Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Ezechiele 27:1-36

27  E la parola di Geova continuò a essermi rivolta, dicendo:  “E in quanto a te, o figlio dell’uomo, innalza riguardo a Tiro un canto funebre,+  e devi dire a Tiro: “‘O tu che dimori alle entrate del mare,+ la trafficante dei popoli per molte isole,+ il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “O Tiro, tu stessa hai detto: ‘Sono perfetta in bellezza’.+  I tuoi territori sono nel cuore dei mari.+ I tuoi propri edificatori hanno perfezionato la tua bellezza.+  Con legname di ginepro di Senir*+ edificarono tutte le tue tavole. Presero un cedro del Libano+ per farti l’albero maestro.  Con massicci alberi di Basan fecero i tuoi remi. Fecero la tua prua* d’avorio in legno di cipresso* delle isole di Chittim.+  Di lino d’Egitto+ dai vari colori fu la tua tela spiegata, perché ti servisse di vela. Di filo turchino+ e lana tinta di porpora rossiccia+ delle isole di Elisa+ fu la tua coperta.  “‘“Gli stessi abitanti di Sidone+ e di Arvad+ divennero i tuoi rematori. I tuoi esperti,*+ o Tiro, furono in te; furono i tuoi naviganti.+  Anche i vecchi di Ghebal*+ e i suoi esperti furono in te come calafati per i tuoi comenti.*+ Tutte le navi del mare e i loro marinai stessi furono in te, per scambiare mercanzie. 10  Persiani+ e ludim+ e uomini di Put+ furono nelle tue forze militari, i tuoi uomini di guerra. In te appesero scudo ed elmo.+ Essi furono quelli che causarono il tuo splendore. 11  I figli di Arvad,+ sì, le tue forze militari, erano sulle tue mura tutt’intorno, e uomini prodi* furono quelli che si trovarono nelle tue proprie torri. Appesero i loro scudi circolari alle tue mura tutt’intorno.+ Essi stessi perfezionarono la tua bellezza. 12  “‘“Tarsis+ fu tua commerciante a causa dell’abbondanza di ogni sorta di cose di valore.+ Per [il suo] argento, ferro, stagno e piombo, si davano le tue merci.*+ 13  Iavan,+ Tubal+ e Mesec+ stessi erano tuoi trafficanti. Per le anime del genere umano*+ e gli oggetti di rame si davano i tuoi articoli di scambio.* 14  Dalla casa di Togarma+ c’erano cavalli e destrieri e muli, [per i quali] si davano le tue merci. 15  I figli di Dedan*+ erano tuoi trafficanti; molte isole erano commercianti al tuo servizio;* corni d’avorio+ ed ebano ti hanno pagato come dono.* 16  Edom* fu tuo commerciante a causa dell’abbondanza delle tue opere. Per turchese,+ lana tinta di porpora rossiccia e stoffa di vari colori e tessuto fine e coralli e rubini, si davano in cambio le tue merci. 17  “‘“Giuda e il paese d’Israele stessi furono tuoi trafficanti. Per il frumento+ di Minnit+ e le speciali derrate alimentari* e il miele+ e l’olio e il balsamo,+ si davano i tuoi articoli di scambio.+ 18  “‘“Damasco+ fu tua commerciante nell’abbondanza delle tue opere, a causa dell’abbondanza di tutte le tue cose di valore, col vino+ di Helbon e la lana grigio-rossiccia. 19  Vedan e Iavan da Uzal, diedero per le tue merci. Ferro in opere di ferro battuto, cassia e canna [aromatica],+ erano per i tuoi articoli di scambio. 20  Dedan+ fu tuo trafficante di vesti di stoffa tessuta per cavalcare. 21  Gli arabi+ e tutti gli stessi capi principali di Chedar+ furono commercianti al tuo servizio.* In agnelli e montoni e capri,+ in essi furono tuoi commercianti. 