Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Genesi 14:1-24

14  Ora avvenne ai giorni di* Amrafel re* di Sinar,+ di Arioc re di Ellasar, di Chedorlaomer+ re di Elam,+ e di Tidal re di Goim,*+  che questi fecero guerra a Bera re di Sodoma,+ e a Birsa re di Gomorra,+ a Sinab re di Adma,+ e a Semeber re di Zeboiim+ e al re di Bela (vale a dire Zoar).+  Tutti questi marciarono come alleati+ verso il Bassopiano di Siddim,*+ cioè il Mar Salato.+  Per dodici anni avevano servito Chedorlaomer, ma il tredicesimo anno si ribellarono.  E nel quattordicesimo anno venne Chedorlaomer, e anche i re che erano con lui, e inflissero sconfitte ai refaim ad Asterot-Carnaim,+ e agli zuzim ad Ham e agli emim+ a Save-Chiriataim,  e agli orei+ nel loro monte di Seir,+ giù fino a El-Paran,+ che è presso il deserto.  Quindi si voltarono e giunsero a En-Mispat, cioè Cades,+ e sconfissero l’intero campo degli amalechiti+ e anche gli amorrei+ che dimoravano ad Azazon-Tamar.+  A questo punto il re di Sodoma si mise in marcia, e anche il re di Gomorra e il re di Adma e il re di Zeboiim e il re di Bela (vale a dire Zoar), e si schierarono in ordine di battaglia contro di loro nel Bassopiano di Siddim,+  contro Chedorlaomer re di Elam e Tidal re di Goim e Amrafel re di Sinar e Arioc re di Ellasar;+ quattro re contro i cinque. 10  Ora il Bassopiano di Siddim+ era pieno di pozzi di bitume;+ e i re di Sodoma e di Gomorra+ si diedero alla fuga e vi caddero dentro, e quelli che rimasero fuggirono nella regione montagnosa.+ 11  Quindi i vincitori* presero tutti i beni di Sodoma e Gomorra e tutti i loro viveri e se ne andarono.+ 12  Presero anche Lot figlio del fratello di Abramo, e i suoi beni, e proseguirono per la loro via. Egli dimorava allora a Sodoma.+ 13  Dopo ciò un uomo che era scampato venne a riferirlo ad Abramo l’ebreo.*+ Egli risiedeva allora fra i grossi alberi di Mamre l’amorreo,+ fratello di Escol e fratello di Aner;+ ed essi erano confederati* di Abramo. 14  Così Abramo udì che suo fratello era stato fatto prigioniero.+ Allora adunò i suoi uomini addestrati,+ trecentodiciotto schiavi nati nella sua casa,*+ e andò all’inseguimento fino a Dan.+ 15  E di notte divise le sue truppe,+ lui e i suoi schiavi, contro di loro, e così li sconfisse e continuò a inseguirli fino a Oba, che è a nord* di Damasco. 16  E ricuperava tutti i beni,+ e ricuperò anche Lot suo fratello e i suoi beni e anche le donne e il popolo.+ 17  Quindi gli uscì incontro il re di Sodoma dopo che fu tornato dall’aver sconfitto Chedorlaomer e i re che erano con lui, nel Bassopiano di Save,* cioè il Bassopiano del Re.+ 18  E Melchisedec+ re di Salem+ portò pane e vino,+ ed era sacerdote* dell’Iddio Altissimo.*+ 19  Quindi lo benedisse, dicendo: “Benedetto sia Abramo dall’Iddio Altissimo,+ Che ha fatto* il cielo e la terra;+ 20  E benedetto sia l’Iddio Altissimo,+ Che ha consegnato i tuoi oppressori nella tua mano!”+ Allora Abramo* gli diede un decimo* di ogni cosa.+ 21  Quindi il re di Sodoma disse ad Abramo: “Dammi le anime,*+ ma tieni per te i beni”. 22  A ciò Abramo disse al re di Sodoma: “Alzo in effetti la mano [in giuramento]+ a Geova, l’Iddio Altissimo, che ha fatto il cielo e la terra, 23  che, da un filo a un legaccio di sandalo, no, non prenderò nulla di ciò che è tuo,+ affinché tu non dica: ‘Io ho fatto ricco Abramo’. 24  Nulla per me!+ Solo ciò che i giovani hanno già mangiato, e la parte degli uomini che sono venuti con me, Aner, Escol e Mamre:+ prendano essi la loro parte”.+

Note in calce

“Ora avvenne ai giorni di”: ebr. waihì bimèh. Questa frase ricorre sei volte nel M: qui, in Rut 1:1; Est 1:1; Isa 7:1; Ger 1:3 e, con altre parole in mezzo, in 2Sa 21:1. Indica un periodo di prova che termina con una benedizione.
“Re”: ebr. mèlekh; la prima volta che ricorre questo titolo, qui senza l’articolo determinativo ma seguito da un nome proprio al genitivo.
“Nazioni”, LXXVg.
O, “Valle dei campi”.
Lett. “Quindi essi”, cioè i vincitori.
“L’ebreo”: ebr. haʽIvrì; la prima volta che ricorre; lo si ritrova poi in 39:14, 17.
Lett. “proprietari (padroni) del patto di”. Ebr. baʽalèh verìth.
Lett. “nati della sua casa”. Erano figli di schiavi, non schiavi acquistati.
Lett. “a sinistra”, per chi guarda a est.
O, “Valle della pianura”. Questa valle era vicino a Salem, o Gerusalemme.
“Sacerdote”: ebr. khohèn; la prima volta che ricorre questa parola.
“Dell’Iddio Altissimo”: ebr. leʼÈl ʽElyòhn. Qui la parola ebr. non è ʼElohìm, ma ʼEl senza articolo determinativo, nonostante che ʼEl sia seguito dall’aggettivo ʽElyòhn, “Altissimo”.
“Che ha fatto”: LXXVg, “che ha creato”; ma nel v. 22 la Vg legge: “Possessore”.
Lett. “egli”.
O, “decima”. La prima menzione della decima.
“Le anime”, M(ebr. hannèfesh, sing. ma usato collettivamente)SyVg; LXX, “uomini”.