Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Esodo 29:1-46

29  “E questa è la cosa che devi fare loro per santificarli, perché mi facciano da sacerdoti: Prendi un giovane toro,* e due montoni,+ sani,+  e pane non fermentato e focacce non fermentate a ciambella intrise d’olio e schiacciate non fermentate spalmate d’olio.+ Li farai di fior di farina di frumento.  E li devi mettere in un cesto e presentarli nel cesto,+ e anche il toro e i due montoni.  “E presenterai Aaronne e i suoi figli all’ingresso+ della tenda di adunanza, e li devi lavare con acqua.+  Quindi devi prendere le vesti+ e vestire Aaronne con la lunga veste e il manto senza maniche dell’efod e con l’efod e il pettorale, e glielo devi legare strettamente con la cintura dell’efod.+  E devi mettergli in testa il turbante e porre il santo segno di dedicazione* sul turbante.+  E devi prendere l’olio d’unzione+ e versarglielo sulla testa e ungerlo.+  “Quindi farai avvicinare i suoi figli e devi vestirli con le lunghe vesti.+  E devi cingerli con le fasce, sia Aaronne che i suoi figli, e devi avvolgere su di loro il copricapo; e il sacerdozio deve appartenere a loro come statuto a tempo indefinito.*+ Così devi riempire di potere+ la mano di Aaronne e la mano dei suoi figli. 10  “Devi allora presentare il toro davanti alla tenda di adunanza, e Aaronne e i suoi figli devono porre le loro mani sulla testa del toro.+ 11  E devi scannare il toro dinanzi a Geova, all’ingresso della tenda di adunanza.+ 12  E devi prendere del sangue+ del toro e metterlo col tuo dito sui corni dell’altare,+ e tutto il resto del sangue lo verserai alla base dell’altare.+ 13  E devi prendere tutto il grasso+ che copre gli intestini,+ e la parte annessa al fegato,+ e i due reni e il grasso che è su di essi, e li devi far fumare sull’altare.+ 14  Ma la carne del toro e la sua pelle e il suo sterco li brucerai col fuoco fuori del campo.+ È un’offerta per il peccato. 15  “Quindi prenderai uno dei montoni,+ e Aaronne e i suoi figli devono porre le mani sulla testa del montone.+ 16  E devi scannare il montone e prenderne il sangue e aspergerlo all’intorno sull’altare.+ 17  E taglierai il montone nei suoi pezzi, e devi lavarne gli intestini+ e le zampe e porre i suoi pezzi l’uno a contatto con l’altro fino alla testa. 18  E devi far fumare l’intero montone sull’altare. È un olocausto+ a Geova, un odore riposante.+ È un’offerta fatta a Geova mediante il fuoco.* 19  “Devi prendere poi l’altro montone, e Aaronne e i suoi figli devono porre le mani sulla testa del montone.+ 20  E devi scannare il montone e prendere del suo sangue e metterlo sul lobo dell’orecchio destro di Aaronne e sul lobo dell’orecchio destro dei suoi figli e sul pollice della loro mano destra e sull’alluce del loro piede destro,+ e devi aspergere il sangue all’intorno sull’altare. 21  E devi prendere del sangue che è sull’altare e dell’olio d’unzione,+ e lo devi spruzzare su Aaronne e sulle sue vesti e sui suoi figli e sulle vesti dei suoi figli con lui, perché egli e le sue vesti e i suoi figli e le vesti dei suoi figli con lui siano in realtà santi.+ 22  “E devi prendere dal montone il grasso e la grassa coda+ e il grasso che copre gli intestini, e la parte annessa al fegato, e i due reni e il grasso che è su di essi, e la coscia destra,+ poiché è un montone d’insediamento;*+ 23  inoltre un pane rotondo e una focaccia a ciambella di pane con olio e una schiacciata dal cesto dei pani non fermentati che è dinanzi a Geova.+ 24  E li devi porre tutti sulle palme delle mani di Aaronne e sulle palme delle mani dei suoi figli,+ e devi agitarli da una parte all’altra come offerta agitata dinanzi a Geova.+ 25  E li devi prendere dalle loro mani e li devi far fumare sull’altare, sopra l’olocausto come odore riposante dinanzi a Geova.+ È un’offerta fatta a Geova mediante il fuoco.+ 26  “E devi prendere il petto del montone d’insediamento,+ che è per Aaronne, e lo devi agitare da una parte all’altra come offerta agitata dinanzi a Geova, e deve divenire la tua porzione. 27  E devi santificare il petto+ dell’offerta agitata e la coscia della porzione sacra* che è stata agitata e che è stata data come contribuzione dal montone d’insediamento,+ da ciò che era per Aaronne e da ciò che era per i suoi figli. 28  E deve divenire di Aaronne e dei suoi figli per regolamento a tempo indefinito che dev’essere eseguito dai figli d’Israele, perché è una porzione sacra;+ e diverrà una porzione sacra che dev’essere resa dai figli d’Israele. Dai loro sacrifici di comunione*+ essa è la loro porzione sacra per Geova. 29  “E le vesti sante+ che sono di Aaronne serviranno ai suoi figli+ dopo di lui per ungerli+ in esse e per riempire in esse la loro mano di potere.+ 30  Il sacerdote che gli succederà di fra i suoi figli e che entrerà nella tenda di adunanza per servire nel luogo santo le indosserà per sette giorni.+ 31  “E prenderai il montone d’insediamento, e ne devi cuocere la carne in un luogo santo.+ 32  E Aaronne e i suoi figli devono mangiare+ la carne del montone e il pane che è nel cesto all’ingresso della tenda di adunanza. 33  E devono mangiare le cose con le quali è stata fatta espiazione* per riempire la loro mano di potere, al fine di santificarli.+ Ma non le può mangiare l’estraneo,* perché sono qualcosa di santo.+ 34  E se della carne del sacrificio d’insediamento e del pane restano fino al mattino, allora devi bruciare ciò che resta col fuoco.+ Non si deve mangiare, perché è qualcosa di santo. 35  “E in questo modo devi fare ad Aaronne e ai suoi figli secondo tutto ciò che io ti ho comandato.+ Impiegherai sette giorni per riempire la loro mano di potere.+ 36  E offrirai ogni giorno il toro dell’offerta per il peccato come espiazione,+ e devi purificare l’altare dal peccato, facendo espiazione su di esso, e lo devi ungere+ per santificarlo. 37  Impiegherai sette giorni per fare espiazione sopra l’altare, e lo devi santificare+ perché divenga in realtà un altare santissimo.+ Chiunque* tocchi l’altare dev’essere santo.+ 38  “E questo è ciò che offrirai sull’altare: giovani montoni ciascuno di un anno, due al giorno, di continuo.+ 39  E offrirai un giovane montone* la mattina,+ e offrirai l’altro giovane montone fra le due sere.*+ 40  E la decima parte di un’efa* di fior di farina+ intrisa con un quarto di hin* d’olio di olive schiacciate, e una libazione+ di un quarto di hin di vino, saranno per il primo giovane montone. 41  E offrirai il secondo giovane montone fra le due sere. Con un’offerta di cereali+ come quella della mattina e con una libazione simile, lo offrirai come odore riposante, offerta fatta a Geova mediante il fuoco. 42  È un olocausto continuo+ per tutte le vostre generazioni all’ingresso della tenda di adunanza dinanzi a Geova, là dove io mi presenterò a voi per parlarti.+ 43  “E davvero mi presenterò là ai figli d’Israele, e sarà* certamente santificato* dalla mia gloria.+ 44  E davvero santificherò+ la tenda di adunanza e l’altare; e santificherò Aaronne e i suoi figli perché mi facciano da sacerdoti. 45  E certamente risiederò in mezzo ai figli d’Israele, e certamente mostrerò d’essere il loro Dio.+ 46  E certamente conosceranno che io sono Geova loro Dio, che li ha fatti uscire dal paese d’Egitto per risiedere in mezzo a loro.+ Io sono Geova loro Dio.+