22  I trafficanti di Saba+ e Raama+ stessi furono tuoi trafficanti; per ogni sorta dei più eccellenti profumi e per ogni sorta di pietre preziose e oro, si davano le tue merci.+ 23  Haran+ e Canne ed Eden,+ i trafficanti di Saba,+ Assur+ [e] Chilmad erano tuoi trafficanti. 24  Erano tuoi trafficanti di vestiti sontuosi, di mantelli di stoffa turchina e stoffa di vari colori e tappeti di tessuto a due colori, di funi intrecciate e fatte in maniera robusta, nel tuo centro commerciale. 25  “‘“Le navi di Tarsis+ erano le tue carovane per i tuoi articoli di scambio, così che ti riempi e divieni molto gloriosa nel cuore del mare aperto.+ 26  “‘“I tuoi rematori ti hanno portato in vaste acque.+ Lo stesso vento orientale ti ha fiaccato nel cuore del mare aperto.+ 27  Le tue cose di valore e le tue merci,+ i tuoi articoli di scambio,+ i tuoi marinai e i tuoi naviganti,+ i calafati dei tuoi comenti*+ e quelli che scambiano le tue mercanzie e tutti i tuoi uomini di guerra+ che sono in te e in tutta la tua congregazione, che sono in mezzo a te, cadranno nel cuore del mare aperto nel giorno della tua caduta.+ 28  “‘“Al suono del grido dei tuoi naviganti la campagna sobbalzerà.+ 29  E tutti quelli che maneggiano il remo, i marinai, tutti i naviganti del mare, scenderanno certamente dalle loro navi; staranno a terra.+ 30  E su di te si faranno certamente udire con la loro voce e grideranno amaramente.+ E si metteranno polvere sulla testa.+ Si voltoleranno nella cenere.+ 31  E dovranno render[si] calvi di una calvizie per te,+ e cingersi di sacco+ e piangere su di te con amarezza d’anima,+ con amaro lamento. 32  E per te nella loro lamentazione innalzeranno certamente un canto funebre e su di te canteranno:+ “‘“‘Chi è simile a Tiro,+ simile a colei che è stata ridotta al silenzio in mezzo al mare?+ 33  Quando le tue merci+ uscivano dal mare aperto,+ saziavi molti popoli.+ Con l’abbondanza delle tue cose di valore e dei tuoi articoli di scambio arricchivi i re della terra.+ 34  Ora sei stata fiaccata* dal mare aperto, nelle profondità delle acque.+ In quanto ai tuoi articoli di scambio e a tutta la tua congregazione,+ son caduti in mezzo a te. 35  Tutti gli abitanti delle isole+ si stupiranno certamente di te, e i loro stessi re dovranno rabbrividire d’orrore.+ Le facce si dovranno turbare.+ 36  In quanto ai commercianti fra i popoli, certamente fischieranno su di te.+ Devi divenire improvvisi terrori, e non sarai più a tempo indefinito’”’”.+

Note in calce

“Monte Ermon” in De 3:8, 9.
O, “le tue tavole”, in senso collettivo.
“In legno di cipresso”, in armonia con T; M, “la figlia degli asuriti”.
Lett. “saggi”.
“Gli anziani degli abitanti di Biblos”, LXX.
O, “per le tue falle”.
“E uomini prodi”: ebr. weghammadhìm; lat. Pigmei, “pigmei”.
Lett. “essi (le persone) davano le tue merci”.
O, “di uomini terreni”. Ebr. ʼadhàm.
Lett. “essi (le persone) davano i tuoi articoli di scambio”.
“Di Dedan”, MTVg; LXX, “degli abitanti di Rodi”.
Lett. “in mano tua”.
O, “tributo”.
“Edom”, Sy e circa 25 mss. ebr.; M, “Aram”; Vg, “Il siro”.
“E le speciali derrate alimentari”: ebr. ufannàgh. Il significato è incerto, ma si pensa che fosse qualche specie di alimento.
Lett. “in mano tua”.
O, “delle tue falle”.
“Sei stata fiaccata”, LXXSyVg e tre mss. ebr.; il verbo ha la terminazione femm.