Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Esdra 5:1-17

5  E Aggeo+ il profeta e Zaccaria+ nipote di Iddo,+ il profeta, profetizzarono ai giudei che erano in Giuda e a Gerusalemme, nel nome+ dell’Iddio d’Israele [che era] su di loro.+  Fu allora che Zorobabele+ figlio di Sealtiel*+ e Iesua+ figlio di Iozadac si levarono e iniziarono a riedificare la casa di Dio, che era a Gerusalemme; e con loro c’erano i profeti+ di Dio che davano loro aiuto.  In quel tempo Tattenai+ il governatore oltre il Fiume+ e Setar-Bozenai e i loro colleghi vennero da loro, e dicevano loro questo: “Chi vi ha emanato l’ordine di edificare questa casa e di finire questa impalcatura?”*+  Quindi dissero* loro questo: “Quali sono i nomi degli uomini robusti che edificano questo edificio?”  E l’occhio+ del loro Dio mostrò d’essere sugli+ anziani dei giudei, e non li fermarono finché la comunicazione non fosse giunta a Dario e non fosse quindi rimandato indietro un documento ufficiale a questo proposito.  [Ecco] una copia+ della lettera che Tattenai+ il governatore oltre il Fiume+ e Setar-Bozenai+ e i suoi colleghi,+ i governatori minori che erano oltre il Fiume,* mandarono a Dario il re;  gli mandarono il resoconto, e in esso lo scritto era di questo tenore: “A Dario il re: “Ogni pace!+  Sia noto al re che siamo andati nel distretto giurisdizionale+ di Giuda, alla casa del grande Dio,+ ed essa viene edificata con pietre rotolate* [sul posto], e nei muri viene messo il legname; e tale lavoro è fatto con premura e fa progresso nelle loro mani.  Abbiamo quindi interrogato quegli anziani. Abbiamo detto loro questo: ‘Chi vi ha emanato l’ordine di edificare questa casa e di finire questa impalcatura?’+ 10  E abbiamo anche chiesto loro i loro nomi, per farteli conoscere, affinché scrivessimo i nomi degli uomini robusti che sono alla loro testa.+ 11  “E questa è la parola che ci hanno rimandato, dicendo: ‘Noi siamo i servitori dell’Iddio dei cieli e della terra,+ e riedifichiamo la casa che è stata edificata molti anni prima di questo, che un grande re d’Israele edificò e finì.+ 12  Comunque, siccome i nostri padri irritarono+ l’Iddio dei cieli, egli li diede+ in mano a Nabucodonosor+ re di Babilonia, il caldeo,+ ed egli demolì questa casa+ e portò il popolo in esilio a Babilonia.+ 13  Tuttavia, nel primo anno di Ciro+ re di Babilonia,* Ciro il re emanò l’ordine di riedificare questa casa di Dio.+ 14  E anche i vasi d’oro e d’argento+ della casa di Dio che Nabucodonosor aveva tolto dal tempio che era a Gerusalemme, e aveva portato al tempio di Babilonia,*+ questi Ciro il re+ tolse dal tempio di Babilonia e furono dati a Sesbazzar,*+ nome di colui che egli fece governatore.+ 15  E gli disse: “Prendi questi vasi.+ Va, depositali nel tempio che è a Gerusalemme, e sia riedificata la casa di Dio nel suo posto”.+ 16  Quando quel Sesbazzar fu venuto, gettò le fondamenta della casa di Dio,+ che è a Gerusalemme; e da allora fino ad ora viene riedificata ma non è stata completata’.+ 17  “E ora se al re sembra bene, si faccia un’investigazione+ nella casa dei tesori del re che è lì a Babilonia, [per vedere] se è vero che dal re Ciro fu emanato l’ordine+ di riedificare quella casa di Dio a Gerusalemme; e ci mandi la decisione del re a questo riguardo”.

Note in calce

Figlio di Sealtiel”: aram. bar-Sheʼaltiʼèl. Cfr. nt. a Mt 16:17.
“Questa preparazione”, LXX; Vg, “queste mura”.
“Dissero”, LXXSy; MVg, “dicemmo”. Vedi il v. 10.
Cioè l’Eufrate.
Cioè pietre troppo pesanti per essere trasportate.
“Babilonia”, Vg; M, “Babele”; Sy, “Persia”.
“Al tempio di Babilonia”: aram. lehehkhelàʼ di Vavèl; LXX, “al tempio del re”.
“Zorobabele” in 2:2; 3:8.