Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Genesi 12:1-20

12  E Geova diceva ad Abramo: “Esci dal tuo paese e dai tuoi parenti* e dalla casa di tuo padre [e va] al paese che io ti mostrerò;+  e farò di te una grande nazione e ti benedirò e davvero farò grande il tuo nome; e mostrati una benedizione.+  E certamente benedirò quelli che ti benediranno, e maledirò colui che invocherà su di te il male,+ e tutte le famiglie del suolo certamente si benediranno* per mezzo di te”.+  Allora Abramo andò proprio come Geova gli aveva parlato, e Lot andò con lui. E Abramo aveva settantacinque anni quando uscì da Haran.+  Abramo prese dunque Sarai sua moglie+ e Lot figlio di suo fratello+ e tutti i beni che avevano accumulato+ e le anime che avevano acquistato ad Haran, e uscirono per andare nel paese di Canaan.+ Infine giunsero nel paese di Canaan.  E Abramo attraversò il paese fino al sito di Sichem,*+ vicino ai grossi alberi di More;+ e in quel tempo il cananeo era nel paese.  Geova apparve ora ad Abramo e disse: “Darò questo paese+ al tuo seme”.+ Dopo ciò egli edificò là un altare a Geova, che gli era apparso.  Di là si trasferì poi nella regione montagnosa a oriente di Betel+ e piantò la sua tenda avendo Betel ad occidente e Ai+ ad oriente. Lì edificò quindi un altare a Geova+ e invocava il nome* di Geova.+  Abramo levò poi il campo, andando di accampamento in accampamento verso il Negheb.*+ 10  Ora sorse una carestia nel paese e Abramo scese in Egitto per risiedervi come forestiero,+ perché la carestia era grave nel paese.+ 11  E avvenne che, quando fu presso ad entrare in Egitto, disse a Sarai sua moglie: “Ora, ti prego! So bene che sei una donna di bell’aspetto.+ 12  Così di sicuro accadrà che gli egiziani ti vedranno e diranno: ‘Questa è sua moglie’. E certamente uccideranno me, ma conserveranno te in vita. 13  Ti prego, di’ che sei mia sorella,+ perché io sia trattato bene a motivo tuo, e certamente la mia anima vivrà grazie a te”.+ 14  E accadde che, appena Abramo entrò in Egitto, gli egiziani vedevano la donna, che era molto bella. 15  E la vedevano anche i principi di Faraone* e la lodavano presso Faraone, tanto che la donna fu condotta alla casa di Faraone. 16  Ed egli trattò bene Abramo a motivo di lei, ed egli ebbe pecore e bovini e asini e servi e serve e asine e cammelli.+ 17  Quindi Geova toccò Faraone e la sua casa con grandi piaghe+ a causa di Sarai, moglie di Abramo.+ 18  Allora Faraone chiamò Abramo e disse: “Che cos’è questo che mi hai fatto? Perché non mi hai fatto sapere che era tua moglie?+ 19  Perché hai detto: ‘È mia sorella’,+ così che io stavo per prenderla in moglie? E ora ecco tua moglie. Prendila e vattene!” 20  E Faraone diede comandi riguardo a lui a [degli] uomini, ed essi scortarono lui e sua moglie e tutto ciò che aveva.*+

Note in calce

O, “dalla tua casa”.
“Saranno benedette”, LXXVg. Vedi nt. a 22:18.
Posta in relazione con l’attuale Nablus, particolarmente col vicino Tell Balatah.
O, “dichiarava (predicava) il nome”. Vedi Eso 34:5.
O, “il sud”, cioè la parte meridionale della Terra Promessa.
Il titolo “Faraone” compare in tutto il M senza articolo determinativo.
SamLXX aggiungono: “e Lot con lui”.