Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Esodo 1:1-22

1  Ora questi sono i nomi* dei figli d’Israele che entrarono in Egitto con Giacobbe; vennero ciascun uomo e la sua casa:+  Ruben,+ Simeone,+ Levi+ e Giuda,+  Issacar,+ Zabulon+ e Beniamino,+  Dan+ e Neftali,+ Gad+ e Aser.+  E tutte le anime che uscirono dalla parte superiore della coscia+ di Giacobbe furono settanta anime,* ma Giuseppe era già in Egitto.+  Alla fine Giuseppe morì,+ e anche tutti i suoi fratelli e tutta quella generazione.  E i figli d’Israele divennero fecondi e sciamavano; e continuarono a moltiplicarsi e a divenire molto potenti a ritmo assai straordinario, così che il paese ne fu pieno.+  A suo tempo sorse sull’Egitto un nuovo re che non aveva conosciuto Giuseppe.+  E diceva al suo popolo: “Ecco, il popolo dei figli d’Israele è più numeroso e più potente di noi.+ 10  Suvvia! Agiamo accortamente con loro,*+ affinché non si moltiplichino, e di sicuro accada che, nel caso si abbatta su di noi* una guerra, anch’essi si aggiungano certamente a quelli che ci odiano e combattano contro di noi e salgano dal paese”. 11  Posero dunque su di loro capi di lavori forzati allo scopo di opprimerli con i loro pesi;+ ed edificavano città come luoghi di deposito per Faraone, cioè Pitom e Raamses.+ 12  Ma più li opprimevano, più si moltiplicavano e più si estendevano, così che provavano un morboso terrore a causa dei figli d’Israele.+ 13  Di conseguenza gli egiziani resero i figli d’Israele schiavi sotto la tirannia.+ 14  E rendevano amara la loro vita con una dura schiavitù in [lavori di] malta d’argilla+ e mattoni* e con ogni forma di schiavitù nel campo,+ sì, ogni loro forma di schiavitù nella quale li impiegavano come schiavi sotto la tirannia.+ 15  Il re d’Egitto disse poi alle levatrici+ ebree, il nome di una delle quali era Sifra e il nome dell’altra Pua, 16  sì, arrivò fino al punto di dire: “Quando aiutate le donne ebree a partorire e realmente le vedete sullo sgabello per il parto, se è un figlio, allora lo dovete mettere a morte; ma se è una figlia, allora deve vivere”. 17  Comunque, le levatrici temettero il [vero] Dio,+ e non fecero come il re d’Egitto aveva loro parlato,+ ma conservavano in vita+ i figli maschi. 18  A suo tempo il re d’Egitto chiamò le levatrici e disse loro: “Perché avete fatto questa cosa, conservando in vita i figli maschi?”+ 19  A loro volta le levatrici dissero a Faraone: “Perché le ebree non sono come le donne egiziane. Dato che sono piene di vita, prima che la levatrice possa venire da loro hanno già partorito”. 20  Dio dunque trattò bene le levatrici;+ e il popolo si faceva più numeroso e diveniva molto potente. 21  E avvenne che siccome le levatrici avevano temuto il [vero] Dio, in seguito egli diede loro delle famiglie.*+ 22  Infine Faraone comandò a tutto il suo popolo, dicendo: “Ogni figlio appena nato dovete gettarlo nel fiume Nilo, ma ogni figlia dovete conservarla in vita”.+

Note in calce

“Ora questi sono i nomi”: ebr. Weʼèlleh shemòhth. In ebr. questo secondo libro della Bibbia prende nome da queste parole iniziali; a volte abbreviato in Shemòhth. LXXVg chiamano questo libro “Esodo” (gr. Èxodos; lat. Exodus).
“Settanta anime”, MVg; LXX, “settantacinque”. Vedi ntt. a Ge 46:20, 27.
Lett. “lui” o “esso”, cioè il popolo israelita.
“Su di noi”, SamLXXSyVg; il M omette.
Cioè mattoni cotti al sole.
Lett. “ed egli fece per loro delle case”.