Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Ezechiele 23:1-49

23  E la parola di Geova continuò ad essermi indirizzata,+ dicendo:  “Figlio dell’uomo, c’erano due donne figlie di una sola madre.+  E si prostituivano in Egitto.+ Commisero prostituzione nella loro giovinezza.+ Là furono premute le loro mammelle,+ e là compressero i seni della loro verginità.  E i loro nomi erano Oola* la maggiore* e Ooliba* sua sorella, e divennero mie+ e partorivano figli e figlie.+ E in quanto ai loro nomi, Oola è Samaria,+ e Ooliba è Gerusalemme.+  “E Oola si prostituiva,+ mentre mi era soggetta, e continuò a desiderare con ardore quelli che l’amavano appassionatamente,+ gli assiri,+ che erano vicini,  i governatori vestiti di stoffa turchina, e i governanti delegati, tutti giovani desiderabili, cavalieri montati su cavalli.  E continuò a dare le sue prostituzioni su di loro, tutti i più scelti figli d’Assiria; e si contaminò+ con tutti quelli che desiderò ardentemente, con i loro idoli di letame.  E non lasciò le sue prostituzioni [portate] dall’Egitto, poiché con lei erano giaciuti nella sua giovinezza, ed essi erano quelli che avevano premuto i seni della sua verginità e continuarono a versare su di lei i loro rapporti immorali.+  Perciò la diedi in mano a quelli che l’amavano appassionatamente,+ in mano ai figli d’Assiria, che essa aveva desiderato con ardore.+ 10  Essi furono quelli che scoprirono la sua nudità.+ Presero i suoi figli e le sue figlie,+ e uccisero lei con la spada. Ed essa divenne un’infamia* per le donne, e su di lei eseguirono atti di giudizio. 11  “Quando sua sorella Ooliba [lo] vide,+ esercitò il suo desiderio sensuale più rovinosamente di lei, e la sua prostituzione più della fornicazione* di sua sorella.+ 12  Poiché desiderò con ardore i figli d’Assiria,+ i governatori e i governanti delegati che erano vicini, vestiti con gusto perfetto, cavalieri montati su cavalli, tutti giovani desiderabili.+ 13  E vidi che, siccome essa si era contaminata, seguivano entrambe una medesima via.+ 14  Ed essa continuò ad aggiungere ai suoi atti di prostituzione quando vedeva gli uomini in rappresentazioni sul muro,+ immagini+ di caldei incise in cinabro,+ 15  cinti con cinture+ ai fianchi, con turbanti pendenti sulle teste, aventi l’aspetto di guerrieri,* tutti quanti, la somiglianza dei figli di Babilonia,* caldei in quanto al paese della loro nascita. 16  E li desiderava con ardore alla vista dei suoi occhi+ e mandava loro messaggeri in Caldea.+ 17  E i figli di Babilonia venivano da lei, al letto delle espressioni d’amore, e la contaminavano con i loro rapporti immorali;+ ed essa continuò a contaminarsi con loro, e la sua anima si allontanava da loro disgustata. 18  “Ed essa continuò a scoprire i suoi atti di prostituzione e a scoprire la sua nudità,+ in modo tale che la mia anima si allontanò disgustata dalla sua compagnia, proprio come la mia anima si era allontanata disgustata dalla compagnia di sua sorella.+ 19  E moltiplicava i suoi atti di prostituzione+ fino al punto di ricordarsi dei giorni della sua giovinezza,+ quando si prostituiva nel paese d’Egitto.+ 20  E desiderava con ardore alla maniera delle concubine appartenenti a quelli il cui membro carnale* è come il membro carnale degli asini e il cui organo genitale è come l’organo genitale dei cavalli.+ 21  E continuasti a richiamare l’attenzione sulla condotta dissoluta della tua giovinezza mediante il premere dei tuoi seni dall’Egitto+ in poi, a causa* delle mammelle della tua giovinezza.+ 22  “Perciò, o Ooliba, il Sovrano Signore Geova ha detto questo: ‘Ecco, io desto i tuoi appassionati amanti contro di te,+ quelli dai quali la tua anima si è allontanata con disgusto, e di sicuro li farò venire contro di te da ogni parte,+ 23  i figli di Babilonia+ e tutti i caldei,+ Pecod+ e Soa e Coa, tutti i figli d’Assiria con loro, giovani desiderabili, tutti governatori e governanti delegati, guerrieri* e convocati, montati su cavalli, tutti quanti. 24  E devono venire contro di te con strepito* di carri da guerra e di ruote,+ e con una congregazione di popoli, con scudo grande e scudo piccolo ed elmo. Si porranno contro di te tutt’intorno, e certamente rimetterò loro il giudizio, ed essi ti dovranno giudicare con i loro giudizi.+ 25  E di sicuro esprimerò il mio ardore contro di te,+ e devono agire contro di te con furore.+ Ti toglieranno il naso e gli orecchi, e il resto di te cadrà di spada. Essi stessi prenderanno i tuoi figli+ e le tue figlie,+ e il resto di te sarà divorato dal fuoco.+ 26  E certamente ti spoglieranno delle tue vesti+ e toglieranno i tuoi begli oggetti.+ 27  E realmente farò cessare da te la tua condotta dissoluta,+ e la tua prostituzione [portata] dal paese d’Egitto;+ e non alzerai i tuoi occhi verso di loro, e non ti ricorderai più dell’Egitto’. 28  “Poiché il Sovrano Signore Geova ha detto questo: ‘Ecco, ti do in mano a quelli che hai odiato, in mano a quelli dai quali la tua anima si è allontanata con disgusto.+ 29  Ed essi devono agire contro di te con odio e togliere tutto il prodotto della tua fatica e lasciarti nuda e scoperta;*+ e la nudità dei tuoi atti di fornicazione e la tua condotta dissoluta e i tuoi atti di prostituzione devono essere scoperti.+ 30  Ti si faranno* queste cose perché vai come una prostituta dietro alle nazioni,+ per il fatto che ti contaminasti con i loro idoli di letame.+ 31  Hai camminato nella via di tua sorella;+ e ti dovrò dare in mano il suo calice’.+ 32  “Il Sovrano Signore Geova ha detto questo: ‘Berrai il calice di tua sorella, quello profondo e largo.+ Diverrai oggetto di risa e scherno, poiché [il calice] contiene molto.+ 33  Ti riempirai di ebbrezza e mestizia, col calice dello stupore e della desolazione, il calice di tua sorella Samaria. 34  E lo dovrai bere e scolare,+ e ne roderai i frammenti di terracotta, e ti strapperai le mammelle.+ “Poiché io stesso ho parlato”, è l’espressione del Sovrano Signore Geova’. 35  “Perciò il Sovrano Signore Geova ha detto questo: ‘Per la ragione che mi hai dimenticato+ e mi gettavi dietro le spalle,+ allora tu stessa porta pure la tua condotta dissoluta e i tuoi atti di prostituzione’”. 36  E Geova proseguì, dicendomi: “Figlio dell’uomo, giudicherai+ Oola e Ooliba+ e dichiarerai loro le loro cose detestabili?+ 37  Poiché hanno commesso adulterio+ e c’è sangue nelle loro mani,+ e hanno commesso adulterio con i loro idoli di letame.+ E, oltre a ciò, i loro figli che mi avevano generato li fecero passare attraverso [il fuoco] ad essi* come cibo.+ 38  Peggio ancora, mi hanno fatto questo: Hanno contaminato+ in quel giorno il mio santuario,+ e hanno profanato i miei sabati.+ 39  E quando avevano scannato i loro figli ai loro idoli di letame+ perfino entravano quel giorno nel mio santuario per profanarlo,+ ed ecco, questo è ciò che hanno fatto in mezzo alla mia casa.+ 40  E oltre a ciò, quando mandavano agli uomini* che venivano da lontano, ai quali era mandato un messaggero,+ quindi, ecco, vennero,+ quelli per i quali ti eri lavata,+ ti eri tinta gli occhi+ e ti eri coperta di ornamenti.+ 41  E sedesti su un divano glorioso,+ con una tavola apparecchiata davanti a esso,+ e vi mettesti sopra il mio incenso+ e il mio olio.+ 42  E in lei c’era il suono di una folla a proprio agio,+ e agli uomini dalla massa del genere umano* erano condotti ubriaconi+ dal deserto, e mettevano braccialetti alle mani delle donne* e belle corone sulle loro teste.+ 43  “Quindi dissi riguardo a colei che si era consumata di adulterio:+ ‘Ora continuerà a commettere la sua prostituzione, anche lei stessa’.+ 44  Ed entravano da lei, proprio come si entra da una donna che è prostituta; in tale maniera entrarono da Oola e da Ooliba come da donne di condotta dissoluta.+ 45  Ma riguardo agli uomini giusti,+ essi son quelli che la* giudicheranno col giudizio per le adultere+ e col giudizio per le spargitrici di sangue;+ poiché sono adultere, e c’è sangue nelle loro mani.+ 46  “Poiché il Sovrano Signore Geova ha detto questo: ‘Si farà salire una congregazione contro di loro+ e si farà* di loro un oggetto spaventoso e qualcosa da predare.+ 47  E la congregazione le deve colpire con pietre,+ e saranno abbattute con le loro spade. Uccideranno i loro figli e le loro figlie,+ e bruceranno le loro case col fuoco.+ 48  E certamente farò cessare dal paese+ la condotta dissoluta,+ e tutte le donne dovranno lasciarsi correggere, così che non facciano secondo la vostra* condotta dissoluta.+ 49  E devono recare su di voi la vostra condotta dissoluta,+ e porterete i peccati dei vostri idoli di letame; e dovrete conoscere che io sono il Sovrano Signore Geova’”.+

