Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Esodo 24:1-18

24  E a Mosè disse: “Sali a Geova, tu e Aaronne, Nadab e Abiu+ e settanta+ degli anziani d’Israele, e vi dovete inchinare* a distanza.  E Mosè solo si accosterà a Geova; ma essi non si devono accostare, e il popolo non deve salire con lui”.+  Quindi Mosè venne e riferì al popolo tutte le parole di Geova e tutte le decisioni giudiziarie,+ e tutto il popolo rispose con una sola voce e disse: “Siamo disposti a mettere in pratica tutte le parole che Geova ha proferito”.+  Pertanto Mosè scrisse tutte le parole di Geova.+ Quindi si alzò la mattina di buon’ora ed edificò ai piedi del monte un altare e dodici colonne corrispondenti alle dodici tribù d’Israele.+  Dopo ciò mandò giovani dei figli d’Israele ed essi offrirono olocausti e sacrificarono tori come sacrifici, come sacrifici di comunione+ a Geova.  Mosè prese quindi metà del sangue e lo mise in bacini,+ e metà del sangue lo asperse sull’altare.+  Infine prese il libro del patto*+ e lo lesse agli orecchi del popolo.+ Allora dissero: “Siamo disposti a fare tutto ciò che Geova ha proferito e a ubbidire”.+  Mosè prese dunque il sangue e lo asperse sul popolo+ e disse: “Ecco il sangue del patto+ che Geova ha concluso con voi rispetto a tutte queste parole”.  E Mosè e Aaronne, Nadab e Abiu e settanta degli anziani d’Israele salivano, 10  e vedevano l’Iddio d’Israele.+ E sotto i suoi piedi c’era ciò che sembrava come un’opera di lastre di zaffiro e per purezza come i cieli medesimi.+ 11  Ed egli non stese la mano contro i notabili dei figli d’Israele,+ ma essi ebbero una visione del [vero] Dio+ e mangiarono e bevvero.+ 12  Geova disse ora a Mosè: “Sali a me sul monte e resta là, poiché ti voglio dare le tavolette di pietra e la legge e il comandamento che devo scrivere per insegnare loro”.+ 13  Mosè e Giosuè* suo ministro* dunque si levarono e Mosè salì sul monte del [vero] Dio.+ 14  Ma agli anziani egli aveva detto: “Aspettateci in questo luogo finché torniamo da voi.+ Ed ecco, Aaronne e Hur+ sono con voi. Chiunque ha una lite,* si accosti a loro”.+ 15  Quindi Mosè salì sul monte mentre la nuvola copriva il monte.+ 16  E la gloria di Geova+ continuava a risiedere* sul monte Sinai,+ e la nuvola continuava a coprirlo per sei giorni. Alla fine il settimo giorno egli chiamò Mosè dal mezzo della nuvola.+ 17  E agli occhi dei figli d’Israele l’aspetto della gloria di Geova era come un fuoco+ divoratore in cima al monte. 18  Mosè entrò quindi in mezzo alla nuvola e salì sul monte.+ E Mosè restò sul monte quaranta giorni e quaranta notti.+

Note in calce

O, “dovete adorare”.
“Libro del patto”: conteneva senza dubbio le leggi esposte in 20:22–23:33.
Vedi nt. a 17:9.
“Suo ministro (assistente; cameriere; servitore)”: ebr. meshorthòh; lat. minister.
Lett. “Chiunque sia proprietario di parole”, cioè un contendente o polemista.
O, “a estendersi come una tenda”.