Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Ezechiele 20:1-49

20  Ora avvenne nel settimo anno, nel quinto [mese], il decimo [giorno] del mese, [che] uomini degli anziani d’Israele vennero per consultare Geova,+ e si sedevano davanti a me.+  Quindi la parola di Geova mi fu rivolta, dicendo:  “Figlio dell’uomo, parla con gli anziani d’Israele, e devi dir loro: ‘Il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “Venite per consultarmi?+ ‘Come io vivo, certamente non mi farò consultare da* voi’,+ è l’espressione del Sovrano Signore Geova”’.  “Li giudicherai tu? [Li] giudicherai tu, o figlio dell’uomo?+ Fa conoscere loro le cose detestabili dei loro antenati.+  E devi dir loro: ‘Il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “Nel giorno che scelsi Israele,+ anche alzavo la mia mano+ [in giuramento] al seme della casa di Giacobbe+ e mi rendevo loro noto nel paese d’Egitto.+ Sì, alzavo loro la mia mano [in giuramento], dicendo: ‘Io sono Geova vostro Dio’.*+  In quel giorno alzai loro la mia mano+ [in giuramento] per farli uscire dal paese d’Egitto verso un paese che avevo esplorato per loro, un [paese] dove scorre latte e miele.+ Era l’adornamento di tutti i paesi.+  E dicevo loro: ‘Gettate, ciascuno, le cose disgustanti dei suoi occhi,+ e non vi contaminate con gli idoli di letame d’Egitto.+ Io sono Geova vostro Dio’.+  “‘“Ed essi si ribellavano contro di me,+ e non acconsentirono ad ascoltarmi. Non gettarono individualmente le cose disgustanti dei loro occhi e non lasciarono gli idoli di letame d’Egitto,+ così che promisi* di versare su di loro il mio furore, per portare a termine su di loro la mia ira in mezzo al paese d’Egitto.+  E agivo per amore del mio proprio nome affinché non fosse profanato davanti agli occhi delle nazioni fra le quali erano,+ perché mi ero fatto conoscere da loro davanti ai loro occhi facendoli uscire dal paese d’Egitto.+ 10  Li feci dunque uscire dal paese d’Egitto e li condussi nel deserto.+ 11  “‘“E davo loro i miei statuti;+ e feci conoscere loro le mie decisioni giudiziarie,+ affinché l’uomo* che continua a metterle in pratica continui anche a vivere mediante esse.+ 12  E diedi loro anche i miei sabati,+ perché divenissero un segno fra me e loro,+ affinché conoscessero che io sono Geova che li santifica.* 13  “‘“Ma essi, la casa d’Israele, si ribellarono contro di me nel deserto.+ Non camminarono nei miei statuti,+ e rigettarono le mie decisioni giudiziarie,+ mediante le quali, se l’uomo continua a metterle in pratica, continuerà anche a vivere.+ E profanarono moltissimo i miei sabati,+ tanto che promisi* di versare su di loro il mio furore nel deserto, per sterminarli.+ 14  Ma agii per amore del mio proprio nome affinché non fosse profanato davanti agli occhi delle nazioni, davanti agli occhi delle quali li avevo fatti uscire.+ 15  E io stesso anche alzai loro la mia mano [in giuramento] nel deserto,+ che non li avrei condotti nel paese che avevo dato, un [paese] dove scorre latte e miele+ (è l’adornamento di tutti i paesi),+ 16  per la ragione che rigettarono le mie proprie decisioni giudiziarie; e riguardo ai miei statuti, non camminarono in essi, e profanarono i miei sabati, perché il loro cuore andava dietro ai loro idoli di letame.+ 17  “‘“E il mio occhio li commiserava [per trattenermi] dal ridurli in rovina,+ e non ne feci uno sterminio nel deserto. 18  E dicevo ai loro figli nel deserto:+ ‘Non camminate nei regolamenti dei vostri antenati,+ e non osservate i loro giudizi,+ e non contaminatevi con i loro idoli di letame.