Note in calce

Significa “la tenda di lei”.
Lett. “la grande”.
Significa “la mia tenda è in lei”.
O, “una reputazione”. Lett. “un nome”, nel senso negativo di cattiva fama.
Lett. “più delle fornicazioni”. Ebr. mizzenunèh; gr. hypèr ten pornèian; lat. super fornicationem. Vedi App. 5A.
O, “scudieri”. Lett. “terzi uomini”. Ebr. shalishìm; gr. trissè, “triplice”; lat. ducum, “condottieri”. Bassorilievi assiri mostrano che uno dei tre occupanti dei carri da guerra portava le armi o reggeva un parasole.
“Babilonia”, Vg; MTSy, “Babele”.
“Il cui membro carnale”: lett. “la cui carne”.
“Mediante la compressione”, con una lieve correzione.
O, “scudieri”. Vedi nt. al v. 15, “guerrieri”.
Forse, “con una moltitudine”. Il significato è incerto.
Lett. “nudità e spoliazione”.
“Si faranno”: in ebr. questo verbo è all’infinito assoluto, indefinito in quanto al tempo e impersonale.
“Essi”, riferito agli “idoli di letame”.
“Agli uomini”: ebr. laʼanashìm, pl. di ʼish.
“Genere umano”: lett. “uomo terreno”. Ebr. ʼadhàm.
Lett. “alle loro mani”; “loro” è femm.
Con una correzione; M, “li”; LXXSyVg, “le”.
“Si farà salire . . . si farà”: in ebr. questi verbi sono all’infinito assoluto, indefiniti in quanto al tempo e impersonali.
“Vostra”, femm.