Note in calce

Lett. “un toro, un figlio della mandria”.
O, “il santo diadema; il diadema della santità”. Vedi nt. a 39:30, “dedicazione”.
“E avranno un servizio sacerdotale verso di me per sempre”, LXX. Cfr. Eb 7:28.
“Un’offerta fatta . . . mediante il fuoco”: versione consueta, che fa derivare l’espressione da ʼesh, “fuoco”. Altri, facendola derivare da ʼnsh, ritengono che significhi “il mezzo con cui stabilire amichevoli relazioni con Dio”.
Lett. “di riempimento”, cioè un riempire la mano di potere, un conferir potere.
O, “offerta innalzata; contribuzione”.
O, “Dai sacrifici delle loro offerte di pace”.
Lett. “una copertura”.
O, “un non aaronnita”, cioè un uomo non della famiglia di Aaronne.
O, “Qualunque cosa”.
O, “un agnello”.
Vedi nt. a 12:6.
“E la decima parte di un’efa”, secondo Nu 15:4 in LXXVg. Lett. “E una decima parte di”. Vedi App. 8A.
Un hin era pari a 3,67 l.
“[Esso] sarà”, M; Vg, “l’altare sarà”.
“E sarà certamente santificato (ritenuto sacro; trattato come santo)”: ebr. weniqdàsh; lat. sanctificabitur; gr. hagiasthèsomai, “sarò santificato”. Vedi nt. a Mt 6:9.