Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE (EDIZIONE 1987) Vedi la revisione del 2017

Ezechiele 19:1-14

19  “E in quanto a te, innalza un canto funebre+ riguardo ai capi principali d’Israele,+  e devi dire: ‘Che cos’era tua madre? Una leonessa fra i leoni.*+ Giacque fra giovani leoni forniti di criniera. Allevò i suoi leoncelli.  “‘E gradualmente allevò uno dei suoi leoncelli.+ Egli divenne un giovane leone fornito di criniera, e imparava a sbranare la preda.+ Divorò anche l’uomo terreno.*  E le nazioni udivano di lui. Fu preso nella loro fossa, e lo portavano per mezzo di uncini* nel paese d’Egitto.+  “‘Quando essa vide che aveva aspettato [e] la sua speranza era perita, prese un altro dei suoi leoncelli.+ Lo mise avanti come giovane leone fornito di criniera.  Ed egli camminava in mezzo ai leoni. Divenne un giovane leone fornito di criniera. E gradualmente imparò a sbranare la preda.+ Divorò anche l’uomo terreno.+  E conobbe le sue torri di dimora,* e devastò perfino le loro città,+ così che il paese fu reso desolato e lo riempì del suono dei suoi ruggiti.+  E le nazioni tutt’intorno dai distretti giurisdizionali si mettevano* contro di lui+ e stendevano su di lui la loro rete.+ Fu preso nella loro fossa.+  Infine lo misero nella gabbia per mezzo di uncini* e lo portarono dal re di Babilonia.*+ Lo portarono per mezzo di reti da caccia, perché la sua voce non si udisse più sui monti d’Israele.+ 10  “‘Tua madre+ era come una vite nel tuo sangue,*+ piantata presso le acque. Divenne fruttuosa e piena di rami a causa dell’acqua abbondante.+ 11  E le divennero forti verghe, adatte come scettri di governanti.+ E la sua altezza gradualmente crebbe fra i rami, e divenne visibile a causa della sua altezza, a causa dell’abbondanza del suo fogliame.+ 12  Ma fu infine sradicata con furore.+ Fu gettata a terra, e un vento orientale ne seccò il frutto.+ La sua forte verga fu rotta e si seccò.+ La divorò il fuoco stesso.+ 13  E ora è piantata nel deserto,+ in un paese arido e assetato.+ 14  E un fuoco usciva dalla [sua] verga.+ Divorò i suoi medesimi germogli, il suo medesimo frutto, e non ci fu in lei nessuna verga forte, nessuno scettro per governare.+ “‘Questo è un canto funebre, e diverrà un canto funebre’”.+

Note in calce

“Leoni”: ebr. ʼarayòhth, leoni africani.
“Uomo terreno”: ebr. ʼadhàm.
O, “spine”, conficcate attraverso le guance o il naso sia di animali che di prigionieri per condurli con una fune.
“Torri di dimora; palazzi”, sostituendo una lettera; M, “vedove”.
Forse, “si accampavano”, con un lieve cambiamento del M.
Vedi nt. al v. 4.
“Babilonia”, LXXVg; MTSy, “Babele”.
“Nel tuo sangue”, MSyVg; due mss. ebr., “della tua vigna”; T, “alla quale somigliava”.