+ 19  Io sono Geova vostro Dio.*+ Camminate nei miei propri statuti,+ e osservate le mie proprie decisioni giudiziarie*+ e mettetele in pratica.+ 20  E santificate i miei propri sabati,+ ed essi devono servire come segno fra me e voi, [affinché] conosciate che io sono Geova vostro Dio’.+ 21  “‘“E i figli si ribellavano contro di me.+ Non camminarono nei miei statuti, e non osservarono le mie decisioni giudiziarie per metterle in pratica, mediante le quali, se l’uomo* continuasse a metterle in pratica, continuerebbe anche a vivere.+ Profanarono i miei sabati.+ Promisi* dunque di versare su di loro il mio furore, per portare a termine su di loro la mia ira nel deserto.+ 22  E ritirai la mia mano+ e agii per amore del mio proprio nome, affinché non fosse profanato davanti agli occhi delle nazioni, davanti agli occhi delle quali li avevo fatti uscire.+ 23  Io stesso anche alzai loro la mia mano [in giuramento] nel deserto,+ che li avrei sparsi fra le nazioni e che li avrei dispersi fra i paesi,+ 24  per la ragione che non eseguirono le mie proprie decisioni giudiziarie+ e rigettarono i miei propri statuti+ e profanarono i miei propri sabati,+ e i loro occhi furono dietro agli idoli di letame dei loro antenati.+ 25  E io stesso lasciai anche che avessero* regolamenti che non erano buoni e decisioni giudiziarie mediante cui non avrebbero potuto continuare a vivere.+ 26  E lasciavo che si contaminassero* con i loro doni quando facevano passare attraverso [il fuoco] ogni bambino che apriva il seno,+ per renderli desolati, perché conoscessero che io sono Geova”’.+ 27  “Perciò parla alla casa d’Israele, o figlio dell’uomo, e devi dir loro:+ ‘Il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “Eppure rispetto a ciò, i vostri antenati parlarono ingiuriosamente di me, nel loro agire contro di me con infedeltà.+ 28  E li introducevo nel paese+ circa il quale avevo alzato la mia mano [in giuramento] per darlo loro.+ Quando vedevano ogni colle esaltato+ e ogni albero ramoso, vi sacrificavano i loro sacrifici+ e vi davano le loro offensive offerte, e vi presentavano i loro odori riposanti*+ e vi versavano le loro libazioni.+ 29  Dissi dunque loro: ‘Che significa l’alto luogo a cui andate, che si debba chiamare col nome di Alto Luogo* fino a questo giorno?’”’+ 30  “Perciò di’ alla casa d’Israele: ‘Il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “Vi contaminate voi nella via dei vostri antenati,+ e andate dietro alle loro cose disgustanti con rapporti immorali?+ 31  E nell’alzare i vostri doni, facendo passare i vostri figli attraverso il fuoco,+ vi contaminate per tutti i vostri idoli di letame fino ad oggi?+ Nello stesso tempo mi farò io stesso consultare da voi, o casa d’Israele?”’+ “‘Come io vivo’, è l’espressione del Sovrano Signore Geova, ‘certamente non mi farò consultare da voi.+ 32  E ciò che sale nel vostro spirito,+ esso stesso positivamente non accadrà,+ in quanto dite: “Diveniamo come le nazioni, come le famiglie dei paesi,+ servendo il legno e la pietra”’”.+ 33  “‘Come io vivo’, è l’espressione del Sovrano Signore Geova, ‘con mano forte e con braccio steso+ e con furore riversato certamente regnerò su di voi.+ 34  E certamente vi farò uscire dai popoli, e vi radunerò dai paesi ai quali siete stati dispersi con mano forte e con braccio steso e con furore riversato.+ 35  E certamente vi farò venire nel deserto dei popoli+ e là verrò in giudizio con voi faccia a faccia.