Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Ezechiele 34:1-31

34  E la parola di Geova continuò a essermi rivolta, dicendo:  “Figlio dell’uomo, profetizza contro i pastori d’Israele. Profetizza, e devi dir loro, ai pastori: ‘Il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “Guai ai pastori d’Israele,+ che pascono se stessi!+ Non dovrebbero i pastori pascere il gregge?+  Voi mangiate il grasso,+ e vi vestite della lana. Scannate+ l’animale grasso.+ Non pascete il gregge* stesso.  Non avete rafforzato le deboli,+ e non avete sanato la malata, e non avete fasciato la fiaccata, e non avete ricondotto la dispersa, e non avete cercato di trovare la smarrita,*+ ma le avete tenute sottoposte con asprezza, sì, con tirannia.+  E gradualmente si disperdevano perché non c’era pastore,+ così che divennero pasto per ogni bestia selvaggia del campo, e continuarono a disperdersi.+  Le mie pecore* si sviavano su tutti i monti e su ogni alto colle;+ e le mie pecore+ si dispersero su tutta la superficie della terra, senza che alcuno facesse ricerca e senza che alcuno cercasse di trovarle.  “‘“Perciò, pastori, udite la parola di Geova:  ‘“Come io vivo”, è l’espressione del Sovrano Signore Geova, “sicuramente per la ragione che le mie pecore divennero qualcosa da predare e le mie pecore continuarono ad essere pasto per ogni bestia selvaggia del campo, perché non c’era pastore, e i miei pastori non cercarono le mie pecore, ma i pastori pascevano se stessi+ e non han pasciuto le mie pecore”’,  perciò, pastori, udite la parola di Geova. 10  Il Sovrano Signore Geova ha detto questo: ‘Ecco, sono contro i pastori,+ e certamente richiederò le mie pecore dalla loro mano e farò in modo che cessino di pascere le [mie] pecore,+ e i pastori non pasceranno più se stessi;+ e certamente libererò le mie pecore dalla loro bocca, e non diverranno cibo per loro’”.+ 11  “‘Poiché il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “Eccomi, io stesso, e certamente ricercherò le mie pecore e ne avrò cura.+ 12  Secondo la cura di chi pasce il suo branco+ nel giorno della sua venuta per essere in mezzo alle sue pecore che sono state disperse,+ in questo modo avrò cura delle mie pecore; e certamente le libererò da tutti i luoghi ai quali sono state sparse nel giorno delle nuvole e della fitta oscurità.+ 13  E certamente le farò uscire+ dai popoli e le radunerò dai paesi e le ricondurrò al loro suolo+ e le pascerò sui monti d’Israele, presso i letti dei corsi d’acqua e presso tutti i luoghi di dimora del paese.+ 14  Le pascerò in un buon pascolo, e il loro luogo di dimora sarà sugli alti monti d’Israele.+ Là giaceranno in un buon luogo di dimora,+ e pasceranno sui monti d’Israele in un grasso pascolo”. 15  “‘“Io stesso pascerò le mie pecore,*+ e io stesso le farò giacere”,+ è l’espressione del Sovrano Signore Geova. 16  “Ricercherò la smarrita,*+ e ricondurrò la dispersa, e fascerò la fiaccata e rafforzerò la malata, ma annienterò la grassa+ e la forte. Pascerò quella* con giudizio”.*+ 17  “‘E in quanto a voi mie pecore, il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “Ecco, giudico fra pecora e pecora,* fra montoni e capri.+ 18  È per voi così poca cosa che pascete nel miglior pascolo*+ ma calpestate con i vostri piedi il resto dei vostri pascoli, e che bevete le acque chiare* ma intorbidate quelle rimaste calpestando con i vostri piedi? 19  E in quanto alle mie pecore, devono esse pascere nel pascolo calpestato dai vostri piedi e devono bere l’acqua intorbidata dal calpestio dei vostri piedi?” 20  “‘Perciò il Sovrano Signore Geova ha detto loro questo: “Eccomi, io stesso, e certamente giudicherò fra la pecora* grassa e la pecora magra, 21  per la ragione che con il fianco e con la spalla spingevate e con le vostre corna allontanavate tutte le malate finché non le avevate disperse di fuori.+ 22  E certamente salverò le mie pecore,* e non diverranno più qualcosa da predare;+ e certamente giudicherò fra pecora e pecora.* 23  E certamente susciterò su di loro un solo pastore,+ ed egli le dovrà pascere, sì, il mio servitore Davide.+ Egli stesso le pascerà, ed egli stesso diverrà il loro pastore.+ 24  E io stesso, Geova, diverrò certamente il loro Dio,*+ e il mio servitore Davide un capo principale* in mezzo a loro.+ Io stesso, Geova, ho parlato. 25  “‘“E certamente concluderò* con loro un patto di pace,+ e di sicuro farò cessare dal paese la dannosa bestia selvaggia,+ e realmente dimoreranno nel deserto al sicuro e dormiranno nelle foreste.+ 26  E certamente farò di esse e dei dintorni del mio colle una benedizione,+ e di sicuro farò scendere a suo tempo il rovescio di pioggia. Ci saranno rovesci di pioggia di benedizione.+ 27  E l’albero del campo dovrà dare il suo frutto,+ e il paese stesso darà il suo prodotto,+ e realmente saranno nel loro suolo al sicuro.+ E dovranno conoscere che io sono Geova quando avrò rotto le sbarre del loro giogo+ e le avrò liberate dalla mano di quelli che le avevano impiegate come schiavi.+ 28  E non diverranno più per le nazioni qualcosa da predare;+ e riguardo alla bestia selvaggia della terra, non le divorerà, e realmente dimoreranno al sicuro, senza che alcuno [le] faccia tremare.+ 29  “‘“E certamente farò sorgere per loro una piantagione per un nome,*+ e non saranno più portate via dalla carestia nel paese,+ e non porteranno più l’umiliazione delle nazioni.+ 30  ‘E dovranno conoscere che io, Geova loro Dio, sono con loro+ e che esse sono il mio popolo, la casa d’Israele’, è l’espressione del Sovrano Signore Geova”’.+ 31  “‘E riguardo a voi* mie pecore,*+ pecore del mio pascolo, siete* uomini terreni.* Io sono il vostro Dio’, è l’espressione del Sovrano Signore Geova”.

Note in calce

O, “le pecore”. Ebr. hatstsòʼn.
Lett. “peritura”.
O, “Il mio gregge”. Ebr. tsoʼnì.
Vedi nt. al v. 6.
Lett. “peritura”.
“Pascerò quella”: lett. “La pascerò”, M; LXXSyVg, “Le pascerò”.
O, “con giustizia”. Ebr. vemishpàt.
Lett. “fra una pecora per la pecora”. Ebr. behn-sèh lasèh.
Lett. “buon pascolo”.
O, “decantate”.
“Pecora”: ebr. seh, sing.
O, “il mio gregge”. Ebr. letsoʼnì.
Vedi nt. al v. 17.
Lett. “per loro come Dio”. Ebr. lahèm lEʼlohìm.
O, “nasì”.
Lett. “taglierò”.
O, “fama; rinomanza”.
“Voi”, femm.
Vedi nt. al v. 6.
“Siete”, masch.
“Uomini terreni”: ebr. ʼadhàm.