Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Ester 7:1-10

7  Quindi il re e Aman+ vennero a banchettare con Ester la regina.  Il re ora disse a Ester anche il secondo giorno durante il banchetto del vino:+ “Qual è la tua richiesta,+ o Ester la regina? Ti sia pure dato.+ E qual è la tua domanda? Fino alla metà del regno,+ sia pure fatto!”  A ciò Ester la regina rispose e disse: “Se ho trovato favore ai tuoi occhi, o re, e se al re in effetti sembra bene, mi sia data la mia propria anima*+ alla mia richiesta e il mio popolo+ alla mia domanda.  Poiché siamo stati venduti,+ io e il mio popolo, per essere annientati, uccisi e distrutti.+ Ora se fossimo stati venduti come semplici schiavi+ e come semplici serve, avrei dovuto tacere. Ma l’angustia non conviene quando è di danno al re”.*  Il re Assuero ora disse, sì, continuò a dire a Ester la regina: “Chi è costui,+ e dov’è mai colui* che si è imbaldanzito*+ da fare in tal modo?”  Quindi Ester disse: “L’uomo, l’avversario+ e nemico,+ è questo empio Aman”. In quanto ad Aman, si atterrì+ a causa del re e della regina.  In quanto al re, si levò nel suo furore+ dal banchetto del vino [per andare] nel giardino del palazzo; e Aman stesso stette in piedi per fare richiesta della sua anima* a Ester la regina,+ poiché vide che il male era stato deciso+ contro di lui* dal re.+  E il re stesso tornò dal giardino del palazzo alla casa del banchetto del vino;+ e Aman si era lasciato cadere sul divano+ su cui era Ester. Di conseguenza il re disse: “Si deve anche fare violenza alla regina, con me in casa?” La parola stessa uscì dalla bocca del re,+ e coprirono la faccia di Aman.  Arbona,+ uno dei funzionari di corte+ davanti al re, ora disse: “Inoltre, c’è il palo+ che Aman ha fatto per Mardocheo, che aveva proferito il bene riguardo al re,+ eretto nella casa di Aman, alto cinquanta cubiti”.* Allora il re disse: “Appendetevelo”.+ 10  E appendevano Aman al palo+ che egli aveva preparato per Mardocheo;+ e il furore del re si calmò.

Note in calce

“La mia propria anima (vita)”: ebr. nafshì; sir. nafshi; lat. animam meam.
O, “Ma l’angustia non è da paragonare al danno per il re”. Vg, “Ma ora il nostro nemico è uno la cui crudeltà ridonda contro il re”.
“Costui, e dov’è mai colui?” A quanto pare, questo è un acrostico della dichiarazione divina “Io mostrerò d’essere”. L’acrostico è formato dalle lettere finali אהיה (ʼHYH), e alcuni mss. ebr. lo indicano con lettere maiuscole, come segue: הז–יוא הז אהו. Vedi nt. a Eso 3:14.
Lett. “che lo ha riempito in quanto al suo cuore”. Cfr. nt. ad At 5:3.
“Sua anima (vita)”: ebr. nafshòh; lat. anima sua.
“Che il male era stato deciso contro di lui”: in questo acrostico kI-kholthàH ʼelàV haraʽàH (ebr.), la I corrisponde alla Y e la V corrisponde alla W. A quanto pare, questo è il quarto acrostico del nome divino, יהוה (YHWH), in Ester. È formato dalle lettere finali delle quattro parole, lette in ebr. da destra a sinistra, come segue: ההרע ואלי הכלת–יכ.
Vedi nt. a 5:14, “cubiti”.