+ 36  “‘Proprio come venni in giudizio con i vostri antenati nel deserto del paese d’Egitto,+ così verrò in giudizio con voi’, è l’espressione del Sovrano Signore Geova. 37  ‘E certamente vi farò passare sotto la verga+ e vi farò venire nel legame del patto.+ 38  E certamente separerò da voi i rivoltosi e i trasgressori+ contro di me, poiché li farò uscire dal paese della loro residenza come forestieri, ma non verranno nel suolo d’Israele;+ e dovrete conoscere che io sono Geova’.+ 39  “E voi, o casa d’Israele, il Sovrano Signore Geova ha detto questo: ‘Andate a servire ciascuno i suoi propri idoli di letame.+ E se in seguito non mi ascolterete, allora non profanerete più il mio santo nome mediante i vostri doni e mediante i vostri idoli di letame’.+ 40  “‘Poiché sul mio santo monte, sul monte dell’altura d’Israele’,+ è l’espressione del Sovrano Signore Geova, ‘là è dove essi, tutta la casa d’Israele nella sua interezza, mi serviranno, nel paese.+ Là mi compiacerò di loro, e là richiederò le vostre contribuzioni e le primizie delle vostre presentazioni in tutte le vostre cose sante.+ 41  A causa dell’odore riposante mi compiacerò di voi,+ quando vi farò uscire dai popoli e realmente vi radunerò dai paesi ai quali siete stati dispersi,+ e certamente sarò santificato in voi davanti agli occhi delle nazioni’.+ 42  “‘E voi dovrete conoscere che io sono Geova,+ quando vi condurrò nel suolo d’Israele,+ nel paese circa il quale alzai la mia mano [in giuramento] per darlo ai vostri antenati. 43  E certamente ricorderete là le vostre vie+ e tutte le vostre azioni mediante le quali vi contaminaste,+ e realmente proverete nausea delle vostre proprie facce a causa di tutte le vostre cattive cose che avete fatto.+ 44  E dovrete conoscere che io sono Geova+ quando agirò con voi per amore del mio nome,+ non secondo le vostre cattive vie né secondo le vostre corrotte azioni,+ o casa d’Israele’, è l’espressione del Sovrano Signore Geova”. 45*  E la parola di Geova continuò a essermi rivolta, dicendo: 46  “Figlio dell’uomo, volgi la faccia+ in direzione della regione meridionale* e stilla+ [parole] al sud,* e profetizza alla foresta del campo del meridione.* 47  E devi dire alla foresta del sud: ‘Odi la parola di Geova. Il Sovrano Signore Geova ha detto questo: “Ecco, accendo un fuoco contro di te,+ e deve divorare in te ogni albero ancora umido e ogni albero secco.+ La fiamma che arde non si estinguerà,+ e mediante essa tutte le facce devono bruciarsi dal sud al nord.+ 48  E tutti quelli di carne devono vedere che io stesso, Geova, l’ho acceso, così che non si estinguerà”’”.+ 49  E dicevo: “Ohimè, o Sovrano Signore Geova! Riguardo a me dicono: ‘Non compone forse espressioni proverbiali?’”+

Note in calce

O, “per”, cioè mediante Ezechiele.
“Vostro Dio”: ebr. ʼElohehkhèm.
Lett. “dissi”.
O, “l’uomo terreno”. Ebr. haʼadhàm.
“Che li santifica (li ritiene sacri; li tratta come santi)”: ebr. meqaddeshàm; gr. hagiàzon; lat. sanctificans.
Lett. “dissi”.
O, “Io, Geova, sono il vostro Dio”. Ebr. ʼanì Yehwàh ʼElohehkhèm.
O, “i miei propri giudizi”. Ebr. mishpatài.
O, “l’uomo terreno”. Ebr. haʼadhàm.
Lett. “Dissi”.
“Lasciai . . . che avessero”: lett. “diedi loro”.
Lett. “E li contaminavo”.
O, “lenitivi; calmanti”.
O, “Bama”. Ebr. Bamàh; LXX, “Abama”.
MLXX fanno iniziare qui il capitolo 21.
“Regione meridionale”: ebr. tehmànah; gr. Thaimàn, traslitterazione gr. della parola ebr.; lat. austri.
“Sud”: ebr. daròhm; gr. Daròm, traslitterazione gr. della parola ebr.; lat. africum.
O, “Negheb”. Ebr. nèghev.