione”.
“Mia gloria”, MVg; LXX, “mio fegato”. Vedi VT, vol. II, 1952, pp. 358-362.
O, “un uomo”. Ebr. ʼish, forse in senso collettivo.
“Come un leone”: ebr. keʼaryèh, il leone africano.
“E, come un leone”: ebr. ukhelavìʼ, il leone asiatico.
“Scettro”: ebr. shèvet; lat. sceptrum; gr. àrchon, “governante”.
O, “né un comandante”. Ebr. loʼ . . . umechoqèq.
O, “d’innanzi a lui”. Cfr. Gdc 5:27.
“Silo”: o, “colui del quale è (al quale appartiene)”. Ebr. Shilòh; LXX, “le cose in serbo per lui”; Vg, “colui che dev’essere inviato”.
“Ed egli sarà l’aspettazione delle nazioni”, LXXVg.
O, “una vite con uva color rosso vivo”.
O, “dove le navi scaricano”.
O, “diverrà uno schiavo sottoposto a lavori forzati”.
O, “ho atteso”.
“Da te . . . la salvezza”: ebr. lishuʽothkhà; la prima volta che ricorre questo termine. La parola ebr. yeshuʽàh, “salvezza”, ha la stessa radice dei nomi biblici Iesua (Ieshua), Giosuè e Gesù.
O, “agile”.
O, “Egli emette corna ramificate”.
Lett. “Figlio”.
Lett. “le sue figlie”.
Lett. “le braccia”.
“Dall’Iddio di”: ebr. meʼÈl.
O, “ondeggianti acque”. Vg, “abisso”, come in 1:2.
O, “desiderio; dimora”.
“Colui che è stato separato”: ebr. nezìr; in Nu 6:2, 13, 18-20 è tradotto “nazireo”, che significa “scelto, dedicato, separato”.
Lett. “L’acquisto del campo”.