Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Ester 6:1-14

6  Durante quella notte il sonno del re svanì.+ Perciò disse di portare il libro delle memorie+ dei fatti dei tempi. Furono dunque lette davanti al re.  Alla fine si trovò scritto ciò che Mardocheo aveva rivelato+ riguardo a Bigtana e a Teres, due funzionari di corte+ del re, guardiani della porta, che avevano cercato di mettere la mano sul re Assuero.*  Quindi il re disse: “Quale onore e cosa grande è stata fatta a Mardocheo per questo?” A ciò i servitori del re, suoi ministri,* dissero: “Non è stato fatto nulla per lui”.+  Più tardi, il re disse: “Chi è nel cortile?” Ora Aman stesso era entrato nel cortile esterno+ della casa del re per dire al re di appendere Mardocheo al palo+ che gli aveva preparato.  Pertanto i servitori del re gli dissero: “Ecco, Aman+ sta nel cortile”. Il re dunque disse: “Entri”.  Quando Aman fu entrato, il re gli diceva: “Che si deve fare all’uomo nel cui onore il re stesso ha provato diletto?”+ A ciò Aman disse in cuor suo: “In chi più che in me il re proverebbe diletto rendendogli onore?”+  Aman disse dunque al re: “In quanto all’uomo nel cui onore il re stesso ha provato diletto,  portino la veste reale+ con cui in effetti il re si veste e un cavallo che il re in effetti cavalca+ e sulla cui testa è stato posto l’ornamento reale.  E si affidino* la veste e il cavallo a uno dei nobili principi del re;+ e devono vestire l’uomo nel cui onore il re stesso ha provato diletto e gli devono far cavalcare il cavallo nella pubblica piazza+ della città,+ e devono proclamare davanti a lui: ‘In questo modo si fa all’uomo nel cui onore il re stesso ha provato diletto’”.+ 10  Subito il re disse ad Aman: “Presto, prendi la veste e il cavallo, proprio come hai detto, e fa così a Mardocheo il giudeo che siede alla porta del re. Non lasciare nulla inadempiuto* di tutto ciò che hai pronunciato”.+ 11  E Aman prendeva la veste+ e il cavallo e vestiva Mardocheo+ e lo faceva cavalcare nella pubblica piazza+ della città e proclamava davanti a lui:+ “In questo modo si fa all’uomo nel cui onore il re stesso ha provato diletto”.+ 12  Mardocheo tornò poi alla porta del re.+ In quanto ad Aman, se ne andò in fretta a casa sua, sconsolato e con la testa coperta.+ 13  E Aman narrava a Zeres+ sua moglie e a tutti i suoi amici* tutto ciò che gli era accaduto. Allora i suoi saggi+ e Zeres sua moglie gli dissero: “Se Mardocheo, davanti al quale hai cominciato a cadere, è del seme dei giudei, non prevarrai contro di lui, ma immancabilmente cadrai davanti a lui”.+ 14  Mentre parlavano ancora con lui arrivarono gli stessi funzionari di corte del re e conducevano in fretta+ Aman al banchetto+ che Ester aveva fatto.

Note in calce

“Artaserse”, LXX.
“Suoi ministri”: ebr. mesharethàv; lat. ministri.
“Si affidino”: in ebr. questo verbo è all’infinito assoluto, indefinito in quanto al tempo e impersonale.
Lett. “Non lasciar cadere nulla”.
O, “quelli che lo amavano”.